Sanremo 2015 – Campioni: Lara Fabian – Voce

Lara Fabian

Intanto proseguono senza sosta i preparativi per la messa in onda del sessantacinquesimo Festival della Canzone Italiana, Sanremo 2015, in programma su Rai1 da martedì 10 a sabato 14 Febbraio 2015 presso il Teatro Ariston di Sanremo. Infatti, in questi giorni gli artisti stanno provando i rispettivi brani con l’orchestra del Festival di Sanremo.

Al timone del Festival per la prima volta ci sarà Carlo Conti. La direzione artistica sarà curata dallo stesso Conti, la direzione musicale da Pinuccio Pirazzoli, la scenografia da Riccardo Bocchini e la regia da Maurizio Pagnussat. 

Le cinque serate saranno trasmesse da Rai 1 (in alta definizione su Rai HD) e da Rai Radio 1 e Rai Radio 2. 

Nel frattempo, cominciamo a conoscere i cantanti che vedremo esibirsi sul palco del Teatro Ariston e proseguiamo con i venti artisti in gara nella categoria Campioni, il cui vincitore verrà comunicato durante la quinta serata del Festival, sabato 14 Febbraio. 

Tra i 20 Campioni (Big) che calcheranno il palco dell’Ariston tra il 10 e 14 Febbraio 2015, c’è Lara Fabian con “Voce”. Lara Fabian aspetterà a Maggio per un nuovo album di inediti mentre in vista di Sanremo uscirà solo per l’Italia una speciale raccolta di successi della star internazionale. Nel corso della terza serata, quella del giovedì sera, che come di consueto, sarà dedicata all’esecuzione delle cover di grandi brani della musica italiana, canterà “Almeno tu nell’universo”, brano di Mia Martini pubblicato nel 1989, incluso nell’album ‘Martini Mia’ e  presentato al Festival di Sanremo di quell’anno (9° posto), ottenendo il Premio della Critica e una gran quantità di apprezzamenti da parte del pubblico. Un’artista stimata e apprezzata in tutto il mondo.

Si era parlato dell’apertura del Festival di Sanremo 2015 anche agli stranieri e quest’anno, Carlo Conti ha inserito Lara Fabian alla competizione canora, nella sua prima esperienza da conduttore della kermesse musicale. Una grande voce internazionale che, in passato ha già cantato nella nostra lingua e con ottimi risultati. 

Infine, ricordiamo che il vincitore del Festival di Sanremo 2015 avrà la possibilità di partecipare in qualità di rappresentante italiano alla 60ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2015 che si terrà presso la Wiener Stadhalle (Halle D) a Vienna, il 19, 21 e 23 Maggio prossimo. Se rifiuterà, sarà la RAI ad avviare una selezione interna per scegliere un secondo artista secondo criteri propri, liberamente come negli scorsi anni.   

Toccherà a Lara Fabian il salto in Europa? Secondo il risultato del sondaggio consultivo, che ha un puro valore consultivo e non ha alcuna influenza sulla determinazione della classifica del prossimo Sanremo, pubblicato sulla pagina ufficiale di Facebook della RAI, dedicata all’Eurovision Song Contest un 10.3% degli internauti che hanno votato vorebbero a Lara Fabian sul palco dell’Eurovision.

LARA FABIAN

Lara Fabian è il nome d’arte di Lara Crokaert, cantante e compositrice francofona, nata a Etterbeek in Belgio, il 9 Gennaio 1970 da madre siciliana (Maria Luisa Serio, mentre Pippo Fabiano è lo zio, da cui ha preso il nome d’arte) e padre fiammingo (Pierre Crokaert, chitarrista di Petula Clark).

È da sempre considerata una delle voci più potente e intense del panorama internazionale e si è esibita portando sul palco brani in diverse lingue: italiano, inglese, spagnolo, portoghese, tedesco e napoletano.

È una delle più note esponenti del panorama musicale francofono a livello internazionale; la sua voce è una delle più potenti e acute del panorama canoro mondiale. Ad oggi ha venduto oltre 20 milioni di dischi in tutto il mondo.

Ha vissuto una buona parte della sua infanzia in Sicilia, a Catania e proprio l’italiano è la prima lingua che ha imparato. Nel 1975, all’età di cinque anni, si trasferisce con la famiglia in Belgio, a Ruisbroek.

All’età di dieci anni, Lara Fabian compone le sue prime melodie, ispirata da artisti come Barbra Streisand e i Queen e verso i quindici comincia ad esibirsi in alcuni locali di Bruxelles.

