Sanremo 2020: Tutte le novità dalla presentazione ufficiale di Area Sanremo 2019


Presentata quest’oggi a Milano l’edizione 2019 di Area Sanremo, in presenza di Alessandro Sindoni vicesindaco e assessore al turismo del comune di Sanremo, Livio Emanueli, neo presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo, Massimo Cotto direttore artistico di Area Sanremo e Franco Mussida presidente del CPM Music Institute, anche quest’anno Educational Partner della manifestazione.

Nel corso dell’incontro, oltre a confermare i punti fermi di questa nuova edizione (iscrizione gratuita, svolgimento solo a Sanremo, brano inedito per tutti gli iscritti, due dei vincitori direttamente ammessi al Festival 2020) sono stati svelati i nomi dei cinque componenti della Commissione di valutazione.

Il concorso canoro per l’edizione 2019 ha subito diversi cambiamenti, primo fra tutti l’eliminazione del tour e delle selezioni in giro per l’Italia. Area Sanremo porterà 2 giovani al Festival del 2020, dopo numerose fasi selettive. La prima fase di corsi e audizioni eliminatorie è quella che si svolgerà a Sanremo in due tornate dal 18 al 20 e dal 25 al 27 ottobre.

La seconda fase si svolgerà invece dall’8 al 10 novembre ed emergeranno da lì gli 8 vincitori. Da questi ultimi, la Commissione Rai sceglierà i due partecipanti che andranno ad unirsi ai 6 di Sanremo Giovani per comporre gli 8 ufficialmente in gara al Festival di Sanremo 2020 nella categoria delle Nuove Proposte.

Area Sanremo però non è solo selezioni per il Festival della Canzone Italiana ma anche possibilità di formazione per i ragazzi provenienti da tutta Italia, con un unico sogno da realizzare: quello di calcare il palco del Teatro Ariston. L’intera manifestazione quest’anno sarà totalmente gratuita in tutte le sue fasi grazie all’intervento di un importante sponsor. Il progetto è sostenuto da Siae, Nuovo Imaie, Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo, ovviamente Cpm, e Michele Affidato (orafo ufficiale di Area Sanremo che anche quest’anno realizzerà i premi del concorso). Tutti i corsi di formazione sono stati affidati al CPM Music Institute di Milano come Educational Partner confermando la proficua collaborazione instaurata nelle scorse edizioni.

Ancora aperte le iscrizioni: fino al 21 ottobre, i giovani e le band possono iscriversi a patto che rispettivo i requisiti del regolamento. La Commissione di Area Sanremo è presieduta da Vittorio De Scalzi e formata da Andy dei BluvertigoTeresa De SioGianni Testa e Petra Magoni. Saranno loro a scegliere gli 8 vincitori tra i quali poi la Rai sceglierà le 2 Nuove Proposte da presentare in gara.

