ESC 2022 – Spagna: Ecco i 14 partecipanti al Benidorm Fest 2022

L’emittente pubblica spagnola TVE ha annunciato qualche minuto fa i nomi dei 14 artisti e i titoli delle canzoni che prenderanno parte al Benidorm Fest, la selezione nazionale che determina l’artista/i (o gruppo) e brano che rappresenterà la Spagna alla 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2022, che si svolgerà il 10, 12 e il 14 maggio 2022 presso il PalaOlimpico di Torino, in Italia. 

Eva Mora (capo delegazione) e María Eizaguirre (Direttore della Comunicazione e Partecipazione di RTVE) hanno presentato in diretta in una conferenza stampa presso Torrespaña i 14 concorrenti del Benidorm Fest, il rilancio dello storico concorso musicale spagnolo che RTVE ha deciso di abbinare alla selezione nazionale della Spagna per l’Eurovision Song Contest.

TVE ha deciso di ampliare le candidature per il Benidorm Fest – da 12 a 14 – vista la qualità delle proposte ricevute. Il Benidorm Fest è stato accolto molto bene dagli artisti e dall’industria musicale spagnola. Nei 43 giorni di apertura del processo di presentazione delle candidature, dal 29 settembre al 10 novembre 2021, sono pervenute un totale di 886 brani (tra cui 692 brani presentate tramite il bando aperto da RTVE attraverso il sito web – 78’1% delle proposte totali – e 194 da invito diretto con l’aiuto di tre consulenti musicali – 21,9% delle proposte totali -) di tutti gli stili e artisti.

“Abbiamo svolto una linea di lavoro molto rigorosa, dove abbiamo valutato l’autenticità, l’innovazione, l’universalità delle candidature, la tolleranza verso tutti i generi musicali, la parità e tutto questo in modo molto trasparente. Abbiamo dato peso agli artisti di successo nel nostro Paese, ai nuovi talenti e anche alle canzoni.”, ha spiegato il capo del Delegazione spagnola Eva Mora nella presentazione dei partecipanti.

Inoltre, il Comitato direttivo di TVE, guidato dal presidente José Manuel Pérez Tornero, ha deciso che l’editore di TVE non parteciperà al copyright delle canzoni. 

“Gli autori manterranno il 100% dei diritti editoriali in conformità con un reclamo che arriva da anni da compositori e artisti”, ha affermato María Eizaguirre, direttrice della comunicazione e della partecipazione di RTVE, che ha presentato l’evento.

Eva Mora ha sottolineato che “è un atto di trasparenza e rigore per qualsiasi artista o compositore che voglia apparire all’Eurovision d’ora in poi”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco i 14 brani/candidati – con i titoli dei brani – parteciperanno al Benidorm Fest a fine gennaio: 