Determinante è l’incontro con Marc Lerchs, con cui inizia una collaborazione che tra il 1986 e il 1988 li porterà ad esibirsi insieme (lui al piano) neicabaret della capitale belga, tra cui il Black Bottom e il Caffè dell’Ilôt.

Partecipa inoltre a diversi concorsi amatoriali, tra cui Le Tremplin di Bruxelles, che vince. Dopo aver inciso il primo 45 giri, omaggio a Daniel Balavoine e stampato in 500 copie. Le canzoni “L’Aziza Est En Pleurs” e “Il Y Avait“, scritte da Marc, vengono ascoltate dal produttore Hubert Terheggen che, incuriosito, decide di assistere dal vivo ad una delle sue serate al Black Bottom.

Nel 1988 Hubert Terheggen le propone di partecipare all’Eurovision Song Contest che in quell’anno si svolge a Dublino, in rappresentanza del Lussemburgo. Si classifica al quarto posto (la vincitrice sarà Céline Dion, rappresentante della Svizzera) con la canzone “Croire“, che verrà tradotta in inglese “Trust” e tedesco “Glaub“.  

Per via del successo, abbandona gli studi di criminologia infantile che stava seguendo in Italia e decide di dedicarsi completamente alla carriera musicale.

Incide il suo secondo 45 giri, ‘Je Sais‘, e parte per il Québec per promuovere il disco, dove decide di trasferirsi insieme a Rick Allison, suo compagno dal 1990 al 1997, nonché produttore, compositore e co-autore fino al 2004.

Col suo primo album riceve una nomination al premio Félix. Nei due anni successivi partecipa a diversi festival di Montréal.

Nel 1996 la Disney la ingaggia per doppiare Esmeralda nella versione francese de Il gobbo di Notre Dame.

Il 1997 è l’anno di ‘Pure’, che segna il suo debutto francese (tra i brani: “Tout“, “Je T’Aime“, “Humana” e la canzone anti-omofobia “La Différence“) e grazie al quale si aggiudica il disco di platino, il Félix come Miglior Album Popolare e l’Juno Awards come Miglior Album Francofono. Nel cd è contenuta anche la cover della canzone “Perdere L’Amore” di Massimo Ranieri.

Nel 1999 registra tra New York e San Francisco il suo primo album internazionale, intitolato ‘Lara Fabian’. Oltre a Rick Allison, collabora con Walter Afanasieff (Mariah Carey) e Patrick Leonard (Madonna).

In Italia è conosciuta soprattutto per la canzone “Adagio” (inserita nel disco sia in inglese che in italiano), con un testo scritto da Lara Fabian stessa sopra un pezzo di musica classica, l’Adagio appunto, composto da Remo Giazzotto su basso numerato di Tomaso Albinoni. Altro singolo noto in Italia è “I Will Love Again” (al primo posto negli U.S.A. nella classifica Billboard Hot Dance Music/Club Play). L’album si aggiudica il World Music Awards per le due milioni di copie vendute.

Nonostante il successo di questa canzone (è al primo posto nella classifica iTuness Italy top 100 song downloads easy listening  dopo oltre 15 anni dalla sua uscita) sarebbe ridicolo racchiudere anni di carriera in una singola canzone. Infatti il talento  e l’umanità di Lara Fabian l’hanno portata a totalizzare più di 40 nominations importanti nel mondo musicale, vincendo innumerevoli premi tra cui “Miglior interprete femminile dell’anno”.

Nel 2001 esce l’album ‘Nue’; “J’Y Crois Encore“, “Immortelle“, “Aimer Déjà“, “Tu Es Mon Autre” (in duetto con Maurane) sono solo alcuni dei pezzi scritti con Allison.

Nel 2002, a Roma, in una serata organizzata a Piazza di Spagna dalla tv di stato francese France 2, per celebrare la canzone italiana, Lara Fabian duetta con Laura Pausini ne “La Solitudine“.

Nel 2003 incide la sua personale versione di “Caruso” di Lucio Dalla, interpretata durante il tour diventato successivamente un disco live, intitolato “En Toute Intimité“; nel quale si cimenta anche nell’aria della Traviata di Giuseppe Verdi, Addio Del Passato.

Il 2004 è la volta di ‘A Wonderful Life’, suo secondo album in inglese. I singoli estratti, come “The Last Goodbye” e “I Guess I Loved You” consolidano il successo di Lara Fabian nei paesi latini, e in special modo in Brasile. Tra gli altri brani, la cover di “Wonderful Life” (la versione originale del 1987 è di Black), resa nota in Italia perché sigla dello spot dell’acqua Panna.