Ecco di seguito il programma Calendario Corsi Area Sanremo 2019

CALENDARIO-CORSI-AREA-SANREMO-2019-724x1024.jpg

  • ANDREA RODINI – Diplomato in canto presso la Scuola Civica di Jazz , ha studiato violino, pianoforte e recitazione. È co-fondatore della band Teka P, dove ricopre il ruolo di cantante, compositore, arrangiatore e manager, e dal 2005 fa parte del gruppo vocale Le Voci Atroci con Andrea Ceccon e Fabrizio Casalino (Colorado Cafè). Parallelamente all’attività concertistica ,che lo ha visto impegnato in qualità di vocalist al fianco di Massimo Ranieri, Elisa e Biagio Antonacci, dal 2008 è impegnato in masterclass in tutta Italia e partecipa come insegnante e come giudice a SanremoLab, concorso musicale legato al Festival di Sanremo, individuando e selezionando giovani artisti tra cui Arisa. Nel biennio 2008/2010 è vocal coach di Morgan nelle prime due edizioni di XFactor. Dal 2010 è produttore artistico di Renzo Rubino. Dal 2011 è direttore artistico della casa discografica Spaghetti Records. Da febbraio 2015 è vocal coach dei talenti di Noemi nel programma The Voice of Italy. Nel 2016 è produttore e direttore d’orchestra a Sanremo degli artisti Miele e Mahmood, entrambi suoi allievi al CPM. In CPM dal 2008, insegna Interpretazione e Tecniche d’Improvvisazione.
  • FABIO INGROSSO – Milanese, comincia a studiare, non ancora adolescente, recitazione, canto e danza negli Stati Uniti. Tornato in Italia viene notato da Saverio Marconi e partecipa con il ruolo di Daniele al musical Sette Spose per Sette Fratelli della Compagnia della Rancia. Continua la sua carriera teatrale con Dance! e poi con Musical, Maestro affiancando Manuel Frattini. Scrive il musical Replay assieme a Riccardo Scirè e Mauro Simone, co-prodotto dalla Compagnia della Rancia in scena in tutta Italia. Scrive CrossF8, in fase di pre-poduzione a Broadway, NY. Ha prestato la sua voce a moltissimi spot pubblicitari (Sammontana, Estathè, Chupa Chups, Play Station 2). Dal 2006 al 2011 è stato la voce ufficiale di MTV e dal 2008 lo è di Radio 105. Collabora con gli Articolo 31 cantando il pezzo Due su due nell’ album Domani smetto. E’ co-autore di alcuni brani dei Gemelli DiVersi: Chillin’ e Icaro. In CPM dal 2011, insegna Presenza Scenica.
  • TOMMASO FERRARESE – Polistrumentista (violino, pianoforte, chitarra, basso e tromba), cantante e corista, inizia presto l’attività musicale nel coro del Conservatorio Giuseppe Verdi con il quale si esibisce in numerose occasioni. Successivamente è chitarrista e cantante in diversi progetti musicali, nonché compositore e musicista di scena in numerosi spettacoli teatrali. Dal 2000 al 2006 è corista e solista nei No One Else con i quali porta un repertorio di gospel contemporaneo in Europa, e nei Sails, in quintetto vocale. Per dieci anni è nei TekaP come chitarrista e direttore musicale. Nel 2008 è in tour con CeCe Rogers come direttore musicale e del coro, nonché chitarrista e bassista, per StandUp a Gospel Revolution. Dal 2010 collabora con l’etichetta BlackAce, come pianista e chitarrista. E’ attualmente vocal coach di Max Pezzali. In CPM dal 2009, è Responsabile della sezione di Canto e insegna Contemporary Vocal Styles, Vocal Technique, Coro.
  • DINO D’AUTORIO – Nel corso della sua carriera collabora in qualità di musicista/bassista per dischi, tournée e produzioni televisive con artisti italiani e di fama internazionale, tra cui: Andrea Bocelli, Al Bano, Angelo Branduardi (tour europeo 2000/2002), Andrea Braido (Latin Braidus), Michael Bublé, James Blunt, Banco Del Mutuo Soccorso (Capolinea), Claudio Baglioni, Loredana Berté, Adriano Celentano (tour europeo), Riccardo Cocciante (col quale suona e collabora per quattro anni), Fabio Concato (Domenica Bestiale), Franco Califano, Alberto Camerini, Gigi D’Alessio, Tullio De Piscopo, Pino Daniele, Eduardo De Crescenzo, Fabrizio De André (Creuza de Ma) , Cristiano De André, Elisa, David Foster, Alberto Fortis, Dario Fo, Mike Francis, Francesco Guccini (Amerigo), Giorgia, Giorgio Gaber, Gloria Gaynor, Enzo Jannacci, Luca Jurman (Live at Blue Note), Kano, Mina, Milva, Amedeo Minghi (Serenata), Mia Martini, Gianni Morandi, Franco Mussida, Pino Mango, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini (America), Dolcenera, New Trolls, Nek, Perez Prado Pantaleon, Mauro Pagani (Sogno di una Notte di Mezza Estate), Laura Pausini, Patti Pravo, Eros Ramazzotti, Massimo Ranieri (Perdere l’amore), Enrico Ruggeri (La Parola ai Testimoni e Contatti), Lionel Ritchie, Amy Stewart, Siria, Formula Tre, Roberto Vecchioni, Antonello Venditti, Ornella Vanoni, Renato Zero (Icaro,Tregua, Zero e ZerOpera), Zucchero. Dal 2000 è parte della struttura editoriale Il Volo Srl ed è responsabile artistico dei magazines Guitar Club e Drum Club di diffusione nazionale. Per sette anni consecutivi il referendum indetto dalla rivista Guitar Club lo elegge “Miglior bassista in assoluto” (1985-1992).
  • VINCENZO “CINASKI” COSTANTINO – Dopo essere stato collaboratore di alcune testate giornalistiche, nel 1994 incontra Vinicio Capossela con il quale da vita a un reading/tributo a John Fante Accaniti nell’accolita e a un libro edito da Feltrinelli nel 2009: In clandestinità- Mr Pall incontra Mr Mall. Dopo l’esperienza di una pubblicazione di Luciano Murelli nel 2000, nel 2010 pubblica per Marcos y Marcos la sua prima ufficiale raccolta poetica dal titolo Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare, raccolta che riscuote un ottimo successo di vendite. Numerosissime sono le sue performance di letture musicate in giro per l’Italia con la complicità di Capossela, Folco Orselli e Francesco Arcuri. Dal 2001 al 2006 con la banda del Caravanserraglio, esperienza di interazione delle arti e dei mestieri, comincia una lunga attività di recital dal vivo in vari luoghi. A ottobre del 2012 esce il suo primo disco di poesie musicate (o di canzoni recitate) Smoke: parole senza filtro. Attualmente si esibisce accompagnato dal musicista e compositore Mell Morcone e dall’attore e comico Paolo Rossi.