  • Azúcar Moreno – “Postureo” (Posing), discendenti di una famiglia di musicisti, hanno un’importante eredità musicale in Spagna. Le sorelle Encarnación e Toñi Salazar formano questo duo iconico che ha realizzato canzoni come “Devórame otra vez”, “Sólo se vive una vez“, “Hoy tengo ganas de ti” e “Bandido“, canzone con cui hanno raggiunto il quinto posto all’Eurovision Song Contest 1990 tenutosi a Zagabria. 
  • Blanca Paloma – “Secreto del agua” (Secret of water), è un nome nuovo al panorama musicale ma ben noto a chi lavora in tv in Spagna, essendo una scenografa, costumista televisiva e teatrale. “Secreto del agua” è la prima canzone che monta in uno studio di registrazione ed è il tema della docuserie Lucía la Telaraña, da RTVE Play.
  • Chanel – “Slo mo”, Chanel Terrero è un’attrice, ballerina, cantante nata a Cuba nel 1991 e cresciuta in Spagna da quando aveva 4 anni. Ha fatto parte dei grandi musical e protagonista anche in diverse serie televisive come “Águila Roja”, “Wake Up”, “Gym Tony”, “El Continental”, “Cupido”, “El Secreto de Puente Viejo” e “El Inmortal”, tra gli altri. La sua canzone è stata composta da autori che hanno lavorato con Madonna, Black Eyes Pies, Britney Spears, Ricky Martin, Mariah Carey o Niki Minage.
  • Gonzalo Hermida – “Quién lo diría” (Who would say it), è un giovane cantautore che ha pubblicato grandi canzoni come compositore e/o produttore per artisti come Sergio Dalma, Pastora Soler, Malú, India Martínez, Antonio José e Julia Medina, tra gli altri. In quest’ultimo anno ha pubblicato il suo album ‘Inífugo’ e il suo primo EP ‘Natural’. “Guajira
  • Javiera Mena – “Culpa” (Fault), è una cantante e cantautrice cilena residente in Spagna, uno dei nomi prominenti dell’elettropop latinoamericano. Vent’anni di carriera appena compiuti, una nomination al Latin Grammy e due agli MTV Europe Music Awards. Ha sei album sul mercato e ha collaborato con Julieta Venegas, Miss Cafeina, La casa Azul o el Guincho. “Debilidad“, “Otra Era“, “Intuición” 
  • Luna Ki – “Quiero Morir” (I want to die), è un’artista con visioni futuristiche e rivoluzionarie su ciò che dovrebbe essere il pop. Il suo obiettivo è creare il suono di una nuova generazione. Sound contemporaneo, sospeso fra il rock, il pump e l’elettronica. Fresca, irriverente nei testi, dopo l’uscita del suo hit “Septiembre” nel 2019 – incluso nel suo primo EP ‘Unknown 2034’ – Luna si è affermata come uno degli “artisti da tenere d’occhio” a livello nazionale e l’ha subito posta all’attenzione delle riviste internazionali come Billboard, Vogue o Metal. È una dei giovani di prospetto della musica spagnola. “Putón
  • Marta Sango – “Sigues en mi mente” (You stay in my mind), è diventata nota al pubblico spagnolo dopo aver partecipato al Talent Show ‘ Operación Triunfo  – OT’ 2018 e da allora ha lavorato per costruire la sua carriera professionale. Interpreta Susana Romero nel musical La Llamada e sta preparando il suo primo album, che uscirà nel 2022. I suoi primi singoli, “Por ti” e “Qué más quieres de mí” sono stati accolti molto bene dal pubblico.
  • Rayden – “Calle de la llorería” (Crying street), rapper e produttore discografico, anche lui con oltre 20 anni di carriera alle spalle, arriva al Festival in cerca di un rilancio nel mainstream, dal quale manca da qualche anno. Ha collaborato con persone come Pablo López, Leiva, Rozalén, Sidecars, Iván Ferreiro, Andrés Suárez e Bely Basarte. Ha pubblicato sei album in studio da solista (‘Estaba escrito’ (2010), ‘Mosaico’ (2012), ‘En alma y hueso (2014), ‘Antónimo’ (2017), ‘Sinónimo’ (2019), ‘Homónimo’ (2021)) e diverse nomination sia agli MTV Europe Music Awards che ai Premios 40, i riconoscimenti del potentissimo network Los 40. “Haz de Luz“, “La mujer cactus y el hombre lobo“, “El mismo puñal
  • Rigoberta Bandini – “Ay Mama” (O Mum), è una delle artiste emergenti più versatili della scena musicale spagnola. È doppiatrice, autrice e cantante. Nel 2020 ha travolto e il suo singolo “In Spain we called Soledad” è diventato virale su Spotify, garantendogli più di 200mila ascoltatori al mese. Quest’anno è stata inserita nella lista dei 100 spagnoli più creativi della rivista Forbes nella categoria arte.  “Perra“, “A ver qué pasa“, “In Spain we called Soledad
  • Sara Deop – “Make you say”, è un’artista emergente che ha partecipato a La Voz Kids all’età di 13 anni,  di cui è stata parte della squadra di Rosario Flores, arrivata in finale. Ha due canzoni sul mercato ed è uno dei grandi nomi del flamenco pop spagnolo. Dietro la sua canzone ci sono autori che hanno composto per artisti di fama mondiale come Dua Lipa, The Saturdays e Little Mix. “Zero drama“, “Bye bye”
  • Tanxugueiras – “Terra” (Land). Olaia Maneiro, Aida Tarrío y Sabela Maneiro formano il gruppo Tanxugueiras, che rappresenta la musica folk galiziana. Le Cantareiras hanno pubblicato quattro singoli nel 2021, già premiate per il  miglior disco in galiziano nel 2018, sono fra le ambasciatrici della musica galiziana nel mondo avendo suonato in oltre 100 palchi del mondo accompagnati dai loro tamburelli. “Midas“, “Figa
  • Unique – “Mejores” (Better), è una boyband di recente formazione composta da Matt, Gio, Armand y Valen. I giovani hanno fatto irruzione in Spagna con forza e scommettono sui ritmi latini e urbani. I suoi produttori hanno lavorato con David Bisbal, Juan Magán e Chenoa, tra gli altri. La sua musica è influenzata da Michael Jackson e Juan Luis Guerra. “Por Arte De Magia“, “Adicto“, “Enamorado
  • Varry Brava – “Raffaella”, I Varry Brava composta da Óscar Ferrer (cantante), Aaron Sáez (tastiere) y Vicente Illescas (chitarra) sono nel mondo della musica da 13 anni, hanno sei album sul mercato (‘Demasié’ (2012), EP ‘Bravissimo’ (2013), ‘Arriva: 16 horas de juego y 4 litros de bebida energética’ (2014), ‘Safari Emocional’ (2016), ‘Furor’ (2018), ‘Hortera’ (2020)) e si sono esibiti sui palchi di tutta la Spagna con il loro stile casual pop elettronico spagnolo degli anni ’80. “El Sitio Perfecto“, “Hortera“, “Satánica
  • Xeinn – “Eco” (Echo), Alejandro Agudín Arribas ‘XEINN’ è un cantante di 23 anni di Madrid, laureato in Scienze Politiche che ha un enorme seguito su youtube dove attualmente ha 222000 followers e oltre 18 milioni di ascolti. Quest’anno ha pubblicato in modo indipendente il suo primo album in studio con 11 canzoni e le sue influenze sono Justin Bieber, Post Malone e The weekend. “XXXTENTACION“, “You Should“, “Runaway

