ESC 2022: I volontari dell’ESC 2022 si incontrano per la prima volta

Si sono riuniti oggi i primi trecento aspiranti volontari, su un totale di 12 mila, presso il Pala “Gianni Asti” di Torino per la prima sessione informativa dedicata a che vorranno far parte dell’Eurovision Song Contest 2022. Saranno un migliaio quelli che verranno impiegati in attività di supporto.

A fare gli onori di casa per la Città di Torino, l’assessora ai Giovani, Carlotta Salerno, che ha dichiarato: “Gli eventi e i momenti più belli e importanti della nostra città da sempre sono legati alla parola volontariato e al ruolo di chi quotidianamente decide di impegnarsi. La risposta meravigliosa che c’è stata è la sintesi di una storia che affonda le radici lontano nel tempo e spero che questa iniziativa sia il motore di un impegno che continuerà.”

Guido Rossi, responsabile del Centro Produzione Rai di Torino, ha aggiunto: “Il volontariato è una bellissima esperienza di vita ed è nello spirito di Eurovision, un evento che vuole coinvolgere tutti. Eurovision non è solo la finale, è molto di più, riempirà Torino di tantissimi eventi ed attività in due settimane e sono convinto che l’elemento che ha portato Torino a vincere e anche legato alla capacità della città di mettersi a disposizione. Saranno nove giornate aperte al pubblico per le prove, l’inaugurazione l’8 maggio a Venaria con il ‘tappeto turchese’ su cui sfileranno i 41 artisti in gara, e l’Eurovillage che sarà realizzato in una zona centrale della città per eventi e che proietterà anche la gara. Avremo tre presentatori straordinari, tre star internazionali, Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika, elemento importante per la maestosità dell’evento. Saranno due settimane che faranno sentire la sua importanza in città e auspichiamo che a maggio potrà esserci la piena capienza nei palazzetti. Comune e Rai vogliono far vivere a più cittadini possibile questa esperienza.”

Nonostante le molte polemiche l’entusiasmo è grande. C’è la ragazza di origini lituane che vuole mettere a disposizione la sua lingua madre, la coppia che ha già i capelli bianchi e vuole dedicare parte del suo tempo alla città, chi ha alle spalle l’esperienza di Torino 2006 e chi rivela “non ho mai smesso di essere volontario”.

Inoltre, secondo quanto riporta Torino Oggi la capienza massima prevista per il Pala Alpitour sarà del 65%.

Si punta naturalmente al 100% della capienza, nel frattempo però sarà possibile iniziare la vendita di almeno una parte o tutti i biglietti che rientreranno in quel 65% legato alla situazione attuale.

Non c’è ancora una data ufficiale, ma fonti vicine all’organizzazione ci riferiscono che si parla di fine mese o pochi giorni dopo.

Così parla Guido Rossi (Centro Produzione Rai di Torino), ripreso dall’ANSA: “Eurovision non è solo la finale, è molto di più, riempirà Torino di tantissimi eventi ed attività in due settimane e sono convinto che l’elemento che ha portato Torino a vincere e anche legato alla capacità della città di mettersi a disposizione. 9 giornate aperte al pubblico per le prove, l’inaugurazione l’8 maggio a Venaria con il “tappeto turchese” su cui sfileranno i 41 artisti in gara e l’Eurovillage che sarà realizzato in una zona centrale della città e che proietterà anche la gara. Avremo tre presentatori straordinari, tre star internazionali, Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika, elemento importante per la maestosità dell’evento. Saranno due settimane che faranno sentire la sua importanza in città e auspichiamo che a maggio potrà esserci la piena capienza nei palazzetti. Comune e Rai vogliono far vivere a più cittadini possibile questa esperienza.”

In merito alle “nove giornate di prove”, va in realtà detto che probabilmente Rossi si è riferito ai nove show per cui vengono normalmente messi in vendita i biglietti: le dress rehearsal 2 di semifinali e finale (lunedì, mercoledì e venerdì sera), le dress rehearsal 3 di semifinali e finale (martedì, giovedì e sabato pomeriggio) e gli show tv di semifinali e finale (martedì, giovedì e sabato sera).

gli show per cui vengono venduti i biglietti sono nove, e cioè tre a testa per prima semifinale, seconda semifinale e finale. Questa, in particolare, la sequenza:

  • Lunedì sera, ore 21.00: Dress Rehearsal 2 della prima semifinale (Jury Show, che è quello sul quale votano le giurie, a circuito chiuso, ma sempre col pubblico nell’arena)
  • Martedì pomeriggio: Dress Rehearsal 3 della prima semifinale (Family Show, è la prova che ricalca, al pari della sera precedente, quel che si vedrà in tv poche ore dopo)
  • Martedì sera, ore 21.00: Prima semifinale (Tv Show)
  • Mercoledì sera, ore 21.00: Dress Rehearsal 2 della seconda semifinale (Jury Show, che è quello sul quale votano le giurie, a circuito chiuso, ma sempre col pubblico nell’arena)
  • Giovedì pomeriggio: Dress Rehearsal 3 della seconda semifinale (Family Show, è la prova che ricalca, al pari della sera precedente, quel che si vedrà in tv poche ore dopo)
  • Giovedì sera, ore 21.00: Seconda semifinale (Tv Show)
  • Venerdì sera, ore 21.00:Dress Rehearsal 2 della finale (Jury Show, che è quello sul quale votano le giurie, a circuito chiuso, ma sempre col pubblico nell’arena)
  • Sabato pomeriggio: Dress Rehearsal 3 della finale (Family Show, è la prova che ricalca, al pari della sera precedente, quel che si vedrà in tv poche ore dopo)
  • Sabato sera, ore 21.00: Finale (Tv Show)

Il maxischermo nell’Eurovillage (che secondo le ultime indiscrezioni si dovrebbe tenere o in Piazza Castello o in Piazza San Carlo) è una variazione sul tema di quanto era stato reso noto qualche settimana fa, in cui tale eventualità era ancora in via di definizione.