La differenza tra Area Sanremo e Sanremo Giovani? Ad Area Sanremo si può accedere senza alcuna esperienza nel settore mentre a Sanremo Giovani è richiesta esperienza valutata in base ad un numero minimo di singoli già all’attivo e disponibili in commercio.

Il Sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri ha presentato così la nuova edizione di Area Sanremo: “L’edizione 2019 di Area Sanremo sarà all’insegna del rinnovamento. Congiuntamente, Comune e Orchestra Sinfonica, hanno deciso di rimodulare l’evento al fine di consolidarlo e poter ripartire con maggiori ambizioni. La garanzia dei due posti al Festival e la copertura dei costi di iscrizione da parte di uno sponsor, di cui presto comunicheremo il nome, sono i punti fermi per un nuovo inizio”.

Il neo presidente della Fondazione Sinfonica Livio Emanueli ha detto: “Si parte con grande entusiasmo per un’Area Sanremo di qualità grazie anche alla qualità della Commissione di Valutazione dei ragazzi composta da cinque musicisti di fama. Non avere il tour è ovviamente un punto debole e ci aspettiamo meno iscritti. Ma le note positive ci sono: la Rai prenderà due ragazzi per il festival e grazie a uno sponsor sarà tutto gratuito. L’evento di quest’anno mi permetterà di capire e imparare. Per il futuro le cose fondamentali sono continuare ad avere i due posti dalla RAI, la gratuita per i ragazzi lavorando invece su partnership e sponsor; ultimo passaggio fondamentale è tornare sul territorio per le selezioni”.

Il direttore artistico di Area Sanremo sarà ancora Massimo Cotto, giornalista, scrittore e speaker di Virgin Radio: “Si ricomincia, finalmente. Siamo talmente in ritardo che invece delle iscrizioni potevamo aprire direttamente il televoto. A parte gli scherzi, vi dico che chi si presenta a Sanremo Giovani, le selezioni della RAI, ha già una certa esperienza, un seguito, esibizioni dal vivo, una casa discografica. Chi si presenta ad Area Sanremo invece no, le differenze di partenza sono grandi: è davvero un sogno per i ragazzi e, per loro, il primo premio non è vincere Sanremo ma vivere di musica. Con grande entusiasmo, con la voglia di scoprire nuovi talenti, di condividere esperienze, suoni e visioni, anche grazie ai corsi affidati nuovamente a Franco Mussida. Ai ragazzi dico una cosa soltanto, perché alle parole preferisco i fatti: ci sono due posti liberi al Festival di Sanremo. Uno può essere vostro. Dovete solo iscrivervi e dimostrarci che lo meritate. Spero ci sia il vostro apporto, non in termini di appoggio ma di energia”.

Il presidente e fondatore del CPM, Franco Mussida, illustra le novità di quest’anno: “Il CPM Music Institute di Milano, una struttura di formazione riconosciuta come modello di riferimento per tutto l’ambiente musicale, dal quale sono usciti artisti di successo come Mahmood e Renzo Rubino, anche quest’anno metterà a disposizione di Area Sanremo le sue competenze didattiche. Questo grazie a un programma di 20 laboratori, divisi per livelli di conoscenza e abilità, che consentiranno ai giovani partecipanti di aggiungere al loro bagaglio di esperienze nuovi stimoli creativi, conoscenze tecniche, visioni diverse di un mestiere tutto da scoprire. Sette prestigiosi insegnanti forniranno la propria esperienza con passione e dedizione, lavorando e dialogando con i partecipanti”.

“Sono onorato di essere stato nominato presidente della giuria di Area Sanremo – ha detto Vittorio De Scalzi – e metterò al servizio del futuro di questi giovani tutta la mia esperienza accumulata in passato”. Dalla cantautrice e scrittrice Teresa De Sio arrivano parole di incoraggiamento per i futuri candidati: “Sono davvero felice di essere in giuria ad Area Sanremo. Da sempre ho rivolto la mia attenzione ai giovani, indirizzando e collaborando con musicisti ed autori in erba. Con la CORE addirittura avevamo costituito una factory con giovani musicisti, interpreti ed autori che oggi sono protagonisti della scena musicale. Ancora oggi sono sempre alla ricerca di talenti emergenti II mio impegno sarà volto alla ricerca dei migliori giovani che vorranno avviarsi alla musica. In bocca al lupo ai partecipanti”.

