ESC 2023 – Ucraina: Il 17 dicembre la Finale del Vidbir 2023

L’emittente pubblica ucraina Suspilne / Суспільне ha annunciato che il 17 di dicembre 2022 si svolgerà la Finale della selezione nazionale Vibdir (відбір) 2022, processo di selezione del rappresentante nazionale per la 67ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si svolgerà nel Regno Unito – in attesa di conoscere quale sarà tra la città che ospiterà l’edizione 2023 – per conto dell’emittente pubblica vincitrice dell’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest svoltasi a Torino, l’ucraina UA:PBC, a causa della guerra in atto nel Paese che impossibilita a procedere con l’organizzazione; secondo il bando di gara pubblico recentemente pubblicato.

La Finale del Vibdir 2023 / відбір 2023 «Національного відбору Євробачення 2023 – ПКЄ-2023»  si svolgerà il 17 dicembre 2022 a Kiev presso la stazione della metropolitana Maidan Nezalezhnosti (м. Київ, станція метро «Майдан Незалежності»), condotta da due presentatori: Timur Miroshnychenko / Тімур Мірошниченко insieme ad un’altra persona, ancora non resa nota – che sarà a scelta dei candidati stessi -, secondo prevede il contratto di appalto pubblico per la produzione del Vibdir 2023.

Il termine ultimo per ricevere le candidature per partecipare al Vidbir 2023 si chiuderà il 15 ottobre 2022. Finora sono pervenute 106 candidature da parte di coloro che intendono partecipare per  rappresentare l’Ucraina all’Eurovision Song Contest 2023.

Il vincitore della Finale del Vibdir 2023 / відбір 2023, sarà annunciato durante la trasmissione in diretta della Finale sui canali televisivi e sulle piattaforme digitali Suspilny (телеканалів Суспільного), rappresenterà l’Ucraina all’Eurovision Song Contest 2023 nel Regno Unito. Il vincitore sarà scelto da una combinazione di voto una combinazione di voti del pubblico (50%) e della giuria di esperti (50%), i cui membri saranno scelti dal pubblico, in modo simile a quello utilizzato per lo Junior Eurovision 2022. Da ricordare, i membri che compongono questa giuria di esperti saranno scelti dagli stessi cittadini ucraini, dove potranno votare i loro preferiti, all’interno di una lista fornita dalla vostra televisione pubblica. Senza un numero definitivo, ma chiariscono che i membri selezionati non saranno meno di tre.

Sulla base delle informazioni contenute nell’appalto pubblico, Suspilne ha indetto un concorso per trovare una società di produzione per produrre il suo spettacolo di selezione nazionale, che vedrà il rappresentante dell’Ucraina scelto in vista dell’Eurovision Song Contest 2023.

La sede è provvisoriamente indicata come la metropolitana Maidan Nezalezhnosti stazione di Kiev, una mossa che potrebbe mitigare il rischio che i raid aerei interrompano lo spettacolo. Negli ultimi mesi altri eventi televisivi come il concerto annuale del Giorno dell’Indipendenza si sono svolti nelle stazioni della metropolitana a causa del conflitto in corso con la Russia. La data di trasmissione stimata è indicata come 17 dicembre 2022; dall’11 al 13 dicembre 2022, montaggio scenico; dal 14 al 16 dicembre 2022 si terranno le prove; e dal 18 al 19 dicembre 2022, smontaggio del palco e rimozione delle attrezzature.

Per selezionare la casa di produzione vincitrice, dovranno presentare il progetto in modo molto dettagliato, spiegando il concept dello spettacolo, i bozzetti delle scene, la tecnologia da utilizzare, le persone coinvolte nel progetto e dettagliando i costi di tutto, dove la stessa televisione pubblica ucraina, fissa un tetto di 10.000.000 di grivna, circa 272.000 euro, per l’intero spettacolo.

Il vincitore del bando sarà coinvolto nella messa in scena dei brani dei partecipanti alla selezione nazionale, nella conduzione delle prove e nella progettazione e realizzazione del palco dello spettacolo.

Secondo fonti locali parlano che un totale di 10 canzoni si sfideranno per rappresentare l’Ucraina nel Regno Unito. 

