JESC 2018: Galles debutta allo Junior Eurovision Song Contest

JESC-2018-Galles.jpg

Dopo l’Irlanda e la lingua gaelica irlandese, lo Junior Eurovision Song Contest 2018, la versione per bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni della manifestazione eurovisiva, continua ad essere un ‘laboratorio’: il prossimo 25 novembre a Minsk debutterà infatti il Galles.

L’annuncio è stato dato in una conferenza stampa che si è svolta a Lisbona nel corso dell’Eurovision Song Contest 2018, nella quale è stato annunciato che i ragazzi interpreti delle canzoni potranno anche essere soltanto tali: non sarà infatti più previsto il loro coinvolgimento nella stesura dei brani in gara.

Tornando al Galles, parteciperà con S4CSianel Pedwar Cymru, l’emittente pubblica in lingua gallese che afferisce a Channel 4, broadcaster anch’esso membro dell’EBU-UER. Si conclude così un ‘corteggiamento’ in atto da qualche anno.

S4C, che organizzerà una apposita selezione, Chwilio am seren (Search for a Star), riporta dunque in concorso 13 anni dopo il Regno Unito, che vi ha preso parte per tre volte, dal 2003 al 2005 sotto l’egida di ITV, tv commerciale anch’essa membro EBU per via della programmazione anche su base regionale.

S4C ha lanciato Chwilio am seren (Search for a Star) per trovare il loro primo partecipante al concorso. Il concorso è aperto a singoli o gruppi (massimo 6 membri) di età compresa tra 9 e 14 anni il 25 novembre 2018. I cantanti dovranno esibirsi in gallese e la selezione sarà avviata con audizioni aperte in tutto il Galles.

Il presentatore Trystan Ellis-Morris affronta la ricerca, ed è affiancato da performer esperti, Connie Fisher, Tara Bethan e Stifyn Parri, che guideranno i giovani cantanti attraverso il processo.

Ecco di seguito le date delle audizioni:

  • Llandudno – 10 giugno
  • Aberystwyth – 17 giugno
  • Cardiff – 23 giugno
  • Cardiff – 24 giugno 

Saranno quindi selezionati 12 giovani artisti per passare alla fase successiva per sviluppare le loro capacità in compagnia dei tre mentori esperti e degli vocal coaches. I migliori 6 giovani artisti si sfideranno quindi nella finale nazionale in diretta in cui una giuria di esperti e il pubblico sceglierà il miglior giovane artista o gruppo che rappresenterà il Galles al concorso il prossimo novembre.

S4C torna dunque ad essere parte attiva di un programma continentale dopo il debutto nello scorso anno al Choir of the Year e 24 anni dopo la partecipazione a Giochi Senza Frontiere, dove organizzò la partecipazione gallese dal 1991 al 1994.

Si tratta di un esordio importante perché di fatto potrebbe fare da apripista al ritorno in gara di altre grandi nazioni, che al momento – Italia a parte – sono fuori dal concorso e che l’EBU-UER sta cercando di far tornare o – nel caso della Germania – debuttare.

Nelle tre partecipazioni il Regno Unito ha messo insieme un secondo ed un terzo posto. Attualmente i paesi iscritti in gara sono 9: Armenia,  Bielorussia, Georgia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Russia e appunto il Galles.