ESC 2020 – Israele: KAN conferma la partecipazione all’ESC 2020

IPBC-KAN-logo1-720x340

L’emittente pubblica israeliana IPBC (Israeli Public Broadcasting Corporation; תאגיד השידור הישראלי‎, Ta’agid HaShidur HaYisra’eli‎) (KAN, כאן‎, Here) ha confermato che l’Israele parteciperà alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2020 che si svolgerà per la quinta volta nei Paesi Bassi (dopo le edizioni dell’Eurovision Song Contest 1958, 1970, 1976 e 1980), grazie alla vittoria di Duncan Laurence con la canzone “Arcade” nell’edizione precedente, presso la Rotterdam Ahoy.

Israele, paese ospitante di quest’anno, ha confermato la partecipazione all’Eurovision Song Contest 2020. I media israeliani hanno riferito che il Paese utilizzerà ancora una volta HaKokhav HaBa per selezionare il proprio artista, ma utilizzerà anche uno spettacolo diverso per selezionare la propria canzone. Lo spettacolo conterrà da tre a cinque canzoni che saranno votate dal pubblico.

Dopo il successo dello scorso anno, l’emittente pubblica israeliana IBA (רשות השידור‎), è intenzionata ad usare la settima stagione del talent show ‘The Next Start’ (הכוכב הבא, HaKokhav HaBa) noto come ‘Rising Star’ in altri paesi, come selezione nazionale del paese per selezionare il candidato israeliano per l’edizione 2020 dell’Eurovision Song Contest, chiamato in questa edizione ‘HaKochav Haba Le’eyrovizion 2020’ (“הכוכב הבא לאירוויזיון 2020”, The Rising Star for Eurovision 2020) (per evidenziare il fatto che il vincitore del concorso andrà all’ESC). Nei prossimi mesi saranno rilasciati ulteriori dettagli.

Israele è tra gli altri 20 paesi che hanno confermato la partecipazione fino ad oggi, incluso il ritorno dell’Ucraina, che si è ritirato dal concorso nel 2019.

Israele è stato rappresentato nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv, dal cantante israeliano Kobi Marimi / קובי מרימי e il suo brano “Home” (בית) (scelta attraverso il processo di selezione nazionale israeliano per l’Eurovision Song Contest 2019, HaKochav Haba Le’eyrovizion 2019. Il brano è stato scelto da una giuria di esperti selezionata dal nuovo ente televisivo israeliano IPBC).  All’Eurovision Kobi si è classificato 23º su 26 partecipanti con 35 punti totalizzati, tutti provenienti dal televoto. La giuria non gli ha assegnato alcun punto.

Israele partecipa fin dal 1973 (42 partecipazioni, 36 Finali). Ha vinto per quattro volte la manifestazione (nel 1978 con Yizhar Cohen and Alpha Beta (יזהר כהן והאלפא ביתא) e il brano “A-Ba-Ni-Bi” (א-ב-ני-בי), nel 1979 con Gali Atari (גלי עטרי) and Milk & Honey (חלב ודבש) e la canzone “Hallelujah” (הללויה) (dominando su paesi storici per ben due edizioni di seguito), nel 1998 con Dana International (דנה אינטרנשיונל) e il brano “Diva” (דיווה)) e nel 2018 con Netta Barzilai (נטע ברזילי‎) e il suo brano “TOY” (טוי), ma l’ha ospitata solo per quattro edizioni (nel 1979 e nel 1999 a Gerusalemme presso l’International Convention Center (מרכז הקונגרסים הבינלאומי‎‎, Merkaz HaKongresim HaBeinLeumi), noto anche come Binyenei HaUma (בנייני האומה‎‎, Buildings of the nation). Nel 1980, pur avendone diritto, lascia ai Paesi Bassi l’onore organizzativo e si ritira per quell’anno. Nel 2019 la 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2019 si è svolta presso l’Expo di Tel Aviv.

Dall’introduzione delle Semi-Finali nel 2004, Israele non è riuscito a raggiungere la Finale in sei occasioni. Nel 2014, il paese non è riuscito a qualificarsi per il 4° anno consecutivo nella Finale. Nel 2015, il paese ha raggiunto la Finale per la prima volta in cinque anni, con Nadav Guedj (נדב גדג’) finendo nono. Fino al 2018 la posizione migliore raggiunta è un quarto posto nel 2005 con “HaSheket SheNish’ar” (השקט שנשאר‎, The Silence that Remains) cantata di Shiri Maimon (שירי מימון), che ha segnato il decimo Top Five del Paese nella gara. Nel 2015, Israele ha raggiunto la Finale per la prima volta in cinque anni, con Nadav Guedj (נדב גדג’‎‎) con il brano Golden Boy (נער הזהב) finendo nono posto in Finale con un totale di 97 punti.