ESC 2015: Alain Clark per i Paesi Bassi?

alain clark

Oggi è stato riportato in diversi media olandesi che il cantante, produttore discografico e musicista olandese Alain Clark è in trattative con l’emittente pubblica olandese, AVROTROS, per rappresentare il Paese alla 60ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2015.  

Il quotidiano De Telegraaf dà quasi per sicura la partecipazione all’ESC viennese della megastar olandese Alain Clark, anche se non c’è ancora l’accordo fra l’emittente pubblica olandese e Clark sembra che l’operazione sia assolutamente in corso, mentre l’agenzia di stampa Parool, conferma la trattativa riportando una intervista ad una portavoce dell’AVROTROS, la quale sottolinea che, sebbene Alain Clark è tra i possibili candidati, l’emittente pubblica non ha ancora preso una decisione definitiva in quanto si aspettano più proposte sia di altri cantanti affermati sia di cantanti amateur, senza però anticipare altri possibili candidati che potrebbero esserci.

Inoltre non è chiaro quando il candidato sarà rivelato ufficialmente, ma l’AVROTROS ha affermato che non ci vorrà molto tempo.

D’altra parte, il cantante non ha nè confermato nè smentito la notizia, anche se ha mostrato interesse, infatti questa non è la sua prima avventura nel mondo dell’Eurovision. Nel 2012 ha co-scritto il brano di Ivan Peroti “Take me as I am“, classificandosi al 3° posto. Non ci resta che attendere un comunicato ufficiale da parte dell’emittente pubblica olandese, che smentisca o confermi la cosa. 

Tuttavia i fans olandesi continuano a reclamare una trattativa con Caro Emerald, altro nome pesante ma che finora non è stato ancora coinvolto.

Alain Clark

Alain Clark, nato a Haarlem, vicino ad Amsterdam, il 4 Giugno 1979, debutta nel 2004 pubblicando il suo primo album, ‘Alain Clark’, senza molto successo, nell’album è presente il singolo “Delicious” che diviene una hits nel suo paese e “Heerlijk” (Lovely). Nel 2007 pubblica il suo secondo album in inglese intitolato ‘Live it Out’ (che dopo dodici settimane ha raggiunto il disco d’oro e il triplo disco di platino, per la vendita di oltre 180.000 copie), anticipato dal singolo “Father & Friend“, ballata soul-pop in cui duetta assieme al padre Dane, ex cantante del gruppo soul Dane and the Dukes of Soul. Altre grandi successi sono “This ain’t gonna work“,  “Blow Me Away“, “Love Is Everywhere“, “Let some air in” e “Back in my world“.

Il cantante ha trascorso più di 3 anni negli Stati Uniti per imparare il suo mestiere. Inoltre ha pubblicato 5 album in studio (‘Alain Clark’ nel 2004, ‘Live It Out’ nel 2007, ‘Colorblind’ nel 2010, ‘Generation Love Revival’ nel 2012 e ‘Walk With Me’ nel 2014) e 3 sono stati certificati dischi d’oro, tutti ai vertici della classifica,  alle sue spalle c’è una etichetta che attualmente è sulla cresta dell’onda in Olanda grazie al fatto che edita anche gli artisti che escono dai talent show. Clark è famoso anche all’estero avendo suonato in tutti i più importanti eventi internazionali. 

Come produttore ha lavorato per Ali B e ha prodotto l’album di debutto di Boris, inoltre ha scritto e prodotto un adattamento in olandese di Fuck It (I Don’t Want You Back)” di Eamon intitolato “Vakkenvuller” ed eseguito nel 2004 da Simon. È stato supporter dei concerti olandesi di Amy Winehouse.

Grazie ad un accordo con la Warner Music il suo secondo album, ‘Live it Out’ è stato lanciato nel Febbraio 2009 in Gran Bretagna e nel resto dell’Europa. Inoltre, il cantante non è un nome del tutto sconosciuto in Italia. Alain Clark è stato uno degli ospiti internazionali del Festival di Sanremo 2009, in occasione dell’uscita del suo singolo “Father and Friend”, in duetto col padre Dane. Nel Marzo dello stesso anno è riuscito ad ottenere un buon successo in Italia ottenendo l’11ª posizione in classifica alla sola prima settimana di ingresso con il singolo “Father and Friend”. Nel 2013 è stato anche ospite ad una serata del Battiti Live a Bari. 

Alain Clark

L’AVROTROS sull’onda degli ottimi risultati ottenuti negli ultimi due anni, ma soprattutto del 2° posto ottenuto da The Common Linnets nell’ultima edizione (che dopo i grandi successi europei e nonostante l’abbandono di Waylon, è pronto a sbarcare negli Stati Uniti sotto una etichetta di musica country per la registrazione di un nuovo lavoro realizzato interamente negli USA), prosegue nella linea di portare all’Eurovision Song Contest grandissimi nomi della musica nazionale e non solo. Personaggi in grado di mantenere alta la posizione di classifica ma anche gli ascolti della rassegna nel Paese. Sin qui però le scelte hanno dato ragione all’emittente pubblica.

Inoltre, ieri l’emittente pubblica olandese ha annunciato che i commentatori per l’ESC 2015 saranno ancora una volta Jan Smit e Cornald Maas.