ESC 2021 – Lettonia: Ecco “The Moon Is Rising” di Samantas Tīna per la Lettonia a Rotterdam 2021

L’emittente pubblica lettone LTV ha rilasciato ufficialmente “The Moon Is Rising” il brano con cui Samanta Tīna rappresenterà la Lettonia alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà presso l’Ahoy Rotterdam a Rotterdam, nei Paesi Bassi, il 18, 20 e 22 maggio 2021.

“The Moon Is Rising” è stata scritta da Samanta Tīna in collaborazione con Aminata Savadogo (ha rappresentato la Lettonia all’Eurovision Song Contest 2015 con la canzone “Love Injected”), SKVR (Oskars Uhaņs) e il testo da Aminata, Samanta Tina, SKVR (Oskars Uhaņs).

Per trovare la canzone giusta è stato organizzato un song-writing camp ‘RIGA LIVE’ di due giorni nel quale Samanta Tina è stata affiancata tra gli altri da Aminata (ESC 2015) e Kārlis Būmeisters (membro dei Valters un Kaža, che hanno rappresentato la Lettonia all’Eurovision Song Contest 2005 con il brano “The War is not Over” (Karš nav beidzies)). Undici i brani scritti in quell’occasione. Ne sono stati selezionati 4 tra i quali poi è stata scelta la canzone che ascolteremo sul palco di Rotterdam. Inoltre, La canzone è stata presentata nell’ultimo episodio di una serie televisiva dedicata al processo creativo della canzone di Samanta. La serie si intitola “Kā uzvarēt Eirovīzijā? Samantas Tīnas ceļš uz Roterdamu” (Come vincere all’Eurovision? Samantas Tīna’s Road to Rotterdam) ed è partita il 12 febbraio scorso.

Samanta ha diretto e prodotto il video musicale in collaborazione con Aiga Baikova (AiProduction). Il regista Ritvars Bluka che ha filmato l’intero video utilizzando lo smartphone Samsung Galaxy S21 Ultra 5G di Samanta.

La canzone è un inno alle donne, in particolare alla loro regalità, infatti la cantante ha dichiarato: “Questa canzone racconta di donne potenti e ammirevoli, di ognuna di noi. Invito le donne a non aver paura di noi stesse e di essere diverse. La mia canzone incoraggia le donne a fare una corona con le proprie mani e metterla sulla testa per essere il dominatore della vita, amare e credere in noi stesse, allora saremo amate dalle persone che ci circondano. Credo che il tuo atteggiamento nei tuoi confronti cambi il modo in cui le persone ti trattano, ma non è abbastanza. E per questo motivo il verso più importante della mia canzone è: se hai qualcosa da dire, dimmelo in faccia. Accettiamo e amiamo noi stessi, siamo orgogliose di ciò che Dio ci ha dato, accettiamo le nostre differenze e difendiamo l’uguaglianza!.”

Samanta Tīna (Samanta Poļakova) si è fatta conoscere al grande pubblico nel 2010, vincendo il talent show ‘O!Kartes akadēmija’, che le ha garantito una borsa di studio per il British and Irish Modern Music Institute di Londra. L’anno successivo ha partecipato al festival Golden Voices tenutasi in Moldavia, in occasione del quale ha vinto il premio Moldovan Cup. Nel 2012 ha partecipato al Slavianski Bazaar a Vicebsk. Nel primo giorno della manifestazione si è esibita con il brano folk “Auga, auga Rūžeņa” (Где то далеко), mentre il giorno successivo si è esibita con il brano russo “Gde-to daleko”. Alla fine della manifestazione si è classificata seconda con 197 punti.

Il 1º dicembre 2011 Samanta Tīna è stata confermata come una dei concorrenti di Eirodziesma 2012, la selezione per la scelta del rappresentante lettone per l’Eurovision Song Contest. L’artista ha partecipato con due brani: “I Want You Back” in duetto con Dāvids Kalandija e “For Father” come solista. Con “I Want You Back” ha raggiunto la finale, classificandosi al secondo posto.

