ESC 2020 – Croazia: Goran Karan si ritira del „DORA 2020.“

universe_miss32-270419.jpg

L’emittente pubblica croata HRT ha annunciato i nomi dei 16 artisti con relative canzoni che si sfideranno nella selezione nazionale croata, „DORA 2020.“, per determinare il brano/interprete rappresentante della Croazia alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà presso l’Ahoy Rotterdam di Rotterdam, nei Paesi Bassi, il 12, 14 e 16 maggio del prossimo anno, in seguito alla vittoria di Duncan Laurence nell’edizione precedente tenutasi a Tel Aviv con il brano “Arcade”.

Solo un paio d’ore dopo, c’è un cambiamento nella formazione del cast del „DORA 2020.“, poiché Goran Koran, cantautore pop con importanti influenze provenienti dalla cultura popolare dalmata è conosciuto per il proprio timbro di voce da tenore, che nel 2000 ha rappresentato la Croazia all’Eurovision Song Contest con la canzone “Kad zaspu anđeli” (When angels fall asleep) conosciuta anche come “Ostani” (Stay) chiudendo nono, ha deciso di ritirarsi dalla competizione.

Goran Karan si era esibito con una versione precedente della sua canzone in gara “My Legacy Is Love” in un festival, ma Karan ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La canzone “My Legacy Is Love” nella forma in cui è stata inviata al DORA differisce in modo significativo dal testo, dalla musica, dall’arrangiamento e dalla lunghezza rispetto a quello che ho suonato nel mio concerto a Visoko in Bosnia ed Erzegovina. Quindi, al fine di eliminare tutte le possibili interpretazioni errate, ho deciso di ritirare la canzone “My Legacy Is Love” dal DORA. In questo modo voglio chiudere lo spazio per eventuali controversie ed effetti collaterali, perché, come dice il testo di quella canzone – la mia eredità è – l’amore.”

Mentre Goran Karan si ritirava, uno spazio si è aperto per un’altro interprete/canzone, e questo significa che la prima voce delle riserve Elis Lovrić con la canzone “Jušto”, prenderà parte al „DORA 2020.“ La lista completa è ora la seguente (in ordine di esibizione):

  1. Marin Jurić Čivro – Naivno (Naive)
  2. Goran Karan – My legacy is love Elis Lovrić – Jušto
  3. Edi Abazi – Coming home
  4. Mia Negovetić – When it Comes to You
  5. Colonia – Zidina (Walls)
  6. Zdenka Kovačićek – Love, Love, Love
  7. Lorenzo feat. Dino Purić & Reper iz sobe – Vrati se iz Irske (Come back from Ireland)
  8. Jure Brkljača – Hajde nazovi me! (Come on, call me!)
  9. Damir Kedžo – Divlji vjetre (Tuga u bojama jeseni) (Wild winds)
  10. Lorena Bućan – Drowning
  11. Alen Vitasović & B. Matija Čerina (Božidarka Matija Čerina) – Da se ne zatare (So as not to get old)
  12. Aklea Neon – Zovi ju mama (Call her mama)
  13. Indira – You Will Never Break My Heart
  14. Nikola Marjanović – Let’s forgive
  15. Đana – One
  16. Bojan Jambrošić – Više od riječi (More than words)
  17. Elis Lovrić – Jušto

Reserva:

  1. Marcela Orosi – Let me Break Your Heart
  2. Dino Petrić – Što si meni ti (What you are to me)
  3. Singrlice – Zavičaj (Homeland)

La selezione nazionale croata, „DORA 2020.“ (Hrvatski izbor za pjesmu Eurovizije) è prevista per il sabato 29 febbraio 2020 presso il Palazzetto dello sport Marino Cvetković (Sportska dvorana Marino Cvetković, Marino Cvjetković Sports Hall) a Opatija, in Croazia. La competizione ritorna nella città costiera adriatica dopo 8 anni. L’obiettivo è quello di ritornare in finale dopo le eliminazioni di Franka Batelić e Roko Blažević nelle ultime due edizioni della rassegna eurovisiva.

„DORA“ è stato il format di selezione nazionale sloveno per l’Eurovision Song Contest, dal debutto del paese alla manifestazione, dopo la dissoluzione della Federazione Jugoslava, per selezionare i propri rappresentanti alla manifestazione da molti anni, dal 1993 fino al 2011 e poi ripreso nel 2019, con qualche anno di stacco. Dal 2012 in poi, i rappresentanti croati all’Eurovision Song Contest sono stati selezionati internamente dall’emittente pubblica, con risultati misti: cinque rappresentanti selezionati internamente si sono qualificati per il Gran finale, mentre solo due volte hanno consegnato buone prestazioni.

FacebookTwitterInstagramYouTube

Il paese è stato rappresentato nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv, dal cantante croato Roko Blažević, conosciuto anche semplicemente come Roko. Blažević ha partecipato al DORA, la selezione nazionale croata per l’ESC, con il brano “The Dream”, scritto per lui dal rappresentante croato del 2017, Jacques Houdek. Nella finale del 16 febbraio è risultato il preferito sia dal voto della giuria che dal pubblico ed è stato dichiarato vincitore, ottenendo così il diritto di rappresentare la Croazia all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv. Qui si è esibito nella seconda semifinale del 16 maggio, ma non si è qualificato per la finale, piazzandosi 14º su 18 partecipanti con 64 punti totalizzati, di cui 38 dal televoto e 26 dalle giurie.

La Croazia ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1993, dopo la dissoluzione della Federazione Jugoslavae (24 partecipazioni, 18 Finali)Da allora ha partecipato ad ogni edizione. Nel 1993 la Croazia, assieme ad altre sei nazioni che desideravano partecipare all’Eurovision Song Contest per la prima volta, dovette partecipare ad una semifinale che si svolse a Lubiana: si classificò al secondo posto e poté così partecipare all’Eurovision Song Contest 1993 con il brano “Don’t ever cry” dei Put. La migliore posizione fino ad oggi raggiunta del paese è il 4° posto ottenuto nel 1996 con Majda Blagdan e il suo brano “Sveta ljubav” (Holy love) e nel 1999 con Doris Dragović e il brano “Marija Magdalena” (Mary Magdalene).

Non ha raggiunto la finale dal 2010 al 2013. Si ritira a partire dall’edizione 2014, tuttavia ritornerà, dopo due anni, nell’edizione 2016 riuscendo a qualificarsi alla finale dopo 7 anni.

Per tredici volte una canzone di lingua croata, tra cui una ritirata, fu la scelta della Jugoslavia per l’Eurovision Song Contest. Nel 1989 la canzone “Rock Me” cantata dal gruppo croato dei Riva vinse la manifestazione. L’anno successivo a Zagabria si svolse l’Eurovision Song Contest 1990.