ESC 2019 – Polonia: TVP conferma la partecipazione prelimanare all’ESC 2019

Secondo quanto si apprende del sito ufficiale dell’emittente pubblica polacca TVP è intenzionata a partecipare ancora una volta alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest e alla sedicesima edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2018 che si terrà per la seconda volta in Bielorussia – dopo lo Junior Eurovision Song Contest 2010 – presso  la Minsk Arena  (Мінск-Арэна) il prossimo 25 novembre 2018.

La conferma arriva una settimana prima della finale dell’Eurovision Song Contest 2018 in un documento che delinea le intenzioni di TVP per il prossimo anno. Si conferma anche che saranno presenti alla 19ª edizione dell’Eurovision Young Musicians 2018 che si terrà in Edimburgo ad agosto e allo Junior Eurovision Song Contest 2018 che si terrà a novembre in Minsk.

La Polonia è attualmente campione in carica dell’Eurovision Young Musicians e dell’Eurovision Young Dancers, tuttavia non hanno ancora vinto l’Eurovision Song Contest e lo Junior Eurovision Song Contest.

GROMEE feat. Lukas Meijer con il brano „Light me up”, scritto da Andrzej Gromala, Lukas Meijer, Mahan Moin, Christian Rabb  a difendere i colori della Polonia a Lisbona.

GROMEE è uno dei più seguiti DJ in Polonia. Oltre a vari brani di successo, diversi remix quali un brano dei famosissimi Depeche Mode, di Nelly Furtado e persino del nostro Giorgio Moroder.

Lukas Meijer è un vocalista svedese, con cui aveva già collaborato, famoso per essere cantante e autore di musica e testi della rock band No Sleep for Lucy.

Il disc jockey polacco Gromee e il cantantesvedese Lukas Meijer gareggeranno nella seconda semifinale del 10 maggio 2018, competendo con altri 17 artisti per uno dei dieci posti nella finale del 12 maggio.

Il Paese è stato rappresentato nella scorsa edizione tenutasi a Kyiv, da Kasia Moś e il suo brano “Flashlight” (scelti attraverso la selezione nazionale, Krajowe Eliminacje 2017), il singolo di lancio per il suo secondo album. Kasia ha vinto il voto della giuria, ottenendo il massimo dei punti da tutti e cinque i giurati, ma è arrivata seconda nel televoto dietro a “Faces” di Carmell. Tuttavia, visti i voti insufficienti della giuria per la canzone di Carmell, Kasia è stata proclamata vincitrice e rappresenterà la Polonia all’Eurovision Song Contest 2017 in programma per il mese di maggio a Kiev (Ucraina).

Il Paese ha partecipato all’Eurovision Song Contest 19 volte (13 Finali) dal suo debutto nel 1994 conquistando immediatamente un secondo posto in classifica, miglior risultato finora acquisito con il brano “To nie ja!” (It wasn’t me / Once in a Lifetime) di Edyta Górniak. Inoltre il Paese ha raggiunto la Top ten in altre due occasioni, quando Ich Troje con “Keine Grenzen – Żadnych granic” (“No Borders”) ha raggiunto il 7° posto nel 2003 e Michał Szpak con “Color of Your Life” (Il colore della tua vita)  ha raggiunto il 8° posto nel 2016.

Tra il 2005 e il 2011, il Paese non ha centrato la Finale sei volte su sette. Nel 2000 la Polonia fu obbligata a prendere un anno di pausa forzata a causa del punteggio insufficiente nei concorsi degli anni precedenti insieme a Bosnia Erzegovina, Lituania, Portogallo e Slovacchia, mentre in base al regolamento dell’anno precedente, il paese era fra i partecipanti passivi, quelli che nel 2001 si erano classificati nelle ultime posizioni e fu esclusa  fu una delle sei nazioni escluse dall’edizione 2002. 

Nel 2012 a causa dell’impegno negli Europei di Calcio 2012 (ospitati insieme all’Ucraina) e nella trasmissione delle Olimpiadi di Londra e nel 2013 non partecipa a causa degli alti costi dei diritti televisivi per gli Europei di Calcio 2012 sommati a quelli delle Olimpiadi di Londra. Nel 2014 è tornata in gara dopo due anni di assenza, con Donatan i Cleo e raggiunge la Finale grazie alla loro proposta provocante e il brano “My Słowianie – We Are Slavic” (My Słowianie, We Slavs). Nel 2015 la rappresentante Monika Kuszyńska è diventata la prima disabile in sedia a rotelle ad esibirsi all’Eurovision Song Contest.