Nel 2013 ha partecipato nuovamente alla selezione eurovisiva lettone, questa volta rinominata in Dziesma, con il brano “I Need a Hero”. Dopo aver superato le semifinali, è riuscita ad accedere alle serata finale, dove si è classificata nuovamente seconda. Ha partecipato anche all’edizione del 2014 di Dziesma, proponendo la canzone “Stay”. Superate le semifinali, è riuscita ad accedere alla superfinale a tre, finendo terza.

Samanta Tīna ha preso parte alla terza edizione di Lietuvos balsas, la versione lituana del talent show The Voice. Alle audizioni si è esibita con il brano “I Wanna Dance with Somebody (Who Loves Me)” di Whitney Houston, ed è entrata a far parte del team capitanato da Merūnas Vitulskis. Dopo aver superato i duelli ha acceduto ai live, dove è riuscita ad arrivare fino alle semifinali prima di essere eliminata.

Nel 2016 Samanta Tīna è stata confermata fra i concorrenti di Supernova, il nuovo format di selezione eurovisiva lettone, con i brani “We Live for Love” e “The Love Is Forever”. Con la seconda canzone è riuscita ad accedere alla semifinale, ma ha finito per ritirarsi dalla competizione.

L’anno successivo ha preso invece parte alla selezione lituana con il brano “Tavo oda”, in collaborazione con il cantante Tadas Rimgaila, non riuscendo però a superare i quarti di finale, mentre nel 2019 è tornata a Supernova con il brano “Cutting the Wire”, dove è finita settima nella serata finale.

Nel 2020 Samanta Tīna ha partecipato per la terza volta a Supernova presentando il brano “Still Breathing”, scritta da lei in collaborazione con Aminata Savadogo. Dopo aver superato le audizioni, ha acceduto alla finale, riuscendo a vincere il voto del pubblico e diventando di diritto la rappresentante nazionale all’Eurovision Song Contest 2020 a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Tuttavia, l’evento è stato cancellato a causa della pandemia di COVID-19, ma è stata riconfermata come rappresentante lettone all’Eurovision Song Contest 2021.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Prosegue la macchina eurovisiva, quest’anno un pò ridotta a causa delle tante conferme dopo l’edizione cancellata nel 2020 per la pandemia da COVID-19. Al momento 39 dei 40 partecipanti e 32 canzoni in gara all’edizione 2021 dell’Eurovision Song Contest sono stati resi noti, dopo Anxhela Peristeri con “Karma” per l’Albania, Montaigne con “Technicolour” per l’Australia, Vincent Bueno con “Amen” per l’Austria, Efendi (Əfəndi) per l’Azerbaigian, gli Hooverphonic con “The wrong place” per il Belgio, Galasy ZMesta (Галасы ЗМеста) con Ya Nauchu Tebya (I’ll Teach You)” (Я научу тебя) per la Bielorussia, VICTORIA (Виктория) con “Growing Up Is Getting Old” per la Bulgaria, Elena Tsagkrinou (Ελένη Τσαγκρινού) con “El diablo” (The Devil) per il Cipro, Albina con “Tick-tock” per la Croazia, Fyr & Flamme con “Øve os på hinanden” (Practice on Each Other) per la Danimarca, Uku Suviste con “The lucky one” (See õnnelik) per l’Estonia, Blind Channel con “Dark side” (Pimeä puoli) per la Finlandia, Barbara Pravi con “Voilà” per la Francia, Tornike Kipiani (თორნიკე ყიფიანი) con “You” per la Georgia, Jendrik Sigwart con “I don’t feel hate” (Ich fühle keinen Hass) per la Germania, Stefania (Στεφανία) con “Last Dance” (Τελευταίος χορός) per la Grecia, Daði & Gagnamagnið con “10 years” per l’Islanda, Lesley Roy con “MAPS” per l’Irlanda, Eden Alene (עדן אלנה) con “Set me free” (חופשייה) per l’Israele, Måneskin con “Zitti e buoni” (Shut up and behave) per l’Italia, Samanta Tīna con “The moon is rising” (Mēness lec) per la Lettonia, The Roop con “Discoteque” per la Lituania, Vasil (Васил) con “Here I stand” per la Macedonia del Nord, Destiny per Malta, Natalia Gordienko con “SUGAR” per la Moldavia, TIX con “Fallen angel” (Ut av mørket, Out of the dark) per Norvegia, Jeangu con “Birth of a new age” per i Paesi Bassi, RAFAŁ con “The Ride” (Przejażdżka) per la Polonia, The Black Mamba con “Love is on my side” (O Amor Está Do Meu Lado) per il Portogallo, James Newman con “Embers” per il Regno Unito, Benny Cristo con “omaga” (Oh My God) per la Repubblica Ceca, ROXEN con “Amnesia” per la Romania, Manizha (Манижа) con “Russian woman” (Русская женщина, Russkaya zhenshchina) per la Russia, Senhit con “Adrenalina” per il San Marino, Hurricane (Харикејн) con “Loco loco” (Лудо лудо) per la Serbia, Ana Soklič con “Amen” per la Slovenia, Blas Cantó con “Voy a quedarme” (I will stay) per la Spagna, Gjon’s Tears con “Tout l’univers” (The Whole Universe, Das ganze Universum) per la Svizzera, gli Go-A con “SHUM” (ШУМ, Noise) per l’Ucraina.

