JESC 2018: Rita Laranjeira per il Portogallo a Minsk

Sarà la tredicenne Rita Laranjeira a rappresentare il Portogallo alla sedicesima edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2018 che si terrà per la seconda volta in Bielorussia – dopo lo Junior Eurovision Song Contest 2010 – presso  la Minsk Arena  (Мінск-Арэна) il prossimo 25 novembre 2018.

Rita Laranjeira è stata selezionata internamente dalla RTP tramite una giuria di esperti composta da Fernando Martins, Carla Bugalho (Capo della delegazione portoghesa), Nuno Galopim, Sílvia Alberto (conduttrice dell’ESC 2018) e Pedro Madeira (rappresentante del Portogallo allo JESC 2006).

L’annuncio è arrivato questo pomeriggio nel corso del programma Agora Nós condotto da Tânia Ribas de Oliveira e José Pedro Vasconcelos su RTP 1, dove si è reso noto il vincitore del casting Juniores de Portugal 2018 e quindi la scelta della cantante come rappresentante portoghese all’Eurovision Song Contest (JESC) 2018 a Minsk, in Bielorussia.

Rita Laranjeira non riesce ancora a credere di aver vinto e ha detto: “Penso di non aver messo piede a terra, sento che sto sognando!”.

La cantante è stata scelta in uno casting tenuto presso gli studios della RTP domenica scorsa, dove Rita si è esibita interpretanto tre canzoni: “Eu sei” di Sara Tavares, “Somewhere over the rainbow” e “I Surrender” di Céline Dion.

La canzone di Rita non è ancora stata resa pubblica. La giovane cantante entrerà nello studio di registrazione nei prossimi giorni per lavorare sulla canzone con cui si esibirà sul palco della  la Minsk Arena  (Мінск-Арэна) il prossimo 25 novembre 2018. Inoltre, è stato rivelato che a differenza dell’anno scorso ci sarà registrato un video musicale della canzone.

Ecco i 10 partecipanti allo  Juniores de Portugal 2018:

• Portogallo allo Junior Eurovision Song Contest: Il Portogallo ha partecipato 3 volte sin dal suo debutto nel 2006. La rete che ha curato le varie partecipazioni è la RTP. Si è ritirata nel 2008, ma ritornerà 10 anni dopo nel 2017. Nonostante nel luglio del 2014, RTP avesse espresso la sua intenzione a tornare nella competizione, il 4 settembre dello stesso anno annuncia che non sarebbe stato così.

  • 2006: Pedro Madeira – “Deixa-me sentir”, 14° – 22 punti
  • 2007: Jorge Leiria – “Só quero é cantar”, 16° – 15 punti
  • 2007: Mariana Venâncio – “Youtuber”, 14° – 54 punti

a07785b5f40a12774219f10913eae00e

Saranno ben 20 i paesi in gara alla 16ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest, riservato ai bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni ed organizzato dall’emittente pubblica bielorussa BTRC, che si terrà domenica 25 novembre 2018 presso la Minsk Arena.

Si tratta del secondo evento eurovisivo che si svolge in Bielorussia, dopo lo Junior Eurovision Song Contest 2010.

Lo slogan di questa edizione è “#LightUp”. Il logo di questa edizione è una stella composta di onde sonore verticali diffuse lateralmente, a mimare la propagazione della luce nello spazio, proprio nel tentativo di ricollegarsi al motto stesso. Si tratta dunque di un modo molto originale per rimarcare la volontà di celebrare tutto il potenziale creativo che sta nei giovani artisti che rappresentano i stati partecipanti.

Questi i Paesi in competizione:

