ESC 2018 – Irlanda: Ecco “Together” di Ryan O’Shaughnessy per Lisbona

L’emittente pubblica irlandese RTÉ ha presentato oggi “Together” il brano con cui Ryan O’Shaughnessy rappresenterà  l’Irlanda (il paese con più vittorie) alla 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la prima volta in assoluto in Portogallo, presso la MEO Arena della città di Lisbona l’8, il 10 e il 12 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Salvador Sobral con “Amar pelos dois” (Loving for both of us).

“Together”, una bella ballata che ricorda molto gli anni 90, presentata nel corso del programma radiofonico The Ray D’Arcy Show su RTÉ Radio 1, è stata scritta espressamente per l’Eurovision Song Contest dallo stesso Ryan in collaborazione con Mark Caplice e Laura Elizabeth Hughes, due autori che lavorano in The Nucleus, un nuovo team irlandese di compositori fondato da Hamlet Sweeney, che porta in Irlanda il modello internazionale di scrittura collaborativa. 

Ryan ha dichiarato: “Io e gli autori abbiamo voluto riproporre quel clima semplice ma allo stesso tempo magico delle vecchie ballate irlandesi come “Rock’n’roll kids” e la vincitrice dello scorso anno che ha tracciato una nuova direzione in fatto di musica all’Eurovision dove le canzoni possono emergere nella loro semplicità…“.

39 de 43 concorrenti in gara all’edizione 2018 dell’Eurovision Song Contest, sono stati svelati: SENNEK (Laura Groeseneken) con “A Matter Of Time” (Een kwestie van tijd) per il Belgio, Saaro Aalto con “Monsters” per la Finlandia, AISEL (Aysel Mammadova, Aysel Məmmədova) con “X My Heart” per l’Azerbaigian, Waylon (Willem Bijkerk) con “Outlaw in ‘Em” per i Paesi Bassi, Cesár Sampson con “Nobody but You” (Niemand außer dir) per l’Austria, Jessica Mauboy “#We got love” per l’Australia, Eugent Bushpepa con “Mall” (Yearning) per l’Albania, L’Ethno Jazz Band IRIAO (ეთნო ჯაზ-ბენდი “ირიაო”) con „შენი გულისთვის” (Sheni gulistvis, For You) per la Georgia, Madame Monsieur  con “Mercy” per la Francia, Yulia Samoilova (Юлия Самойлова) per la Russia, Mikolas Josef con “Lie To Me” per la Repubblica Ceca, Alfred ed Amaia con “Tu canción” (Your song) per la Spagna, Ryan O’Shaughnessy con “Togheter” per l’Irlanda, Eleni Foureira / Ελενη Φουρεϊρα con “Fuego”  (Fire) per Cipro, Christabelle con “Taboo” per Malta, il duo ZiBBZ con “Stones” (Steine, Pierres) per la Svizzera, SuRie con “Storm” per il Regno Unito, Rasmussen con “Higher Ground” (Højere Grund) per la Danimarca, Ermal Meta e Fabrizio Moro con “Non Mi Avete Fatto Niente” (You did nothing to me) per l’Italia, Franka Batelić con “Crazy” per la Croazia, gli Eye Cue (Ај кју) con “Lost and Found” per l’ERI di Macedonia, Netta Barzilai נטע ברזילי con “Toy” per Israele, Gianna Terzi (Γιάννας Τερζή) con “Oneiro Mou” (Όνειρό Μου, My Dream) per la Grecia, ALEKSEEV con “Forever” (Назавжди) per la Bielorussia, Vanja Radovanović (Вања Радовановић) con “Inje” (Иње, Frost) per il Montenegro, Sanja Ilić & Balkanika (Сања Илић и Балканика) con “Nova Deca” (Naša deca / Наша деца / Our Children) per la Serbia, Michael Schulte con “You Let Me Walk Alone” (Du lässt mich alleine gehen) per la Germania, DoReDoS con “My Lucky Day” per la Moldavia, Lea Sirk con “Hvala, ne!” (No, thanks!) per la Slovenia, MÉLOVIN con “Under The Ladder” (Під сходами) per l’Ucraina, gli AWS con “Viszlát Nyár” (Goodbye, Summer) per l’Ungheria, Laura Rizzotto con “Funny Girl” (Smieklīgā meitene), Sevak Khanagyan (Սեւակ Խանաղյան) con “Qami” (Քամի, Wind) per l’Armenia, The Humans con “Goodbye per la Romania, Elina Netšajeva (Elina Nechayeva) con “La Forza” per Estonia, GROMEE feat. Lukas Meijer con “Light Me Up” per la Polonia, Jessika feat. Jenifer Brenin con “Who We Are” per San Marino, Ari Ólafsson con “Our Choice” per l’Islanda e Cláudia Pascoal con O jardim” (The garden) per il Portogallo.

