JESC 2014: Ecco tutti gli spokeperson della manifestazione

JESC_MALTA_2014_logo

Ecco l’elenco quasi completo degli spokeperson che domani direttamente dal Marsa Shipbuilding annunceranno domani sera i voti delle giurie nazionali.

Italia e San Marino hanno scelto di affidarsi a due bambine maltesi, nel caso di San Marino si tratta di una bambina della scuola superiore di Gozo che ha adottato la delegazione sammarinese e domani farà il tifo in arena per essa. Una scelta, questa, che hanno fatto anche altri paesi.

Non sappiamo ancora in quale ordine saranno annunciati i voti, dunque quello che vi proponiamo qui è alfabetico. Gaia Cauchi annuncerà i voti della giuria internazionale, come fece la campionessa in carica l’anno scorso.

  • Armenia: Monica Hovhanesyan, rappresentante armena nel 2013
  • Bielorussia: Katerina Taperkina
  • Bulgaria: Ina Angelova 
  • Cipro: Paris Nicolau, amico di Sophia Patsalides 
  • Croazia: Sara (di una scuola di Gozo)
  • Georgia: Marian Khungjurua, cantante molto popolare in patria
  • Italia: Geordi, ragazzina maltese
  • Malta: Julian
  • Montenegro, ragazzo da scegliere fra i maltesi
  • Paesi Bassi: Mylene & Rosanne, rappresentanti olandesi nel 2013
  • Russia: Maria Khareeva, ha condotto show pre -Junior Eurovision
  • San Marino: Clara (di una scuola di Gozo)
  • Serbia: Tamara Vasovic, cantante
  • Slovenia: Gal Fajon,  musicista
  • Svezia: Eliias Elfstrom, rappresentante svedese nel 2013
  • Ucraina: Sofia Tarasova, rappresentante ucraina nel 2013

Anche allo Junior Eurovision Song Contest, come nella rassegna dei grandi, saranno protagoniste le cartoline voltapagina, quelle che anticiperanno la canzone di ciascun paese in gara.

Quest’anno come è noto il tema scelto sono gli sport, in particolare degli sport estremi. Le cartoline vedranno protagoniste delle persone ritratte in varie location dell’Isola di Malta appunto impegnate nel fare sport. Ciò che caratterizzerà ciascun paese saranno i colori e la musica.

Le persone protagoniste dei video infatti saranno inseguite da un raggio di sole colorato a seconda della bandiera di ciascun paese in concorso. Al termine di questo video compariranno i bambini in gara accompagnati da un breve brano musicale strumentale anche questo diverso per ciascun paese: si è cercato di scegliere o un brano folk tipico del Paese oppure un brano di qualunque altro genere musicale tipicamente rappresentativo.

L’Italia ha scelto “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno. La canzone nota nel mondo come “Volare”, oltre ad essere il brano che maggiormente ci identifica nel mondo, conosciuta praticamente da chiunque e oltre ad essere arrivata terza all’Eurovision 1958, è la canzone eurovisiva più coverizzata e più venduta della storia e uno dei brani più venduti in Italia e nel mondo in assoluto, non certificato come tale solo perchè nel 1958 non c’erano dati ufficiali ma solo stime (si parlava comunque di quasi un milione già prima della rassegna eurovisiva). Senza contare che proprio dopo l’ESC Modugno ha vinto il Grammy Award, unico italiano della storia, proprio per questo brano.

San Marino ha scelto il brano “Cuore matto”, brano di Little Tony del 1965. Un omaggio al cantante recentemente scomparso, nato a Tivoli ma da sempre cittadino sammarinese per via della famiglia, che fu anche presidente di giuria nella selezione eurovisiva interna di San Marino nel 2008. Il brano invece è a tutt’oggi, con oltre 2 milioni di copie il 45 giri più venduto della storia del Festival di Sanremo, cui prese parte. La Russia invece dovrebbe avere scelto “Kalinka”, la canzone russa più popolare di tutti i tempi, risalente addirittura al 1860.