Sanremo 2021: Domani al via la 63° edizione del Festival di Castrocaro 2020 su Rai2 e Rai Radio2

Domani, giovedì 27 agosto, alle 21.20 in diretta su Rai2 – e in simulcast su Rai Radio2 – dal Padiglione delle Feste di Castrocaro Terme e Terra del Sole la finale della 63° edizione del Festival di Castrocaro 2020. Alla conduzione, per il secondo anno consecutivo, da Stefano De Martino.

La finalissima della 63esima edizione si è svolta al Padiglione delle Feste di Castrocaro Terme e Terra del Sole alcune settimane fa davanti ad un ristrettissimo parterre di circa 80 persone, il grande pubblico avrà la possibilità di assistere all’atto conclusivo del concorso canoro domani giovedì 27 agosto in prima serata su Rai 2 e in contemporanea su Rai Radio 2.

L’appuntamento è stato registrato per questioni legate all’emergenza sanitaria della pandemia di COVID-19 (Coronavirus) che ha coinvolto diverse regioni del mondo tra cui, più duramente, la Cina, l’Europa e gli Stati Uniti. 

Ad aver superato le selezioni sono stati 8 ragazzi che cercheranno di entrare nella storia del primo talent della musica italiana e che negli anni ha visto nascere grandi star amate della musica italiana come Eros Ramazzotti, Zucchero, Alice, Nek, Fiorella Mannoia Caterina Caselli passando per Iva Zanicchi, Laura Pausini, Michele Zarrillo, Fiordaliso e molti altri. Partecipazioni o vittorie che restano nella storia della kermesse nata nel 1957, quando ancora si chiamava “Festival del cantante”. Una nuova edizione, questa, che ha l’obiettivo di riportare ai fasti di un tempo un Festival dal passato glorioso. E le premesse ci sono tutte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco di seguito gli otto giovani cantanti (“Otto artisti per un grande sogno”) in gara, che si sfideranno per la vittoria del Festival di Castrocaro 2020, che significa accesso tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2021 (>>>ASCOLTA LA PLAYLIST CON I BRANI DI CASTROCARO 2020!):

“Fire” – Federico Castello in arte FELLOW: 20 anni di Asti.

“Cuore di mare” – Jacopo Ottonello in arte JACOPO: 21 anni di Savona. Già concorrente della fase finale di Amici 19.

“Mostri di origami” – Laura Fantauzzo in arte LAURA: 18 anni di Avezzano (AQ). Già concorrente di Sanremo Young.

“Mi basterebbe il tuo nome” – LE RADÏCI (duo composto da Marco Costanzo e Mario Cianniello): 27 anni di Napoli. Marco ha partecipato a X Factor 2017.

“Dio è nessuno” – NADIA D’AGUANNO: 19 anni di Cassino (FR). Vincitrice Festival Voci d’Oro 2019.

“Mioddio” – Niccolò Dainelli in arte  DAINO: 21 anni di Parabiago (MI).

tim.social/castrocaro2020

“Meglio star da soli” – Stefano Farinetti in arte NENO: 21 anni di Torino. Già concorrente della fase finale di Amici 19.

“Fiori di Hiroshima” – WATT (quartetto composto da Greta Elisa Ravelli Rampoldi, Matteo Ravelli Rampoldi, Luca Corbani e Luca Vitariello): di Milano.

tim.social/castrocaro2020

Si esibiranno in tre momenti distinti, nel primo con una cover, poi insieme ad artista della giuria ed infine presentando un inedito. Il vincitore sarà ammesso di diritto all’Audizione dal vivo di “Sanremo Giovani 2021” del 71° Festival della Canzone Italiana nella sezione ‘Nuove proposte’ alla presenza del direttore artistico e conduttore Amadeus.

Durante la serata, il percorso degli 8 finalisti sarà valutato da una giuria artistica composta per l’occasione da 4 grandi esponenti della musica italiana: Bugo (cantautore), Maria Antonietta (cantautrice regina dell’indie e scrittrice), Taketo Gohara (produttore artistico e mago dei suoni, ha lavorato tra gli altri con Vinicio Capossela, Brunori Sas, Elisa, Biagio Antonacci, Motta e i Negramaro) e Riccardo Zanotti (voce e chitarra dei Pinguini Tattici Nucleari).

Non saranno però dei semplici giudici che commenteranno le varie esibizioni sic et simpliciter, ma usando i propri strumenti musicali interagiranno sul palco con tutti i finalisti, ognuno con le proprie caratteristiche e ognuno con il proprio vissuto musicale. Gohara si concentrerà soprattutto sugli arrangiamenti delle canzoni e le voci, mentre Bugo, Riccardo Zanotti e Maria Antonietta si soffermeranno in primo luogo sulla scrittura e le personalità dei ragazzi in gara. Una giuria, questa, pensata per portare una visione e un valore reale ai finalisti che saranno ‘esaminati’ da chi, fino a qualche anno fa, si trovava nella loro stessa veste di esordienti e ha poi trovato la propria strada. Quattro artisti che vogliono prendere per mano gli 8 protagonisti del ‘Festival di Castrocaro’ e accompagnarli nell’unico grande sogno: vivere di musica.

