ESC 2022 – Spagna: J Cruz, Tony Sánchez-Ohlsson e Zahara sono i consulenti musicali di RTVE per il Benidorm Fest 2022

L’emittente pubblica spagnola TVE ha annunciato qualche minuto fa che J Cruz, Tony Sánchez-Ohlsson e Zahara, sono i consulenti musicali di RTVE per il Benidorm Fest, la selezione nazionale che determina l’artista/i (o gruppo) e brano che rappresenterà la Spagna alla 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2022, che si svolgerà il 10, 12 e il 14 maggio 2022 presso il PalaOlimpico di Torino, in Italia.

I 3 esperti musicali collaboreranno con il gruppo di lavoro, composto da un team trasversale di professionisti RTVE composto dalla Capo del Comitato (Direttore Generale dei Contenuti RTVE), Amalia Martínez De Velasco; Coordinatrice del gruppo (Responsabile dei contenuti originali RTVE), Ana María Bordas; Responsabile Comunicazione e Partecipazione RTVE, María Eizaguirre; Dipartimento Marketing RTVE, Esteban Calle; Responsabile Documental Digital e inviato speciale in sei edizioni del festival, César Vallejo; Coordinatrice di Contenidos de Actualidad (Contenuti attuali) di Playz e inviata speciale all’Eurovision Song Contest in sei edizioni, Irene Mahía; RTVE Play, coordinatore del sito web dell’Eurovision Song Contest su RTVE e inviato speciale dal 2018, Fernando Macías; Giornalista di Informativos de RTVE, Javier Martin; Direttore dei programmi musicali, Jordi Vives; Commentatrice dell’Eurovision Song Contest dal 2015, regista e presentatrice di Tarde lo que tardesu RNE, Julia Varela; presentatrice di Radio 3 (‘180 grados’‘Cachitos’ in La 2), Virginia Díaz e presentatore radiofonico (‘Turbo 3’), Julio Ródenas; per selezionare i 12 candidati per il Benidorm Fest 2022. 

L’obiettivo è quello di creare un grande spettacolo audiovisivo e televisivo, dove tutti i generi musicali abbiano un posto e diventi un punto di incontro per artisti affermati e nuovi, nonché un mezzo per esportare la musica e il talento della Spagna nel mondo. Il ruolo dei 3 consulenti esterni sarà fondamentale per raggiungere questi obiettivi e, a lungo termine, aiutare a cambiare la percezione dell’Eurovision Song Contest in Spagna e trasformarla in quello che è: il più grande evento musicale al mondo a cui tutti gli artisti vogliono partecipare e presentare il tuo lavoro.

Sánchez-Ohlsson ha affermato: “Per me, l’Eurovision è il più grande evento audiovisivo al mondo. Ciò che lo rende così speciale, divertente e divertente è che si tratta di una competizione. Ecco perché credo che i candidati ideali per il festival debbano essere memorabili, competitivi e con grandi senso di autenticità”.

J Cruz sottolinea: “Questo progetto mi affascina e mi motiva perché sono un fan dell’Eurovision da molto tempo, e poterne far parte mi riempie di orgoglio”. 

Le funzioni che J Cruz e Tony Sánchez-Ohlsson stanno sviluppando sono la proposta di artisti e compositori di partecipare al ‘Benidorm Fest’, nonché l’ascolto e la valutazione delle proposte ricevute, sia su invito diretto che via web. Una volta chiusa la prima fase del processo, parteciperanno attivamente alla scelta dei possibili candidati per il concorso. Pertanto, nessuno dei consulenti può avere un coinvolgimento autoriale o editoriale in nessuna delle proposte scelte per il Benidorm Fest.

“Dare la mia visione e la mia opinione è sempre difficile, ma amo dedicare tempo e orecchie al talento delle persone”, afferma J Cruz.

“Il successo in Eurovision è determinato da molti fattori, ma credo fermamente che la disciplina, il lavoro di squadra e la creazione di un concetto credibile, autentico e universale ci avvicinino all’obiettivo finale, che per me sarà sempre vincere il festival e portarlo a casa,”, spiega Sánchez-Ohlsson.

Questo slideshow richiede JavaScript.