Nel Marzo 2005 esce l’album ‘9’ che segna per la cantante l’inizio della fase artistica successiva allo scioglimento del sodalizio con Allison. Nuovo tour mondiale, “Un Regard 9”, che la vede impegnata in più di 60 concerti in vari paesi europei ed extraeuropei. Dal tour viene realizzato un CD/DVD dal titolo ‘Un Ragard 9 – Live’, registrato durante il concerto allo Zénith di Parigi nel marzo 2007, e in cui sono contenuti un inedito registrato a Montréal, “Aime“, e quindici performance live, tra cui “Je T’Aime” cantata a cappella in apertura, “Humana” (durata oltre dieci minuti) e un omaggio a Barbra Streisand, con le interpretazioni di “Papa Can You Hear Me” e “A Piece Of Sky”.

Nel Marzo 2006, durante il concerto al teatro Le Zénith di Parigi, canta con Gigi D’Alessio “La Donna Che Vorrei“, in una versione italo-francese. Il cantante napoletano decide in seguito di incidere in duetto con lei la canzone “Un Cuore Malato“, scritta a quattro mani con Mogol e contenuta nell’album ‘Made in Italy’. Questa collaborazione le permette di esibirsi in Italia, in alcune trasmissioni televisive, ma soprattutto sul palco del Teatro Ariston, dove il 2 Marzo 2007, in qualità di ospite al Festival di Sanremo canta “Adagio” (in inglese) e “Un Cuore Malato” in coppia con D’Alessio.

Il nuovo album, ‘Toutes les femmes en moi’ (Tutte le donne in me), esce in Francia nel mese di Maggio 2009 e contiene cover di tutte le grandi artiste che hanno influenzato la sua carriera musicale (fra i brani ci sono “Soleil soleil” di Nana Mouskouri, “L’amour existe encore” di Céline Dion, “Message personnel” di Françoise Hardy, “Il venait d’avoir 18 ans” di Dalida, “Göttingen” di Barbara, “Hymne à l’amour” di Edith Piaf), insieme a due nuovi titoli inediti.

L’album ‘Every Woman in me’, la versione inglese di ‘Toutes les femmes en moi’, è caratterizzato dalla reinterpretazione acustica di canzoni inglesi cantate da donne tra cui Bette Midler, Joni Mitchell, Karen Carpenter, Kate Bush, Aretha Franklin, Ella Fitzgerald e Barbra Streisand.

Nel mese di Aprile 2013, Lara Fabian pubblica un video metraggio diretto da Alan Badoev e Mauro Belardo intitolato Mademoiselle Zhivago della durata di oltre 51 minuti. Tutte le canzoni facenti parte della colonna sonora sono state composte dal direttore musicale Igor Krutoy e facenti parte del suo omonimo album Mademoiselle Zhivago del 2010.

A distanza di otto anni dall’ultima uscita discografica europea, il 15 aprile 2013 esce ‘Le secret’, che raggiunge il disco d’oro a poche settimane dalla sua uscita. CD autoprodotto, contiene 17 tracce con liriche di Lara Fabian e musiche di Giora Linenberg, Flavien Compagnon e Janey Clewer; il primo singolo estratto è “Deux ils deux elles“.

Lo scorso 14 Dicembre 2014 viene annunciata la sua presenza al Festival di Sanremo 2015 da Carlo Conti a l’Arena di Massimo Giletti con il brano “Voce”.

Di recente uscita la canzone “Make me yours tonight” (Al Götür Beni), prima in classifica da 15 Settimane in Turchia. Si tratta di un duetto, sia in lingua inglese che turca, frutto di una collaborazione con Mustafa Ceceli, autore anche dell’arrangiamento di “Voce”, canzone con cui la Fabian si presenterà a Sanremo il prossimo Febbraio.

A fine Febbraio, subito dopo la partecipazione al Festival, è prevista l’uscita di un Best Of di Lara con i suoi più grandi successi incluso il brano “Voce”.  

A maggio 2015 uscirà in tutto il mondo il nuovo album di inediti.

Sicuramente saprà dare un valore aggiunto alla competizione canora, e questo sarà un modo per poter far apprezzare anche ai più giovani una voce unica. 

Come avete potuto notare, è una carriera così ricca che risulta difficile riassumerla in poche righe. Se siete interessati alla storia e alla discografia dell’artista per avere una visione più completa di una carriera ricca e densa di collaborazioni di livello internazionale potete consultare qui.

1 thought on “Sanremo 2015 – Campioni: Lara Fabian – Voce