ESC 2014: Le Cartoline con i cantanti creando la bandiera del loro paese

postcards Quest’anno l’emittente pubblica danese, DR, è impostata per dare uno sguardo più da vicino ai partecipanti durante gli spettacoli di Maggio e permettere che gli spettatori di tutto il mondo conoscano meglio gli artisti.

“Saremo più vicini ai partecipanti. Voi come spettatori dovrete avere la sensazione di conoscere l’artista che in quel momento è sul palco”, afferma Jan Lagermand Lundme, Produttore dello show della DR, spiegando la filosofia che ispira gli spettacoli di quest’anno.

Ciò significa che le clip che vengono trasmesse tra una canzone e l’altra, le cosiddette postcards (cartoline), si concentreranno sull’artista che sarà sul palco subito dopo.

Così, gli artisti assumeranno un ruolo ancora più attivo nella creazione di brevi filmati, chiedendo loro di interpretare la bandiera del loro paese, in modo tale che gli spettatori potranno conoscere l’artista e il paese stesso.

“I criteri per creare delle postcards (cartoline) di successo è che tutti i paesi sentano che loro e i loro artisti sono rappresentati nel miglior modo possibile. Se uno spettatore dopo aver visto la postcard, si sente più vicino e acquista familiarità con il paese e il suo artista, allora abbiamo raggiunto il nostro scopo”, conclude Lagermand Lundme.

Alcune troupe cinematografiche visiteranno tutti i 37 paesi partecipanti e le clip saranno prodotte da Treshow Film Production.

Oltre alle cartoline, la DR sta lavorando anche all’Interval Act della Finale dell’ESC 2014. A Dicembre è stata lanciata l’iniziativa #MyEurovisionIdea, mediante la quale tutti i fan possono esprimere le loro idee, anche quelle più folli, per l’interval Act.

Jan Lagermand Lundmeì è rimasto colpito dalla creatività delle idee arrivate: “Abbiamo ricevuto un numero così enorme di idee fantastiche che ora abbiamo preso la decisione di inserire il risultato dei contributi – l’Interval Act sarà basato su queste idee – come parte della Finale dellEurovision Song Contest 2014!”

“Detto questo, siamo ancora lontani dalla decisione finale – accettiamo con entusiasmo le idee più strane e spettacolari per creare momenti di spettacolo che non si sono mai visti sul palco prima. Io non voglio rivelare troppo, ma questa non sarà l’ultima volta in cui chiederemo idee e contributi da parte degli spettatori e dei fan di tutto il mondo”, aggiunge.

Le migliaia di idee con il tag #MyEurovisionIdea trasudano creatività e ispirazione. Alcune delle idee propongono vere sirenette, mattoncini Lego, Vichinghi, leggende dell’Eurovisione come Céline Dion e gli ABBA e persino un “hug-a-thon” una sorta di abbraccio di gruppo fra gli spettatori di tutta Europa.