Avrebbe dovuto rappresentare la Lettonia all’Eurovision Song Contest 2020 con il brano “Still Breathing”, ma in seguito all’annullamento dell’evento a causa della pandemia di COVID-19 è stata riconfermata come rappresentante nazionale all’edizione del 2021.

Lettonia  è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv dal duo musicale lettone Carousel, fondato nel 2015 a Riga e formato da Sabīne Žuga e Mārcis Vasiļevskis, e il brano “That night” (scelti entrambi attraverso Supernova 2019),  pubblicato sotto etichetta discografica Records DK. Scritto da Sabīne Žuga e composto da Mārcis Vasiļevskis ed Aleksandrs Volks, il brano è stato selezionato per partecipare a Supernova 2019, processo selezione lettone per l’Eurovision Song Contest. Nella serata finale, il brano ha vinto il voto della giuria e si è classificato secondo in quello del pubblico (composto da televoti, voti online e riproduzioni in streaming), totalizzando abbastanza punti da vincere la selezione garantendosi così il diritto di rappresentare la Lettonia all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv, in Israele. Qui si sono esibiti nella seconda semifinale del 16 maggio, ma non si è qualificato per la finale, piazzandosi al 15º posto su 18 partecipanti con 50 punti totalizzati, di cui 13 dal televoto e 37 dalle giurie. Sono risultati i più votati dal pubblico della Lituania.

Il paese ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 2000 (20 partecipazioni, 10 Finali). Nel giro di pochissimi anni è riuscita ad ottenere prima un terzo posto (nel suo debutto col brano “My Star” dei Brainstorm e poi nel 2002 con Marie N e il suo brano “I Wanna” il primo posto, dopo che era stata ripescata a causa dell’assenza del Portogallo.

La Lettonia ha riportato dopo 7 anni una canzone in Italiano nella finale dell’ESC. Nel 2007 e nel 2008 ha fatto parte dei gruppi vocali che hanno rappresentato il paese baltico anche un cantante italiano, il sardo Roberto Meloni, noto personaggio della televisione lettone. Tali occasioni sono state anche le ultime finali per il paese baltico. Infatti, dal 2009, la Lettonia non ha più centrato la finale; solo dal 2015 si è qualificato per la finale, occupando la 6ª posizione.

#themoonisrising #eurovision #eurovisionsong2021 #eurovision2021 #rotterdam2021