Numerosi i generi musicali in concorso, così come le età dei concorrenti. Tra i partecipanti ci sono Azúcar Moreno, che 32 anni fa rappresentarono la Spagna all’Eurovision Song Contest 1990 a Zagabria con il brano “Bandido”, raggiungendo un quinto posto e lanciando alle due sorelle nell’olimpo musicale spagnolo ed internazionale. Inoltre ci sono anche riferimenti di musica indie come Javiera Mena, Rayden, Rigoberta Bandini e Varry Brava che portano nuove sonorità a questo festival; Gonzalo Hermida, Marta Sango e Unique rappresentano gli stili più commerciali; mentre Tanxugueiras potrebbe diventare il primo a rappresentare la Spagna cantando in galiziano, che segnerà il primo ingresso in assoluto in una selezione nazionale spagnola cantata in una lingua co-ufficiale della Spagna; Blanca Paloma, Chanel, Luna Ki, Sara Deop e Xeinn, tra gli artisti emergenti che potrebbero avere successo a Torino.

I 14 cantanti parteciperanno in gruppi di sette alle due Semifinali del Benidorm Fest. I quattro più votati in ogni Semi-finale dalla giuria professionale (60% da esperti nazionali e 40% da internazionali) e dal pubblico (50% televoto tramite chiamate ed SMS e 50% giuria demoscopica, rappresentante di diversi gruppi di popolazione) accederanno alla finalissima, con un totale di otto brani/artisti. Il vincitore del Benidorm Fest rappresenterà la Spagna alla 66ª edizione del concorso europeo che si svolgerà a Torino il 10, 12 e 14 maggio 2022.

Per ascoltare i 14 brani bisognerà attendere giovedì 23 dicembre 2021, quando TVE (rtve.es/eurovision) farà una presentazione ufficiale con gli artisti partecipanti in conferenza stampa.

Il Benidorm Fest 2022 sarà composto da due Semifinali (Galas) e una Finale. Le date esatte dello spettacolo devono ancora essere confermate, ma dovrebbero svolgersi a gennaio.

La Spagna è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Rotterdam dal cantante spagnolo Blas Cantó e il brano “Voy A Quedarme”, pubblicato il 10 febbraio 2021 su etichetta discografica Warner Music Spain. Nel maggio successivo, Blas Cantó si è esibito nella Finale eurovisiva, dove si è piazzato al 24º posto su 26 partecipanti con 6 punti totalizzati.

Nel 2020 RTVE aveva selezionato internamente Blas Cantó e la sua canzone “Universo” per rappresentare il paese all’Eurovision Song Contest 2020, prima che l’evento venisse cancellato a causa della pandemia di COVID-19 . TVE ha riconfermato Blas Cantó come rappresentante nazionale per l’edizione successiva.

Dal 1961, la Spagna ha partecipato ininterrottamente all’Eurovision Song Contest, vincendo due volte: nel 1968 la vittoria venne assegnata a Massiel mentre nel 1969 la cantante Salomé dovette condividere il premio con altre tre cantanti Lulùche rappresentò il Regno Unito, Frida Boccara per la Francia e Lenny Kuhr per i Paesi Bassi. Le quattro canzoni avevano raggiunto lo stesso punteggio e in mancanza di un preciso regolamento la vittoria venne assegnata ex aequo. In seguito per evitare questo inconveniente fu modificato il regolamento in modo tale da avere sempre un unico vincitore. Negli anni settanta le canzoni proposte hanno ottenuto ottimi piazzamenti ma in seguito non sono mai entrate tra le prime 10 posizioni.

L’ultima top 5 risale al 1995, quando Anabel Conde si classificò seconda, con la sua canzone “Vuelve conmigo”.

Dal 2000 la Spagna fa parte dei Big Five assieme a Francia, Germania, Regno Unito e Italia. Nonostante i pessimi risultati degli ultimi anni, tra cui due ultimi posti, accede di diritto alla serata di finale. Nel 2012 è tornata tra i primi dieci con Pastora Soler e nel 2014 con Ruth Lorenzo.

Di tutte le Big Five, la Spagna attende da più tempo la vittoria dell’Eurovision Song Contest. Il loro ultimo trionfo risale al 1969 proprio a Madrid, che si concluse con una vittoria a quattro insieme alla Francia, Paesi Bassi e Regno Unito.

#BenidormFest | #elfestivalquequieres