ESC 2023: Le offerte complete per ospitare la manifestazione da presentare alla BBC entro l’8 settembre

Il consiglio comunale di Liverpool ha rivelato al Liverpool Echo la scadenza entro la quale devono essere presentate le offerte complete dalle sette città del Regno Unito, che si sono candidate ufficialmente ad ospitare la 67ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2023.

Le sette città selezionate hanno tempo fino all’8 settembre 2022 per presentare la loro offerta completa di un progetto specifico dedicato all’evento alla BBC, che ospiterà il concorso 2023 per conto dell’emittente pubblica vincitrice dell’edizione 2022 dell’Eurovision Song Contest svoltasi a Torino, l’ucraina UA:PBC, a causa della guerra in atto nel Paese che impossibilita a procedere con l’organizzazione. 

Cllr Harry Doyle, membro del gabinetto per la cultura e l’economia dei visitatori di Liverpool, ha spiegato che una volta presentata l’offerta, la BBC visiterà ogni potenziale città ospitante nel mese di settembre, con una decisione che dovrebbe essere annunciata a fine settembre o inizio ottobre.

Le sette città che si contenderanno il titolo di città ospitante dell’edizione 2023 dell’Eurovision Song Contest il prossimo maggio sono: Birmingham (Inghilterra) | Glasgow (Scozia) | Leeds (Inghilterra) | Liverpool (Inghilterra) | Manchester (Inghilterra) | Newcastle (Inghilterra) | Sheffield (Inghilterra).

Un totale di 20 città hanno manifestato interesse ad ospitare l’Eurovision Song Contest 2023, ma solo 7 sono state selezionate. Le richieste sono arrivate da tutte le Home Nations del Regno Unito: Inghilterra, Irlanda del Nord, Scozia e Galles. Tutti le città candidate hanno dimostrato come avrebbero celebrato la cultura, la musica e la comunità dell’Ucraina, vincitrice dell’Eurovision Song Contest di quest’anno.

Le città che si candidano per ospitare l’Eurovision Song Contest 2023 devono soddisfare una serie di criteri delineati dall’EBU-UER. Il requisito chiave è descritto come segue: “La decisione finale sulla selezione della città ospitante sarà basata sulla capacità di una città o regione di soddisfare i requisiti della BBC e dell’EBU-UER, nonché sulla l’abilità e sull’esperienza generale nell’ospitare un evento di questa portata e complessità, come l’Eurovision Song Contest.”

Tra le condizioni indispensabili per aggiudicarsi definitivamente la sede del contest internazionale, oltre a soddisfare i requisiti richiesti dall’organizzazione in termini di venue, capienza e ricettività delle strutture alberghiere cittadine, c’è anche la disponibilità a cancellare grandi eventi già in programma che entrino in conflitto con la manifestazione canora.

La decisione finale su dove si terrà l’Eurovision Song Contest 2023 dovrebbe essere presa questo autunno, quando la procedura di gara sarà completata e sarà determinata dalla città o dalla regione che otterrà il punteggio più alto rispetto a un criterio di valutazione concordato, valutato dalla BBC. Secondo la BBC, il governo del Regno Unito potrebbe essere consultato in anticipo, ma sarà la BBC in collaborazione con l’EBU-UER a determinare la città ospitante.

L’’edizione 2023 dell’Eurovision Song Contest sarà la prima manifestazione canora dal 1979 in cui la nazione vincitrice non ha potuto ospitare il concorso successivo. È la sesta occasione in assoluto in cui un paese diverso ha ospitato dopo che il Paese ospitante originario non è stato in grado di farlo, dopo i Paesi Bassi nel 1960, la Francia nel 1963, Monaco nel 1972, il Lussemburgo nel 1974, Israele nel 1980 e l’Ucraina nel 2023. Il 2023 il concorso estenderà anche il record del Regno Unito di ospitare l’Eurovision Song Contest a nove volte.

Kalush Orchestra ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022 con il brano “Stefania”. È stata la terza vittoria dell’Ucraina nella storia del concorso. L’Ucraina, in quanto paese vincitore nel 2022, si qualificherà automaticamente per la Grand Final del prossimo contest insieme ai cosiddetti “Big 5”, i paesi che contribuiscono finanziariamente di più al contest: Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito.