ESC 2021 – Serbia: Niente selezione nazionale per il brano delle Hurricane per Rotterdam 2021?

Stando a quanto ripotato i media serbi l’emittente pubblica serba RTS non organizzerà più una selezione nazionale per determinare la canzone con cui le Hurricane si esibiranno alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà presso l’Ahoy Rotterdam di Rotterdam, nei Paesi Bassi il 18, 20 e 22 maggio 2021, ma potrebbe essere stata selezionata internamente.

Secondo quanto informano i media locali, nel corso del programma “Kec na jedanaest” trasmesso su Televiziji K1 (ТВ ДР / k1 tv) condotto da  Boško Jakovljević i Aleksandra Jeftanović, il loro assistente associato Filip Belan ha rivelato che RTS ha deciso di annullare la selezione nazionale per selezionare il brano delle Hurricane per Rotterdam 2021 a causa del pandemia di COVID-19 in corso ed è selezionata internamente.

Inoltre Belan, ha anche riportato che la canzone verrà presentata e pubblicata nei prossimi giorni sul canale YouTube della RTS dedicato all’Eurovision Song Contest. 

Anche se al momento nè RTS nè i siti eurovisivi serbi hanno ancora ufficializzato, ma la decisione è ormai presa.

Una scelta inaspettata considerando che solo un mese e mezzo fa RTS aveva confermato che il brano delle Hurricane in rappresentanza della Serbia all’Eurovsision Song Contest 2021 doveva essere scelto appunto attraverso un programma televisivo.

Se RTS decidesse di abbandonare la selezione nazionale del brano inicialmente annunciata per una selezione interna di canzoni, seguirebbe i passi della Slovenia che ha scelto di selezionare internamente la propria canzone in seguito ai piani iniziali per una selezione televisiva.

Le Hurricane, note anche Hurricane Girls, avrebbero dovuto rappresentare la Serbia all’Eurovision Song Contest 2020 con il brano  “Hasta La Vista”, ma in seguito all’annullamento dell’evento a causa della pandemia di COVID-19, sono state riconfermate come rappresentanti nazionali per l’edizione del 2021.

Il gruppo formato da Sanja Vučić (ha già partecipato all’Eurovision per la Serbia nel 2017 con “Goodbye (Shelter)“, un brano forte sulla violenza sulle donne), Ivana Nikolić e Ksenija Knežević (è la figlia di Knez, già in gara per il Montenegro e accompagnò il padre come corista), avevano vinto l’anno scorso Beovizija, la selezione nazionale serba, con il punteggio più alto sia della giuria sia del pubblico da casa. Il trio rappresenta una della scelte migliori per la Serbia tenendo presente le numerosissime visualizzazioni su YouTube con brani soprattutto in inglese, a riprova della vocazione internazionale.

Serbia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv dalla cantante serba Nevena Božović (Невена Божовић) e la canzone “Kruna” Круна), scelti tramite il Beovizija 2019. 

Questa è la seconda volta che la cantante ha rappresentato la Serbia all’Eurovision Song Contest (come parte delle Moje 3 nel 2013 con il brano “Ljubav je svuda” (Љубав је свуда, Love Is Everywhere), non riuscendo tuttavia a qualificarsi per la serata finale). Inoltre, ha rappresentato la Serbia allo Junior Eurovision Song Contest 2007 con il brano “Piši mi” (Пиши ми), classificandosi terza con 120 punti.

Il brano, pubblicato il 20 marzo 2019, scritto e composto dalla stessa interprete, ha preso parte alla Beovizija 2019, processo di selezione nazionale per l’Eurovision Song Contest. Nella serata finale del programma l’artista è stata proclamata vincitrice, avendo ottenuto il massimo dei punteggi da parte della giuria e ottenendo il terzo posto dal televoto, ottenendo il diritto di rappresentare la Serbia all’Eurovision Song Contest 2019 di Tel Aviv, in Israele. Dopo essersi qualificata dalla prima semifinale del 14 maggio, si è esibita per ventitreesima nella finale del 18 maggio successivo. Qui si è classificata 18ª su 26 partecipanti con 89 punti totalizzati, di cui 54 dal televoto e 35 dalle giurie. È stata la più votata sia dal pubblico che dai giurati del Montenegro.

La Serbia ha partecipato per la prima volta, come nazione indipendente all’Eurovision Song Contest nel 2007 dopo la separazione con il Montenegro avvenuta nel Giugno del 2006 (12 partecipazioni e 9 Finali), e subito ha ottenuto la vittoria con Marija Šerifović / Марија Шерифовић e il brano “Molitva” (Молитва, Prayer). Nel 2014 ebbe la sua prima assenza, che durerà un anno.

La Serbia come parte della Serbia e Montenegro partecipò all’Eurovision Song Contest solo due volte, nel 2004 e nel 2005. Nel 2006 a causa di problemi interni, sfociati poi nella separazione, si ritirò dalla manifestazione, ma le fu consentito di partecipare al televoto.

Un debutto nel 2004 (che segnò anche il ritorno della nazione dopo 12 anni) di grandissimo successo con un secondo posto in classifica con la performance di Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић) and Ad Hoc Orchestra con la canzone “Lane Moje” (Лане моје, My sweetheart), mentre nel 2005, la seconda partecipazione con un settimo posto in classifica con la band montenegrina, No Name (Но нејм) con il brano “Zauvijek moja” (Заувијек моја, Forever mine). La stessa band montenegrina doveva partecipare anche all’edizione del 2006 con la canzone “Moja ljubavi” (Moja љyбaви, My love), ma a causa di una serie di accuse di brogli tra le due emittenti televisive (la serba SRT e la montenegrina RTCG), il 20 Marzo 2006 la Serbia e Montenegro si è ufficialmente ritirata dalla gara. Il paese (o più precisamente la Serbia, visto che in Montenegro la gara non è stata trasmessa) ha però partecipato all’Eurovision Song Contest 2006 prendendo parte alle votazioni.

A seguito del referendum sull’indipendenza del Montenegro, dal 2007 Serbia e Montenegro partecipano alla manifestazione come due stati separati.

Formalmente la Serbia e Montenegro partecipò anche all’edizione del 1992 quando era ancora chiamata Repubblica Federale di Jugoslavia; da allora, fu assente per 11 volte.

Nel 2014 la Serbia ha deciso di ritirarsi a causa dei problemi finanziari per motivi economici e anche a causa della mancanza di sponsor.  La sua prima assenza durerà un anno.

Fino all’edizione 2015, la Serbia era uno dei dodici paesi in cui i loro rappresentanti hanno eseguito tutte le canzoni (completamente o parzialmente) in lingua regionale o nazionale; ed era l’unico paese che attualmente prende parte alla manifestazione che non ha eseguito un brano almeno parzialmente in inglese. Gli altri paesi sono il Portogallo, Israele, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Irlanda, Andorra, Lussemburgo, Marocco e Monaco.