  • Albania (RTSH): Efi Gjika – “Barby” 
  • Armenia (AMPTV): L.E.V.O.N – “L.E.V.O.N
  • Australia (ABC/SBS): Jael Wena – “”
  • Azerbaigian (İCTIMAI): Fidan Hüseynova – “”
  • Belarussia (BTRC): Daniel Alex Yastremsky (Даніэль Алекс Ястрэмскі) – “Time
  • Francia (France TV): 
  • ERI di Macedonia (MKRTV): Marija Spasovska (Марија Спасовска) – “”
  • Georgia (GPB): Tamar Edilashvili (თამარ ედილაშვილი) – “”
  • Irlanda (TG4): 
  • Israele (KAN): Noam Dadon (נועם דדון) – “”
  • Italia (RAI): 
  • Kazakistan (Khabar Agency): DaneliaTuleshova (Данэлия Тулешова) – “Өзіңе сен” (Özinge Sen)
  • Malta (PBS): Ela Mangion – “Marchin’ on
  • Polonia (TVP): Roksana Węgiel – “”
  • Portogallo (RTP): Rita Laranjeira – “”
  • Russia (RTR): Anna Filipchuk (Анна Филипчук) – “Nepobedimy” (Непобедимы, Invicible)
  • Serbia (RTS): Bojana Radovanović (Бојана Радовановић) – “Svet” (Свет, World)
  • Paesi Bassi (AVROTROS): 
  • Ucraina (UA:PBC): Darina Krasnovetska (Даріна Красновецька) – “Say love” (Кажу любов)
  • Galles (S4C): 

Cipro ha annunciato il proprio ritiro, ma debuttanno il Galles, già partecipante all’Eurovision Choir of the Year e il Kazakistan, mentre tornano in competizione la Francia, dopo l’unica partecipazione nel 2004, Israele e Azerbaigian.

Questo è il più alto numero di paesi nella storia del concorso (superando il record del 2004 con 18 paesi in gara) che nel 2018 si terrà presso la Minsk Arena.

La Rai porta l’Italia al JESC 2018 in collaborazione con Antoniano. Si rinnova anche nel 2018 la collaborazione tra Rai e Antoniano in vista della più importante competizione dedicata ai giovani artisti di tutta Europa: il Junior Eurovision Song Contest. Per il terzo anno consecutivo infatti, Rai Ragazzi ha affidato all’Antoniano con laDirezione Artistica di Fabrizio Palaferri (già artistic director nel 2016 e 2017), la produzione del brano che rappresenterà l’Italia e la ricerca dell’interprete che sia più adatto per la canzone scelta.

Sono già accesi i motori, dunque, della macchina organizzativa in vista dell’appuntamento del 25 novembre, in diretta su Rai Gulp dal palco dellaMinsk Arena in Bielorussia, Paese designato dopo la vittoria della Russia nell’ultima edizione grazie alla performance di Polina Bogusevich con la sua canzone “Wings”.  

Slogan di quest’anno: #LightUp, tema che si rispecchia nella creatività del logo, basato su una stella del mattino fatta di onde sonore verticalmente invertite.

Si prospetta dunque una nuova entusiasmante avventura in musica, dopo la nona posizione raggiunta nel 2017 con Maria Iside Fiore e la sua “Scelgo (My choice)”, e il terzo posto conquistato nel 2016 con “Cara Mamma (Dear Mom)”interpretata da Fiamma Boccia.

Nel brano “Scelgo… my choice” si affronta il tema del futuro e della paura che può scaturire nel doverlo affrontare giorno dopo giorno: in un periodo storico in cui il domani è sempre più incerto e nebuloso, scegliere di vivere, sperare e sognare nonostante le difficoltà, è di vitale importanza. Quella di amare è dunque la scelta più rivoluzionaria e coraggiosa, perché grazie all’amore si possono sempre scacciare le paure. La canzone, una produzione Rai realizzata dall’Antoniano di Bologna, è stata scritta da Stefano Rigamonti e Marco Iardella, già autori di molti successi dello Zecchino d’Oro, dalla stessa Maria Iside Fiore e da Fabrizio Palaferri, produttore esecutivo di Antoniano.

Il brano “Cara Mamma (Dear Mom)”, interamente firmato dall’Antoniano di Bologna (Testo: F. Boccia – M. Iardella – F. Spadoni – Musica: M. Iardella – A. Ghironi – F. Spadoni), rappresenta pienamente, con il suo testo, lo spirito di semplicità, amore e accoglienza che da sempre contraddistingue i principi dell’Antoniano. La canzone racconta l’amore più indissolubile al mondo, affrontando il delicato quanto attuale tema della migrazione e delle difficili situazioni che molti sono costretti a vivere allontanandosi dal proprio paese di origine e dai propri cari. La piccola Fiamma Boccia è stata anche l’interprete di “Ninnaneve” nell’edizione 2013 dello Zecchino d’Oro.