Italia: Ecco il video ufficiale di “I wanna be your slave” dei Måneskin

I Måneskin tornano a provocare e a far discutere, e lo fanno con il video del nuovo singolo “I wanna be your slave”, brano contenuto nell’ultimo album della band, Teatro D’ira Vol.1 e pubblicato oggi pomeriggio su YouTube dopo le anteprime dalla band sui social negli ultimi giorni.

Dalla foto in cui il cantante Damiano David indossava calze a rete e tacchi a spillo e la bassista Victoria De Angelis pantaloni e giacca alla clip nella quale quest’ultima sputava in faccia al batterista Ethan Torchio. Le immagini della clip sono potenti, spinte, a tratti tra il fetish e il bondage: in una scena il cantante e il batterista simulano addirittura un rapporto. E poi baci gay, come quello tra il cantante Damiano e il batterista Ethan Torchio, e sfioramenti nelle parti intime, corpi seminudi, costumini di pelle. E anche scene di “doggy style”. Come un mini “Rocky Horror Picture Show”, scandaloso e osceno (nel vero senso della parola, caratterizzato cioè da provocazioni a sfondo sessuale sguaiate e irriverenti). È il video di “I wanna be your slave”, il nuovo singolo dei Måneskin, appena uscito.

Arriva dopo le anticipazioni social degli ultimi giorni, pubblicate dalla band romana In una di queste, una clip, la bassista Victoria De Angelis, considerata la vera mente del gruppo, che fondò ai tempi del liceo (prima cacciando il cantante Damiano, perché era troppo pop, e poi riprendendolo), sputava verso il basso un liquido gelatinoso che cadeva in faccia al batterista del gruppo, Ethan Torchio.

“I wanna be your slave” è il nuovo singolo estratto dall’album “Teatro d’ira – Vol. 1”, uscito a marzo dopo la vittoria al Festival di Sanremo 2021, ma la canzone è già un successo. I Måneskin l’hanno infatti suonata durante le varie ospitate televisive delle ultime settimane in Europa, dalla Polonia alla Francia: infatti il brano è già Disco di platino in Finlandia, Polonia, sei volte Disco di platino in Russia, Disco d’oro in Austria, Grecia, Norvegia, Svezia e Turchia.

A proposito del brano, Damiano David e soci hanno spiegato: “È un modo per descrivere con crudezza tutte le sfaccettature della sessualità e come possono essere influenti nella vita di tutti i giorni. Abbiamo inserito dei contrasti: “I’m the devil, I’m a lawyer, I’m a killer, I’m a blonde girl”, vogliamo far passare l’idea che non dobbiamo per forza avere una sola identità, ognuno può avere tante sfaccettature.”

Il videoclip, diretto da Simone Bozzelli, vincitore della 35esima Settimana Internazionale della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia con il corto “J’Adore”, ne incarna l’essenza. Girato in pellicola e caratterizzato da un ampio uso dell’effetto fisheye, catapulta il pubblico in un loop voyeuristico dove ad ogni desiderio proibito corrisponde un piccolo sacrificio, narrato attraverso immagini in rotazione e in costante movimento. I Måneskin sono protagonisti di un live audace e senza filtri in perfetta sintonia con il mood del brano e del testo, dove le varie figure in antitesi vogliono raccontare la sessualità in tutte le sue sfaccettature.

Per il lancio della clip i Måneskin, ormai famosissimi a livello internazionale dopo la vittoria all’Eurovision Song Contest 2021, hanno organizzato una premiere su YouTube, dando appuntamento ai fan di tutto il mondo alle 19 in punto. Al momento della partenza della clip in attesa c’erano 130 mila persone, collegate dalla Russia, dalla Spagna, dalla Polonia, dal Regno Unito, dalla Germania, dalla Francia e pure dagli Usa, dove il quartetto ha recentemente iniziato la sua scalata al successo entrando con la cover di “Beggin'” – da giorni il brano più ascoltato su Spotify a livello globale: ha appena superato quota 200 milioni di stream – spingendosi fino alla posizione numero 46 della Billboard Hot 100, la canzone relativa alle canzoni più popolari negli States. Nell’ultima settimana negli Usa hanno fatto più numeri dei campioni della trap Migos e della rock band degli Imagine Dragons.

