ESC 2014: L’EBU-UER rafforza le misure di sicurezza per garantire l’integrità del voto

The EBU headquarters in Geneva

Le emittenti partecipanti avranno maggiori responsabilità per garantire l’integrità del voto all’Eurovision Song Contest.

L’annuncio arriva da parte del Gruppo di Riferimento (Reference Group), a seguito alla conclusione dell’inchiesta ufficiale che da parte della European Broadcasting Union (EBU-UER) su alcuni tentativi che si sono registrati all’ESC 2013 per influenzare ingiustamente televoto al concorso.

L’ inchiesta ha confermato che ci sono stati dei tentativi di frode, ma che non hanno sortito effetto a causa delle rigide procedure di sicurezza in vigore. I voti falsati sono stati successivamente dichiarati nulli ai sensi del regolamento del concorso  ed il risultato dell’anno scorso è stato confermato valido.

Non è stata trovata nessuna prova che colleghi qualche emittente a qualsiasi attività improprio o che suggerisca che fosse a conoscenza della provenienza delle attività fraudolente.

Per rafforzare la credibilità del voto e per proteggere ulteriormente il brand Eurovision Song Contest, il Gruppo di Riferimento ha rafforzato le misure al fine di garantire l’integrità, l’efficienza e il regolare funzionamento del voto.

Se le irregolarità di voto dovesse essere rilevate prima, durante o dopo la gara in favore di qualsiasi paese rappresentato, il Gruppo di Riferimento avvierà automaticamente le procedure che comportano come pena anche l’esclusione della rispettiva emittente dal concorso per un massimo di tre anni consecutivi.

“Così come le squadre di calcio sono, in linea di principio, responsabili del comportamento dei loro tifosi, controlleremo – caso per caso – la partecipazione delle emittenti responsabili e le renderemo responsabili della prevenzione delle irregolarità di voto in favore del loro rappresentante”, ha affermato il Dr Frank Dieter Freiling, presidente del Gruppo di Riferimento.

logo

Nel Settembre 2013, l’EBU-UER aveva imposto regole più severe e imposto maggior trasparenza rispetto alla votazione (di ogni singolo membro) delle giurie nazionale per l’ESC 2014.

La procedura di voto è supervisionata dal Supervisore Esecutivo dell’EBU-UER, dalla società Digame partner per il voto del concorso e da osservatori della PwC.

“Il vincitore dell’Eurovision Song Contest è deciso dalle giurie professionali e dagli spettatori a casa, ciascuno con una quota del 50% del risultato”, dice Jon Ola Sand, Supervisore Esecutivo del Concorso, a nome della EBU-UER. “In questo contesto, non c’è posto per i tentativi organizzati di influenzare ingiustamente il risultato.”

Il 2014 Eurovision Song Contest si svolgerà il 6, 8 e 10 Maggio nella capitale danese di Copenhagen, ospitato dall’EUROVISION e dall’emittente pubblica danese, DR.