Dmytro Shurov, noto anche come (Pianoboy) / Дмитро Шуров (Pianoбой) è diventato il produttore musicale della Selezione Nazionale per Eurovision 2023 e ha invitato artisti, manager, produttori e cantautori a finalizzare il brano e presentare una domanda di partecipazione alla selezione nazionale: “L’Ucraina dovrebbe essere rappresentata nel Regno Unito da un artista cool e una esibizioen brillante. Questa è un’occasione unica e un onore per rappresentare il nostro Paese in un momento così difficile, per trasmettere il nostro messaggio al mondo, per attirare l’attenzione sulla nostra musica e cultura. A tutti quelli con cui comunichiamo già, e a tutti quelli che ancora pensano ed esitano, ANDIAMO! Leggi le regole e invia una canzone qui.”

.

Kalush Orchestra ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022 a Torino, in Italia, con un totale di 631 punti. Ora detengono il record di aver ricevuto i punti di televoto più alti nella storia del concorso e si sono classificati anche al 4° posto con le giurie. A causa della guerra in corso, l’Ucraina non ospiterà l’Eurovision Song Contest2023, segnando la prima volta dal 1980 che il concorso non si terrà nel precedente paese vincitore. Tuttavia, l’Ucraina si qualificherà automaticamente per la finale, poiché sono i campioni in carica.

L’Ucraina è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Torino dal gruppo musicale ucraino KALUSH Orchestra con il brano “Stefania” (Стефанія), pubblicato il 7 febbraio 2022 su etichetta discografica Columbia Records ed Enko. I Kalush con l’inedito “Stefania” (Стефанія) hanno partecipato all’annuale selezione ucraina per l’Eurovision Song Contest. Il testo del brano, scritto interamente in lingua ucraina, è un’ode alle madri, dipinte come figure forti e amorevoli. Nella selezione ucraina, che si è svolta il successivo 12 febbraio 2022, i Kalush si sono piazzati secondi, conquistando il primo posto nel televoto e il terzo nel voto della giuria, dietro ad Alina Pash / Аліна Паш  con la sua “Shadows of Forgotten Ancestors” (Tini zabutykh predkiv, Tіні забутих предків), la quale, tuttavia, ha dovuto ritirare la sua candidatura come rappresentante eurovisiva quattro giorni dopo per via di una controversia. Il 22 febbraio è stata confermata la decisione dell’emittente responsabile per la partecipazione eurovisiva ucraina, UA:PBC, di selezionare i Kalush come rappresentanti nazionali a Torino. Nel maggio successivo, dopo essersi qualificata dalla Prima Semi-Finale dell’Eurovision Song Contest 2022, la Kalush Orchestra si è esibita nella Finale eurovisiva, risultando vincitrice con 631 punti totalizzati, di cui 439 dal televoto, ottenendo il record assoluto di voti dal pubblico nella storia della competizione. Si tratta della terza vittoria eurovisiva dell’Ucraina dopo le edizioni 2004 e 2016.

Il Paese ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 2003, partecipandovi senza interruzioni (17 partecipazioni, 17 finali) fino al 2015 per poi riprendere dall’anno successivo fino al 2019. Ha vinto la competizione in tre occasioni: nel 2004 con “Wild Dances” (Дикі Танці) di Ruslana (Руслана), nel 2016 con “1944” di Jamala / Джамалa e nel 2022 con “Stefania” (Стефанія) della Kalush Orchestra.

La nazione è l’unica, al di fuori delle Big 5, a non aver mai mancato la Finale. Si ritira solo per un anno, ossia l’edizione del 2015 (per problemi economici derivati dalle spese militari per il conflitto con la Russia, nella guerra dell’Ucraina orientale, ritornando all’edizione del 2016, vincendola grazie alla cantante Jamala / Джамала  con la canzone “1944”.

Nel 2019 a vincere la selezione nazionale è la cantante MARUV (Anna Korsun, Ганна Корсун) con il brano “Siren Song”, ma due giorni dopo l’artista è stata costretta a rinunciare a rappresentare il suo paese, per motivi contrattuali con l’emittente pubblica ucraina UA:PBC, sempre legati ai rapporti con la Russia e che he le aveva chiesto, vista la sua popolarità anche nell’ex stato sovietico, di annullare i concerti programmati in Russia e di autofinanziarsi totalmente tutto il periodo eurovisivo. Dopo che gli altri partecipanti della selezione nazionale Vidbir hanno rifiutato di partecipare per gli stessi motivi, l’emittente pubblica ucraina UA:PBC annuncia il ritiro dalla competizione.