ESC 2023: BBC aggiornerà oggi sulle città in lizza per ospitare l’ESC 2023

L’emittente pubblica ospitante dell’Eurovision Song Contest 2023, la BBC, ha confermato che quest’oggi che fornirà un aggiornamento sulle città che sono in lizza per ospitar l’edizione 2023 dell’Eurovision Song Contest.

Secondo BBC News, la BBC rilascerà oggi martedì 27 settembre 2022 un aggiornamento sul processo di selezione della scelta della città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2023. Un totale di 7 città sono state finaliste nella gara Eurovision Host City Bidding 2023: Newcastle (Utilita Arena – 11,000 spettatori), Birmingham (Resorts World Arena – 15,685 spettatori), Manchester (AO Arena – 21,000), Glasgow (OVO Hydro – 14,300 spettatori), Liverpool (M&S Bank Arena – 11,000 spettatori), Leeds (First Direct Arena – 13,781 spettatori) e Sheffield (Utilita Arena – 13,600 spettatori).

Stando a quanto riferisce il quotidiano metro, la BBC farà l’annuncio delle due città finaliste in gara per ospitare la manifestazione il prossimo anno nel Regno Unito.

Il Regno Unito è stato scelto per ospitare il concorso dopo che gli organizzatori hanno deciso che l’Ucraina, vincitrice dell’edizione precedente in seguito alla vittoria della Kalush Orchestra con “Stefania”, è stata dichiarata non in grado di ospitare il concorso a causa dell’invasione russa del territorio ucraino.

La 67ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2023 sarà la nona edizione della manifestazione musicale a svolgersi in terra britannica, dopo le edizioni del 1960, 1963, 1968, 1972, 1974, 1977, 1982 e 1998.

Dopo che l’EBU-UER ha annunciato che sarebbero iniziate le discussioni con la BBC, a stretto giro ha seguito l’interesse a ospitare l’evento di venti città britanniche, che vogliono attirare migliaia di visitatori e l’attenzione di circa 160 milioni di telespettatori in tutto il mondo.

Cinque delle città selezionate si trovano nel nord dell’Inghilterra, con Glasgow che rappresenta la Scozia e nessuna più a sud di Birmingham.

La BBC e l’EBU-UER hanno aperto il bando per ospitare l’Eurovision Song Contest 2023 all’inizio dell’estate e si sta avvicinando all’ultima tappa della gara della città ospitante.

Le 7 città sono state selezionate in base alla loro capacità di soddisfare una serie di requisiti minimi che dimostrano che abbiano la capacità, l’abilità e l’esperienza per ospitare un evento di questa portata e complessità. Dato il breve periodo di tempo a disposizione prima della realizzazione dell’evento, il processo di selezione è stato fortemente orientato verso la dimostrazione di un’esperienza pregressa nell’ospitare grandi eventi internazionali, nonché verso la capacità di dimostrare le proprie credenziali nell’ospitare una celebrazione della musica contemporanea.

Tra le condizioni indispensabili per aggiudicarsi definitivamente la sede del contest internazionale, oltre a soddisfare i requisiti richiesti dall’organizzazione in termini di venue, capienza al 70% della capienza massima compresa tra gli 8 000 e i 10 000 spettatori e ricettività delle strutture alberghiere cittadine, c’è anche la disponibilità a cancellare grandi eventi già in programma che entrino in conflitto con la manifestazione canora.

Inoltre, la sede deve essere al coperto, dotata di aria condizionata secondo gli standard vigenti, e inoltre ben perimetrabile; la sede deve essere dotata di un’area principale che consenta la realizzazione di un allestimento di alto livello con altezze disponibili di almeno 18 metri, buone capacità di carico sul tetto e facile accesso al carico; la sede deve essere disponibile per 6 settimane prima dell’evento, le 2 settimane dello show e quella successiva per il disallestimento; la sede deve avere a disposizione una vicina sala stampa che possa accogliere almeno 1 000 giornalisti; la sede deve avere infrastrutture/sedi/luoghi per ospitare l’Eurovision Village, il Centro stampa, il Delegation Bubble, l’Euroclub, la Cerimonia di Apertura, il tappeto turchese; la sede deve avere aree a raso e di facile accesso, contigue e integrate nel perimetro dell’infrastruttura per il supporto tecnico-logistico di 5 000 metri quadrati; la città deve avere a disposizione oltre 2 000 camere d’albergo nelle aree contigue all’evento per delegazioni, artisti, giornalisti e team accreditati; la città deve avere un aeroporto internazionale non più lontano di un’ora e mezza dalla sede dell’evento.

La BBC e l’EBU-UER dovrebbero annunciare il nome della città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2023 in autunno.