Ma oltre alla giuria artistica, voteranno anche i professionisti/esperti di Rai Radio 2 e il pubblico attraverso gli ascolti in streaming (fino al 31 luglio) dei brani sulla piattaforma TIMMUSIC.

Tra gli ospiti della serata ci saranno gli Arteteca, duo comico di ‘Made in Sud’.

Tutte le iscrizioni dei partecipanti alle selezioni sono state gratuite. Tantissime le richieste arrivate tramite i siti www.festivaldicastrocaro.tv.

La 63esima edizione del Festival di Castrocaro è presentata da Arcobaleno Tre in collaborazione con il Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole – Lucia Magnani Health Clinic e il Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole. 

#Castrocaro2020

Questa mattina nella Sala Consiliare del Comune di Castrocaro Terme e Terrà del Sole si è svolta la Conferenza stampa organizzata da Essere Elite riguardo alla serata finale del Festival di Castrocaro. All’incontro hanno parlato il presidente di “Arcobaleno Tre’ Lucio Presta insieme alla sindaca Marianna Tonnelato e all’amministratore delegato delle Terme di Castrocaro e di Long Life Health Clinic Lucia Magnani. 

Ci saranno delle inedite novità che si potranno scoprire solo guardando la puntata di domani sera su Rai2 o anche ascoltando su Rai Radio2. 

Lucio Presta, uomo di punta della Rai ha ringraziato tutti i suoi collaboratori che lo hanno sostenuto nella realizzazione di questa edizione del Festival realizzata durante il periodo nefasto della pandemia che ha coinvolto tutti quanti. L’impegno e la volontà di Presta sono riusciti a salvare il Festival di Castrocaro 2020 e la Notte della Taranta 2020 e queste sono gli unici eventi live permessi dopo il lungo periodo del lokdown. Presta ha ringraziato Ludovico Di Meo, Andrea Sassano, Paola Marchesini di Radio Rai2, Massimo Pascucci, direttore della fotografia, Stefano Caglio, tutto lo Staff di Arcobaleno Tre, Stefano Bonaccini, Andrea Corsini e tutti coloro che lo hanno sostenuto in questo progetto. 

I ringraziamenti più calorosi Presta li ha riservati alle sue due Girls: la sindaca Tonnellato e AD Lucia Magnani che gentilmente ha concesso il Padiglione delle Feste per la serata finale del Festival. “Ci si innamora dei fatti e poi ci si innamora delle persone” e con queste parole Presta ha sottolineato il legame forte che sente con Castrocaro Terme e Terra del Sole.

La sindaca Marianna Tonellato si è dichiarata orgogliosa di avere potuto confermare la gestione di Lucio Presta e di Arcobaleno 3 per il secondo anno consecutivo, onorando in tal modo il vincolo di legame contrattuale fra le parti. Inoltre, come ha sottolineato Presta, la sindaca a contribuito con le sue idee a realizzare quelle innovazioni che si potranno vedere in onda domani su Rai2 e che segnano una novità fra i rapporti e le distanze che separano la giuria dai partecipanti in gara. Tonnellato ha ripetuto l’importanza dell’amplificazione del nome di Castrocaro Terme e Terra del Sole attraverso i canali di Rai2 e Radio2 oltre alla piattaforma di Timmusica e ai vari Social.

Lucia Magnani si è dichiarata entusiasta del comportamento delle nuove generazioni all’interno del contesto limitativo generato dalla pandemia del Covid. La serata della finale del Festival, con tutti i preparativi necessari, si potrà quindi svolgere all’interno di un clima gioioso e sereno da parte dei giovani partecipanti senza però venir meno alla sicurezza e a tutte le precauzioni attivate per condurre la serata nella massima regolarità. Lucia Magnani in quanto Amministratore Delegato delle Terme di Castrocaro e di Long Life Health Clinic ha colto come fosse uno stimolo in più la possibilità di prestare il luogo privato del Padiglione delle Feste per un evento pubblico, in quanto lavorando con la salute ed il benessere questa serata pubblica poteva rappresentare la conferma di quanto potesse essere sicuro questo luogo. E così è stato. Anche Lucia Magnani ha ribadito l’importanza della risonanza del nome del Festival e di Castrocaro Terme amplificata attraverso i canali Rai e questo rimane un dato certo e incontestabile.

Il Padiglione delle Feste è la culla, il luogo naturale dove si sono svolte gran parte delle edizioni canore del Festival Voci Nuove, tanto che Presta si è già prenotato per il prossimo anno.

Con il prossimo anno torneranno anche “Gli Incontri con l’Autore” dando così la possibilità a tante celebrità di fare ritorno a Castrocaro e di avere un rapporto diretto con la gente.