Potete guardare il video proprio qui sotto:

Dopo la vittoria all’Eurovision Song Contest 2021 con “Zitti e buoni”, i Måneskin hanno scelto “I wanna be your slave” come singolo promozionale per le varie ospitate collezionate dalla band in tv in giro per l’Europa, dalla Polonia (dove, dopo aver suonato la canzone, il cantante Damiano e il chitarrista Thomas si sono anche scambiati un bacio gay) alla Francia (indossando abiti disegnati da Vivienne Westwood, la stilista che negli Anni ’70 contriubuì a creare il look del punk, modellato sui Sex Pistols lanciati dal compagno Malcolm McLaren). E infatti la canzone, estratta dall’album “Teatro d’ira – Vol. 1”, ha già conquistato il Disco di platino, oltre che in Italia, anche in Finlandia e Polonia, sei Dischi di platino in Russia, il Disco d’oro in Austria, Grecia, Irlanda, Norvegia, Svezia e Turchia. 

Intanto la band continua a dominare con la cover di “Beggin'” la Spotify Global Chart, la classifica giornaliera relativa alle canzoni più ascoltate a livello mondiale sulla piattafiorma. Il brano è da dodici giorni il più streammato nel mondo, davanti alle hit di popstar come Olivia Rodrigo, i BTS, Ed Sheeran, Lil Nas X. Nelle ultime ventiquattro ore ha totalizzato 7,4 milioni di ascolti, che hanno permesso al singolo di superare quota 200 milioni di stream complessivi su Spotify.

Aggiornamento: I Måneskin continuano la loro marcia trionfale. La band capitolina è al primo posto della Emerging Artists di Billboard, classifica che premia le nuove realtà. Il nuovo video “I wanna be your slave” intanto ha già superato le 4 milioni di visualizzazioni dopo neanche 24 ore dall’uscita.  Il video ufficiale è stato girato in pellicola e caratterizzato da un ampio uso di fisheye. Le immagini rispecchiano bene il contenuto del testo: le varie figure in antitesi raccontano la sessualità in tutte le sue sfaccettature.

Non è finita la band continua a dominare con la cover di “Beggin'” la Spotify Global Chart, la classifica giornaliera relativa alle canzoni più ascoltate a livello mondiale sulla piattafiorma. Il brano è da dodici giorni il più streammato nel mondo, davanti alle hit di popstar come Olivia Rodrigo, i BTS, Ed Sheeran, Lil Nas X. Nelle ultime ore ha totalizzato 7,4 milioni di ascolti, che hanno permesso al singolo di superare quota 200 milioni di stream complessivi su Spotify.

E alla fine il fenomeno Måneskin conquista anche gli Stati Uniti. Incredibile, ma vero: la band romana ha conquistato questa settimana il primo posto della classifica Emerging Artists di Billboard, relativa agli artisti emergenti più popolari negli Usa, stilata incrociando varie informazioni, dalle vendite ai passaggi radiofonici passando per le visualizzazioni su YouTube. Non solo: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi e Ethan Torchio con la cover di “Beggin'” si spingolo oltreoceano fino alla 46esima posizione nella Billboard Hot 100, la classifica dei brani più popolari in america, mentre l’Ep “Chosen” – quello pubblicato dopo “X Factor” – debutta alla 132esima posizione della classifica dei dischi. Intanto nel Regno Unito il singolo “I wanna be your slave” si aggiudica il Disco d’argento per l’equivalente delle 200 mila copie vendute. In Italia la band si conferma al primo posto tra gli album con “Teatro d’ira – Vol. 1”.