Ryan O’Shaughnessy è nato nel 1992 in una famiglia di musicisti, a Skerries nel nord di Dublino, ed è diventato uno studente della Billie Barry Stage School all’età di 4 anni. Quando aveva 8 anni, per l’artista è nata l’opportunità di interpretare il ruolo di Mark Halpin nel Fair City di RTÉ, un ruolo che ha interpretato per quasi un decennio, trascorrendo la sua adolescenza sugli schermi irlandesi. All’età di 17 anni, la musica l’era diventata una priorità e lasciò Fair City per perseguire una carriera nella musica.

Ryan suona chitarra, pianoforte e sassofono mentre produce e scrive per vari artisti, tra cui Julia Fordham, il vincitore del Grammy Joy Williams, Mark Nevin e il cantautore pluripremiato Kimmie Rhodes

Mentre studiava al DIT (Dublin Institute of Technology) dove ha intrapreso un corso di musica nell’ambito del BIMM (Brighton Institute of Modern Music) a Dublino, come cantautore nel 2012, Ryan ha scritto la sua prima raccolta di canzoni e prima dell’uscita di queste canzoni, Ryan ha partecipato a Britain’s Got Talent arrivando in finale (5º posto) e nello stesso anno ha anche partecipato a The Voice nel team di Brian Kennedy che a sua volta rappresentò l’Irlanda nel 2006 con la canzone numero 1000 della storia dell’Eurovision Song Contest, “Every song is a cry for love”.

Nel luglio 2013 ha partecipato a The Hit, affrontando il suo ex coach The Voice of Ireland Brian Kennedy, vincendo con il singolo “Who Do You Love?”, che ha raggiunto il n.3 nelle classifiche irlandese. Dopo la sua apparizione nel concorso di scrittura di canzoni irlandesi – The Hit – nel 2013, il cantante ha continuato a lavorare sul proprio materiale, fondando l’etichetta discografica di Dublino, Bayview Records, nel 2015. Lo stesso anno, O’Shaughnessy ha pubblicato 2 nuovi brani, “Fingertips” ed “Evergreen”, seguiti poco dopo da un altro singolo auto-composto, She won’t wait.

Ha inciso il suo primo album ‘Back to Square One’ nel 2016, ma nel 2013 è uscito il primo EP (eponimo) che ha raggiunto il numero 1 in Irlanda per tre settimane consecutive e ha raggiunto il n. 9 nelle classifiche del Regno Unito. Dall’EP è stato estratto il singolo “No name”, terzo in patria. Attualmente é in tournée negli Stati Uniti e il Canada.

Nel 2001 suo zio Gary O’Shaughnessy rappresentava l’Irlanda all’Eurovision Song Contest di Copenhagen con il brano “Without Your Love”, finendo peraltro 21° con 6 punti.

L’Irlanda si esibirà nella Prima Semifinale di martedì 8 maggio. Il paese è stato rappresentato nella scorsa edizione tenutasi a Kyiv, da Brendan Murray con il suo brano “Dying to try” (selezionati internamente), non riuscendo a raggiungere il Gran Finale e ottenendo un 13° posto nella Seconda Semi-Finale con 86 punti.

L’Irlanda partecipa fin dal 1965 (51 partecipazioni, 44 finali). Detiene il record assoluto di vittorie, ben sette: nel 1970, 1980, 1987, 1992, 1993, 1994 e nel 1996.

Inoltre è l’unico paese ad aver vinto per tre anni consecutivi nonché l’unico paese ad aver all’attivo due vittorie conquistate con lo stesso artista, Johnny Logan (tre vittorie come autore); un altro record lo detiene il Point Theatre di Dublino, che ha ospitato 3 volte l’evento (1994, 1995, 1997) e la capitale irlandese stessa, che ben 6 volte ha ospitato la gara (1971, 1981, 1988, 1994, 1995 e 1997).