Accanto a lei la cantante Petra Magoni: “Sono molto onorata da questo incarico ed allo stesso tempo sento che sia una grande responsabilità dover selezionare nuovi talenti. Nutro grande fiducia nelle nuove generazioni e nei confronti dei giovani. Cercherò di svolgere questo compito al meglio valutando i ragazzi attraverso le mie competenze”.

In giuria anche il polistrumentista Andy Bluvertigo che dichiara: “Per anni mi sono sempre rifiutato di giudicare il lavoro altrui, forse per titubanza nei confronti del cambio di scena della proposizione musicale. Oggi, stimolato da persone che reputo intelligenti e interessanti che mi coinvolgono, mi ci butto volentieri. Area Sanremo può essere una bellissima opportunità per far conoscere uno dei miei ruoli. Grazie!”.

Nei cinque della nuova commissione di Area Sanremo ritroviamo il poliedrico artista Gianni Testa: “Siamo un leggero soffio di vento in mezzo a una tempesta di emozioni ed avere la possibilità anche quest’anno di far parte di una commissione così prestigiosa non può che riempirmi di orgoglio. Sono pronto ad emozionarmi per ogni nota che ci faranno ascoltare i giovani artisti che si proporranno”.

Dobbiamo ricordare che Rai1 ha presentato il regolamento relativo alla sezione Nuove proposte della 70esima edizione del festival di Sanremo che si terrà nella cittadina ligure dal 4 all’8 febbraio 2020. La strada per giungere ai nomi degli otto concorrenti che parteciperanno nella sezione Nuove Proposte avrà inizio alla metà del prossimo mese di ottobre. Quelle che saranno ritenute le venti migliori  proposte verranno dimezzate dal giudizio di una commissione musicale e da quello di una giuria demoscopica durante quattro puntate trasmesse in diretta da Rai1.

Il 17 dicembre i concorrenti ancora in gara gareggeranno per aggiudicarsi i cinque posti in palio che saranno decisi dal giudizio della commissione musicale, di quella demoscopica, da una giuria televisiva e dal televoto. Per giungere al cast finale degli otto nomi che animeranno la gara delle Nuove Proposte ci saranno due artisti provenienti da Area Sanremo e il vincitore di ‘Sanremo Young’.

L’apertura del regolamento a ‘Sanremo Young’ ha fatto sì che si abbassasse l’età minima di iscrizione ai 15 anni, mentre il limite massimo è quello di 36 anni.

Come riportato dalla sezione online del Corriere della Sera, il ritorno alle due categorie, Big e Nuove Proposte, dice una nota Rai, è stata ‘voluta fortemente da Amadeus nella sua veste di direttore artistico’. Voci interne alla Rai vogliono che per questo ritorno al vecchio palinsesto di gara abbiano pesato le pressioni della discografia.

Inoltre, da ricordare che dopo l’annuncio ufficiale del regolamento della sezione “Giovani” (se volete leggere il regolamento del festival di Sanremo Giovani lo potete fare qui) – nuove indiscrezioni sulle modalità del prossimo Festival di Sanremo, in svolgimento dal prossimo 4 febbraio.

Secondo quanto riporta i media italiani, nei giovani torneranno le elimininazioni. Non solo, quindi, faranno gara a parte come negli anni precedenti al 2019, ma tornerà un meccanismo molto simile: si esibiranno 4 per serata nelle prime due serate, con 2 eliminati per sera – i “sopravvissuti”  prenderanno parte anche alla serata del giovedì, quella tributo al Festival di Sanremo.

Altra indiscrezione è che per i nomi dei 20 “Big” bisognerà attendere fino a gennaio. Dal 2015 vengono annunciati a dicembre, in diretta su Rai1 durante la finale dei giovani (che quest’anno si svolge il 17). Secondo le indiscrezioni confermate dai media italiani l’annuncio slitterebbe al 6 gennaio, durante una puntata speciale di “Soliti ignoti” per l’Epifania, abbinata alla Lotteria Italia.

Intanto il direttore artistico e conduttore Amadeus a Un giorno da pecora su Radio 1 oggi ha svelato che per il meccanismo di voto di Sanremo 2020 “ci sarà qualche piccola sorpresa”. L’obiettivo, immaginiamo, è evitare le polemiche che lo scorso anno coinvolsero Ultimo e Mahmood.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...