J Cruz (Carlos José Montado Cruz, di Huelva) è un musicista della scena urbana, compositore multiplatino e autore dei grandi successi degli ultimi anni (Omar Montes, Ana Mena, RVFV, Lérica e Robledo); Tony Sánchez-Ohlsson (Antonio Juan Sánchez-Ohlsson Vega, di Las Palmas de Gran Canaria), è un compositore con una lunga carriera, ha lavorato con alcuni dei migliori cantanti del nostro paese, è coautore di “I love you mi vida” di D’Nash, “Quédate conmigo” di Pastora Soler e di “Amanecer” di Edurne e ha l’Eurovision Song Contest nel suo DNA; e Zahara (María Zahara Gordillo Campos, diÚbeda) è un’artista multidisciplinare, punto di riferimento per la musica indie, che ha avuto molto successo in Spagna e in America Latina, ed è stata insegnante nell’Academia de OT 2020.

La finestra d‘invio delle candidature per partecipare al Benidorm Fest è attualmente aperta. Parolieri, compositori e interpreti di nazionalità spagnola o con residenza permanente in Spagna interessati hanno tempo fino al 10 novembre 2021 alle ore 23:59:59, per inviare le loro canzoni a RTVE.

La meccanica del Benidorm Fest si compone di quattro fasi: 

.Prima fase, Registrazione tramite il sito web di RTVE e invito diretto da RTVE: Nella prima fase verranno aperti due processi in parallelo, uno aperto attraverso il sito RTVE e un altro per selezione diretta da RTVE.

Coloro che intendono candidarsi al ‘Benidorm Fest’ (autori, compositori, interpreti o gruppi musicali) per rappresentare la Spagna all’Eurovision Song Contest 2022 in Italia dovranno possedere i requisiti di seguito riassunti:

La selezione e aperta ad artisti maggiori di 16 anni entro l’1 maggio 2022, possedere la citadinanza spagnola o in alternativa dimostrare la propria residenza permanente in Spagna. Per quanto riguarda i gruppi, almeno il 50% deve rispettare queste condizioni.

Ogni cantante può inviare una sola canzone, per quanto riguarda gli autori questi possono inviare un brano come autori principali, e altri due come co-autori aggiuntivi. Inoltre gli autori, possono indicare uno o piu artisti ritenuti idonei a cantare le proprie opere, anche se le scelta finale ricadra sempre su RTVE. Gli interpreti devono cantare dal vivo. Secondo il regolamento dell’EBU-UER, tutte le voci, comprese quelle dei coristi, devono essere dal vivo. Il brano può essere interpretato da uno o più cantanti/musicisti. I partecipanti ammessi sul palco sono al massimo sei (ballerini, musicisti e coristi compresi). Tutti gli accompagnamenti strumentali sono in playback. Non sono ammessi animali sul palcoscenico. Sono vietati gesti, simboli o affermazioni di natura politica, razzista o che incitano alla violenza.

Le canzoni devono essere inedite e non devono essere state pubblicate, eseguite o distribuite, in tutto o in parte, prima del 1 settembre 2021. La durata del brano presentato sarà un minimo di 2 minuti e 30 secondi e un massimo di 3 minuti esatti. I testi devono essere in lingua spagnola o in una delle lingue co-ufficiali della Spagna (basco, catalano o galiziano). Anche le canzoni in lingue straniere sono ammesse, ma non devono superare il 35% del testo. Sono vietati i contenuti politici, razzisti o che incitano alla violenza.

.Seconda fase, valutazione delle proposte presentate: Dopo la chiusura della fase di candidatura, una giuria di professionisti musicali si affiancherà alla giuria di professionisti di RTVE per scegliere un massimo di dodici concorrenti e sei riserve, che passeanno alla fase successiva (Terza fase). Almeno due proposte saranno selezionate tra quelle inviate via web.

Nella valutazione da parte della giuria di professionisti e addetti ai lavori del settore musicale si terrà conto i criteri di selezione riguarderanno parità di genere, varietà di stili musicali, supporto ai nuovi talenti emergenti, al fine di creare un grande show musicale.

La RTVE ha facoltà di proporre agli interpreti  uno dei brani inviati online dagli autori.

I dodici artisti selezionati verranno svelati tra novembre 2021 e dicembre 2021.

.Terza fase: Partecipazione alle due Semifinali (Galas) del Benidorm Fest 2022: La selezione nazionale televisiva sarà composta da tre spettacoli: due Semifinali e un gran finale.

RTVE organizzerà due Semifinali del Benidorm Fest 2022 che saranno trasmesse in diretta sulle piattaforme RTVE. In ognuna delle due Semifinali parteciperanno sei artisti, dalle quali emergeranno i sei finalisti (tre cantanti da ciascuna).

