ESC 2015: Il brano di Trijntje sarà presentato l’11 Dicembre

Trijntje Oosterhuis

L’emittente pubblica olandese AVROTROS ha announciato qualche minuto fa che il brano con il quale Trijntje Oosterhuis si esibirà sul palco della Wiener Stadhalle (Halle D) di Vienna il prossimo Maggio verrà presentato l’11 Dicembre.

Il brano sarà reso pubblico per la prima volta durante il programma radiofonico Gouden Uren‘ condotto Daniël Dekker (Commentatore eurovisivo dell’AVROTROS) e andrà in onda su NPO Radio 2 dalle 09.00 – 12.00 CET.

Trijntje sarà intervistata da Daniël Dekker, dove si parlerà a lungo sulla sua partecipazione a Vienna, così come dei dettagli sul brano con il quale rappresenterà i Paesi Bassi all’ESC 2015 di Vienna, che verrà presentato nella seconda ora del programma.

Il programma potrà essere seguito in diretta steaming sul sito ufficiale dell’emittente pubblica Songfestival.nl

Inoltre e già stato annunciato che Anouk (rappresentante dei Paesi Bassi all’ESC nel 2013) è stata coinvolta nella creazione del brano. Al momento non è ancora stato reso noto un eventuale titolo del brano, ma la stessa Anouk sostiene che il pezzo è un “brano orecchiabile e di impressionante qualità con un’ottima melodia vocale”.  

Daniël Dekker

Trijntje Oosterhuis (Judith Katrijntje Oostrerhius) nata ad Amsterdam nel 1973, diventa nota al pubblico olandese come cantante del gruppo Total Touch, del qual faceva parte anche il fratello Tijerd e poi come solista. Negli anni ’90, la band colpisce le classifiche top nei Paesi Bassi con “Somebody Else’s Lover“, “Touch me there” e “I’ll say goodbye“. Intorno alle fine degli anni ’90, Tjeerd e Trijntje si sono concentrati maggiormente su i progetti come solisti. Suo fratello Tijerd ha molto a che fare con l’Eurovision: è infatti autore delle entries olandesi allo Junior Eurovision nel 2010, 2011 e 2012. Inoltre collabora con diversi artisti  tra i quali alcuni ex concorrenti dell’ESC come Gerard Joling ed Edsilia Rombley (che più tardi sposerà). 

Trijntje è un successo nei Paesi Bassi nel 1997 con la cantante olandese Marco Borsato: “In een wereld zonder jou (In a world without you). Negli anni successivi Trijntje rilascia canzoni in lingua inglese e in lingua olandese. Tuttavia, la sua voce è descritta come ‘Jazzy’, mentre il genere di Total Touch èra R&B. 

Da sola ha inciso 15 album e quasi tutti hanno raggiunto i vertici delle classifiche olandesi. L’ultimo risale al 2012: “Wrecks we adore”, primo in patria, ha visto la presenza come produttrice e come coautrice di Anouk, con cui condivide anche una amicizia e che con ogni probabilità sarà coautrice anche del suo brano eurovisivo. In carriera ha vinto 9 dischi di platino e tre d’oro, contando solo gli album.

Oltre ad una carriera avviatissima a livello discografico, condivide con Ilse De Lange, leader del progetto The Common Linnets una recente partecipazione in qualità di coach della terza edizione del talent show The Voice of Holland. Ciò le ha dato anche una rinnovata popolarità televisiva: una sua artista, Leona Philippo, ha vinto la terza edizione del programma ed è passata dalle sue mani anche un’altra delle giovani voci attualmente in voga in Olanda, ovvero Sandra van Nieuwland, pure lei recentemente in testa alle charts.

Trijntje Oosterhuis vanta anche collaborazioni importanti, fra cui quella con Burt Bacharach e con il due volte vincitore di Grammy Awards (come arrangiatore di Joni Mitchell) Vince Mendoza. E ancora Al Jarreau, Queen, Andrea Bocelli, Herbie Hancock,  Khaled, Jean ‘Toots’ Thielemans, Bobby McFerrin, Ronan Keating e Lionel Richie. Tra i produttori dell’ultimo suo album (di cui sopra trovate un singolo) figurano oltre ad Anouk anche gli svedesi Tore Johansson e Martin Gjerstad, stretti collaboratori di Anouk e in passato di tutti i maggiori successi dei Cardigans.

Ambasciatrice dell’Unicef, Trijntje Oosterhuis. viene da una famiglia di artisti: sua madre è una violinista e il padre Huub è  invece un poeta, musicista e paroliere ex sacerdote gesuita  espulso dal clero dopo aver rotto il voto di celibato e contestato alcuni dettami liturgici, mescolandoli all’attivismo politico di matrice socialista. Fondatore di una chiesa scismatica, continua comunque ad essere impegnato nella musica cristiana sia per i cattolici che per i protestanti. 

I Paesi Bassi sono stati rappresentati nella scorsa edizione tenutasi a Copenhagen, dal duo musicale The Common Linnets, composto da Ilse DeLange e Waylon, con il suo brano “Calm After the Storm“, ottenendo un meritatissimo 2° posto in Finale.

I Paesi Bassi ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1956 ed è uno dei membri fondatori della manifestazione. Dall’ora hanno partecipato a cinquantacinque edizioni dell’Eurovision Song Contest (47 finals) vincendo quattro volte: nel 1957 con Corry Brokken e il suo brano “Net als toen“, nel 1959 con Corry Brokken e il suo brano “Een beetje“, nel 1969 conLenny Kuhr e il suo brano “De troubadour” e nel 1975 con Teach-In e il suo brano “Ding-a-dong“.

Il Paese ha ospitato la manifestazione 4 volte (nel 1958, 1970, 1976 e nel 1980) e si è classificata per quattro volte all’ultimo posto (nel 1958, 1962, 1963 e nel 1968). Inoltre nel 2011 si è classificata all’ultimo posto della sua Semi-finale.

I Paesi Bassi sono stati assenti della manifestazione solo quattro volte, nel 1985 e nel 1991, mentre  nel 1995 e nel 2002 furono relegati.

Con l’introduzione delle semifinali, i Paesi Bassi hanno raggiunto la finale solo in tre occasioni, non riuscendo a raggiungere la Finale per un record di otto anni consecutivi, 2005-2012. Nel 2004 con i Re-union e il suo brano “Without You”, piazzandosi  posto, nel 2013 con Anouk e il suo brano “Birds”, piazzandosi al nono posto e quest’ultima edizione, con i The Common Linnets e il suo brano “Calm After the Storm“, ottenendo un meritatissimo 2° posto e diventando la canzone di maggior successo del Paese dal 1975.