JESC 2020: Malta conferma la partecipazione allo Junior Eurovision 2020

L’emittente pubblica maltese PBS/TVM ha confermato quest’oggi la partecipazione di Malta alla 18ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2020 che si terrà per la seconda volta in Polonia a Varsavia, che diventa così il primo Paese ad ospitare l’evento per due occasioni consecutive, il prossimo 29 novembre 2020.

Ancora una volta PBS/TVM avvierà fino al 23 agosto il loro processo di selezione nazionale del paese, il “MJESC – Malta Junior Eurovision Song Contest 2020”, per selezionare il proprio rappresentante per la 18ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2020, in cui giovani artisti tra i 9 e i 14 anni possono inviare i loro brani originali della durata massima di 3.00 minuti, seguendo le norme pubblicate dalla PBS (www.tvm.com.mt/eurovision, MJESC 2020 APPLICATION)I richiedenti, che devono avere un’età compresa tra 9 e 14 anni, devono presentare una canzone originale fino a 3,00 minuti.

Una giuria di esperti selezionerà da tutte le candidature ricevute, i migliori dodici artisti che saranno scelti per esibirsi nella fase finale, che non sarà trasmessa in diretta televisiva. L’annuncio dei finalisti avrà luogo il 31 agosto 2020.

La prima e seconda settimane di settembre i finalisti si esibiranno dal vivo di fronte a una giuria di esperti. Le riprese televisive di ciascuno dei finalisti verranno mostrate in TV e sui social media per scopi di televoto.

Di seguito, sarà aperta una fase di votazione online nella metà del mese di settembre. Il vincitore della selezione sarà deciso sia da una giuria di esperti (50%) che dal televoto del pubblico (50%) e sarà reso noto alla fine del mese di settembre. La data scadenza per la presentazione delle candidature è fino al 23 agosto.

Per maggiori informazioni (regole e moduli di presentazione) clicca qui. Da sottolineare che, quest’anno, tutti i candidati non dovranno pagare tasse, quindi il concorso sarà più accessibile a tutti i bambini maltesi.

Malta ha partecipato 14 volte sin dal suo debutto nel 2003. Durante la permanenza nella competizione, si ritira nel 2011 in quanto non ha raggiunto risultati molto incoraggianti, per poi tornare nel 2013. Durante la sua permanenza ottiene due primi posti, nel 2013 anno del suo ritorno dopo il ritiro e nel 2015.

• Malta allo Junior Eurovision Song Contest:

  • 2003: Sarah Harrison – “Like a star”, 7° – 56 punti
  • 2004: Young Talent Team – “Power of a Song”, 12° – 14 punti
  • 2005: Thea and friends – “Make it right”, 16° – 18 punti
  • 2006: Sophie Debattista – “Extra cute”, 11° – 48 punti
  • 2007: Cute – “Music”, 12° – 37 punti
  • 2008: Daniel Testa – “Junior Swing”, 4° – 100 punti
  • 2009: Francesca & Mikaela – “Double trouble”, 8° – 55 punti
  • 2010: Nicole Azzopardi – “Knock Knock, Boom Boom”, 13° – 35 punti
  • 2013: Gaia Cauchi – “The Start”, 1° – 130 punti
  • 2014: Federica Falzon – “Diamond”, 4° – 116 punti
  • 2015: Destiny Chukunyere – “Not my soul”, 1° – 185 punti
  • 2016: Christina – “Parachute”, 6° – 191 punti
  • 2017: Gianluca Cilia – “Dawra Tond”, 9° – 107 punti
  • 2018: Ela Mangion – “Marchin’ On”, 5° – 182 punti
  • 2019: Eliana Gómez Blanco – “We Are More”, 19° – 29 punti

Lo Junior Eurovision Song Contest 2020 sarà la diciottesima edizione del concorso canoro per bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni. L’evento si svolgerà a Varsavia in Polonia, che diventa così la prima nazione ad ospitare l’evento per due occasioni consecutive. La manifestazione sarà ospitata dall’emittente pubblica polacca TVP, dopo che Viki Gabor ha conquistato la seconda vittoria polacca consecutiva con la canzone ″Superhero″. Lo spettacolo quest’edizione, si svolgerà in uno studio televisivo nella capitale polacca. L’EBU-UER, ha spiegato che la scelta di non svolgere l’evento in un’arena è dovuto all’impatto causato dalla pandemia di COVID-19, che ha coinvolto diverse regioni del mondo tra cui, più duramente, la Cina, l’Europa e gli Stati Uniti, e che infatti ha anche causato la cancellazione dell’Eurovision Song Contest 2020, e quindi per questo motivo è stato deciso di svolgere l’evento in una sede più ristretta e non in una grande arena come si è visto negli anni precedenti, per la salvaguardia dei giovani artisti.

I due potenziali studi televisivi in corsa per ospitare l’evento, entrambi con una capienza di circa 1.500 m² sono: Studio ATM e Studio Transcolor. Entrambi gli studi sono stati utilizzati da TVP per la produzione su larga scala di talent show e spettacoli musicali. 

Durante la trasimissione Eurovision: Europe Shine a Light, è stato reso noto lo slogan ed il logo di questa edizione. Lo slogan di questa edizione è #MoveTheWorld!. Il logo di questa edizione è una grande sfera rappresentante il globo terrestre, composto da tanti fili di luci. Maciej Łopiński, portavoce di TVP, ha spiegato che l’ideazione del logo è stata sviluppata per rappresentare i valori dell’unità, della gentilezza e della cooperazione durante la pandemia globale.

Ad oggi i seguenti Paesi hanno confermato la loro partecipazione: Bielorussia, Francia, Georgia, Germania, Irlanda, Italia, Kazakistan, Malta, Paesi Bassi, Polonia (paese organizzatore), Russia, Serbia, Spagna ed Ucraina.