Sanremo 2023: Sabrina Impacciatore co-presentatrice del Festival di Sanremo 2023?

Sabrina Impacciatore sta avendo un meritato successo internazionale in America, grazie alla sua interpretazione nella seconda stagione della serie tv antologica “The white lotus”, intitolata The White Lotus: Sicilia.

Il suo successo è talmente esploso che Vulture la definisce la Lady Gaga italiana e infatti viene ospitata in famosissimi programmi americani come il Jimm Kimmel Live dove anche lì si è fatta amare e riconoscere con la sua simpatia. Stessi tratti di Impacciatore con cui l’abbiamo conosciuta in Italia: spontanea, simpatica ma mai eccessiva ed autoironica. E aggiungiamoci anche un’ottima padronanza della lingua inglese.

Dopo tutti questi grandi riconoscimenti è giunto il momento per Sabrina Impacciatore di calcare il palco di Sanremo in veste di co-conduttrice?

Possibile, dopo il successo in America l’attrice potrebbe salire sul palco del Festival di Sanremo per aggiungere un altro tassello nella sua lunga carriera.

Presenza all’Ariston che non sarebbe proprio un debutto. Già nel Sanremo 2018 aveva sceso la scalinata ospite di Claudio Baglioni. Sabrina, in coppia con Edoardo Leo, aveva condotto uno spumeggiante Dopo Festival e aveva ricevuto come premio una sfilata durante la serata finale, conclusa con un capitombolo (video qui).

Ovviamente tutte queste sono supposizioni e per scoprire se Sabrina Impacciatore sarà veramente sul palco di Sanremo bisognerà aspettare un annuncio di Amadeus al TG1.

Nata artisticamente a Non è la Rai, Impacciatore ha dedicato una prima parte della sua carriera alla comicità in tv, per poi fare il salto sul grande schermo, lavorando con Gabriele Muccino, Ettore Scola, Paolo Virzì e Carlo Vanzina, fino ad essere notata da Mel Gibson, nel 2004 la volle per il ruolo di Veronica ne “La Passione di Cristo”.

Anche quella era una produzione internazionale girata in Italia, proprio come The White Lotus, nella cui seconda stagione (la serie è già stata rinnovata per una terza) Impacciatore interpreta Valentina, la direttrice dell’hotel di lusso in cui si svolgono le vicende ambientate in Sicilia.

Puntata dopo puntata, il personaggio di Valentina è diventato sempre più curioso da scoprire, con una sottile vena comica che Impacciatore riesce a restituire senza calcare troppo la mano, ma riuscendo sempre ad evidenziare il limbo in cui il suo personaggio si trova, costretta ad una rigidità professionale che rischia di farle dimenticare chi sia veramente.

Il pubblico americano, però, per quanto abbia apprezzato Valentina, si è innamorato di Sabrina.

TVblog

In attesa che Amadeus scelga i due nomi mancanti le indiscrezioni si allargano ad altre conduttrici. A Sanremo 2023 mancano poco più di 6 settimane ma 2 delle co-conduttrici mancano ancora all’appello. Con Amadeus impegnato nella preparazione del Capodanno in piazza di Rai1, in onda da Perugia, è probabile che bisognerà attendere l’inizio dell’anno nuovo per scoprire chi saranno le due primedonne che affiancheranno Amadeus e Gianni Morandi sul palco del teatro Ariston nelle serate del giovedì e del venerdì, dopo che sono state già annunciate Chiara Ferragni, per la prima e l’ultima sera, e Francesca Fagnani, per il mercoledì.

Ma nell’attesa il toto nomi si arricchisce di un personaggio che ha le caratteristiche per suscitare un discreto clamore: Silvia Toffanin. La conduttrice di ‘Verissimo’, infatti, non è mai stata al festival e – a quanto apprende l’Adnkronos – il suo nome sarebbe tornato a circolare in ambienti del festival in queste settimane, dopo che Amadeus aveva cercato di ingaggiarla già in uno dei suoi primi Sanremo, come lei stessa ha raccontato. Il nome della Toffanin, che nel 2021 rivelò appunto di aver rifiutato l’invito di Amadeus non sentendosi “adatta”, si aggiunge ad una girandola di altri personaggi circolati in questi giorni: da Monica Bellucci a Vittoria Ceretti, da Francesca Fialdini a Beatrice Venezi, da Benedetta Porcaroli a Pilar Fogliati.

Ma chissà che quest’anno il conduttore e direttore artistico del festival non sia riuscito a convincerla. E il fatto che si tratti di un personaggio Mediaset non sarebbe un grande impedimento, visto che prima di lei altri conduttori e coconduttori del festival, da Paolo Bonolis a Maria De Filippi, hanno ottenuto una liberatoria per l’impegno festivaliero mentre erano sotto contratto con il gruppo del ‘Biscione’.