ESC 2018: “Toy” di Netta Barzilai supera 100 milioni di visualizzazioni su YouTube

5791adacbb2ebd164be88f6019a3cf26.png

Il video ufficiale di “Toy”, la canzone con la quale la catante israeliana Netta Barzilai (נטע ברזילי) ha vinto l’edizione 2018 dell’Eurovision Song Contest, ha superato ieri i cento milioni di visualizzazioni sul canale YouTube della manifestazione.

Si tratta della prima volta in assoluto che un video caricato sull’account ufficiale dell’Eurovision Song Contest raggiunge tale quota, sebbene vi siano altri due video riguardanti l’artista israeliana, e cioè quelli delle performance di Semi/Finale e Finale (rispettivamente con 21.2 e 31.8 milioni di visualizzazioni).

Un particolare curioso è legato al rapporto tra “mi piace” e “non mi piace” (pollice in su e pollice in giù) dei tre video citati. In particolare, confrontandoli, si trovano i dati che seguono:

  • Video ufficiale (100 milioni): 950.000 “mi piace”, 380.000 “non mi piace”
  • Video della finale (31.8 milioni): 277.000 “mi piace”, 470.000 “non mi piace”
  • Video della semifinale (21.2 milioni): 285.000 “mi piace”, 112.000 “non mi piace”

Questi dati, uniti a un numero davvero elevato di commenti non solo su YouTube, ma anche in giro per il web, indicano quanto sia stata divisiva la canzone vincitrice e quanto non sia stata, per Netta, una corsa di testa fin dall’inizio: va infatti ricordato che, fino a poco prima della finale, tutti i favori del pronostico sembravano essersi spostati su “Fuego” di Eleni Foureira (Ελένη Φουρέιρα), in rappresentanza di Cipro, poi terminata al secondo posto.

Curiosamente, “Toy” non detiene il primato di canzone dell’Eurovision Song Contest più visualizzata su YouTube. Quel record, anche combinando i video sopracitati, resta a “Occidentali’s Karma” di Francesco Gabbani, sesta nel 2017 in rappresentanza dell’Italia: gli oltre 200 milioni, in questo caso, sono relativi al video ufficiale sul proprio canale di cui è protagonista l’artista.

A livello di singolo video, in questa particolare classifica, anche il secondo posto è italiano: lo occupano Il Volo con “Grande amore” (Eurovision Song Contest 2015, terzo posto), il cui video ufficiale conta oggi 138 milioni di visite. Sta per superare il muro dei 100 milioni anche “Fairytale” di Alexander Rybak, vincitrice nel 2009 per la Norvegia, anche se non nella versione caricata sul canale YouTube del concorso.

Limitandoci, invece, al canale ufficiale dell’Eurovision, sul podio dei video più visti troviamo “Satellite di Lena (59 milioni, video ufficiale) e “Allez Olà Olè di Jessy Matador (58 milioni, anche questo video ufficiale), entrambi in gara nel 2010 rispettivamente per Germania e Francia. L’una ha vinto, l’altro ha chiuso dodicesimo.

L’esibizione eurovisiva più vista resta quella di Loreen con “Euphoria”, che ha regalato alla Svezia la quinta delle sue sei vittorie nel 2012, con 34.8 milioni, seguita da “Heroes” di Mans Zelmerlow (Svezia 2015, sesta vittoria) ad appena mezzo milione di distanza.

A seguito della vittoria di Netta a Lisbona, la 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2019 si terrà a Tel Aviv il 14, 16 e 18 maggio presso l’Expo Tel Aviv (International Convention Center, Padiglione 2).  42 Paesi, tra cui l’Italia, saranno in gara.