Il meccanismo di questo voto verrà pubblicato da RTVE in dettaglio una settimana prima del suo rilascio, ma ci sarà un meccanismo di voto misto, simile a quello utilizzato al Festival di Sanremo, al Melodifestivalen svedese e in altri importanti concorsi in Europa.  Il 50% del voto sarà affidato a una giuria di professionisti (60% nazionale, 40% internazionale, composta da capi delegazione, giornalisti, artisti, musicisti ed altri professionisti), mentre il 50% restante al pubblico da casa (il 25% tramite televoto (app, internet, telefoni e chiamate) e il voto 25% restante ad una giuria demoscopica (composta da una giuria selezionata su un campione della popolazione spagnola, selezinato in base a regole statistiche e demografiche, oltre a riflettere i gusti musicali degli spagnoli). 

.Quarta fase: Partecipazione alla Finale del ‘Benidorm Fest’ ed elezione del vincitore e del rappresentante della Spagna all’Eurovision Song Contest 2022.

RTVE organizzerà la Finale del Benidorm Fest 2022 che sarà trasmessa in diretta sulle piattaforme RTVE.  Parteciperanno un totale di sei cantanti finalisti, 3 per ciascuna delle due Semifinali.

Il meccanismo di questo voto verrà pubblicato da RTVE in dettaglio una settimana prima del suo rilascio, ma il vincitore verrà deciso da un meccanismo di voto misto, simile a quello utilizzato al Festival di Sanremo, al Melodifestivalen svedese e in altri importanti concorsi in Europa.  Il 50% del voto sarà affidato a una giuria di professionisti (60% nazionale, 40% internazionale, composta da capi delegazione, giornalisti, artisti, musicisti ed altri professionisti), mentre il 50% restante al pubblico da casa (il 25% tramite televoto (app, internet, telefoni e chiamate) e il voto 25% restante ad una giuria demoscopica (composta da una giuria selezionata su un campione della popolazione spagnola, selezinato in base a regole statistiche e demografiche, oltre a riflettere i gusti musicali degli spagnoli). 

La Spagna è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Rotterdam dal cantante spagnolo Blas Cantó e il brano “Voy A Quedarme”, pubblicato il 10 febbraio 2021 su etichetta discografica Warner Music Spain. Nel maggio successivo, Blas Cantó si è esibito nella Finale eurovisiva, dove si è piazzato al 24º posto su 26 partecipanti con 6 punti totalizzati.

Nel 2020 RTVE aveva selezionato internamente Blas Cantó e la sua canzone “Universo” per rappresentare il paese all’Eurovision Song Contest 2020, prima che l’evento venisse cancellato a causa della pandemia di COVID-19 . TVE ha riconfermato Blas Cantó come rappresentante nazionale per l’edizione successiva.

Dal 1961, la Spagna ha partecipato ininterrottamente all’Eurovision Song Contest, vincendo due volte: nel 1968 la vittoria venne assegnata a Massiel mentre nel 1969 la cantante Salomé dovette condividere il premio con altre tre cantanti Lulùche rappresentò il Regno Unito, Frida Boccara per la Francia e Lenny Kuhr per i Paesi Bassi. Le quattro canzoni avevano raggiunto lo stesso punteggio e in mancanza di un preciso regolamento la vittoria venne assegnata ex aequo. In seguito per evitare questo inconveniente fu modificato il regolamento in modo tale da avere sempre un unico vincitore. Negli anni settanta le canzoni proposte hanno ottenuto ottimi piazzamenti ma in seguito non sono mai entrate tra le prime 10 posizioni.

L’ultima top 5 risale al 1995, quando Anabel Conde si classificò seconda, con la sua canzone “Vuelve conmigo”.

Dal 2000 la Spagna fa parte dei Big Five assieme a Francia, Germania, Regno Unito e Italia. Nonostante i pessimi risultati degli ultimi anni, tra cui due ultimi posti, accede di diritto alla serata di finale. Nel 2012 è tornata tra i primi dieci con Pastora Soler e nel 2014 con Ruth Lorenzo.

Di tutte le Big Five, la Spagna attende da più tempo la vittoria dell’Eurovision Song Contest. Il loro ultimo trionfo risale al 1969 proprio a Madrid, che si concluse con una vittoria a quattro insieme alla Francia, Paesi Bassi e Regno Unito.