ESC 2022 – Estonia: Introdotti i Quarti di Finali all’Eesti Laul 2022

Tomi Rahula, produttore di Eesti Laul, ha rivelato che sono stati introdotti i Quarti di Finale per la selezione estone per la 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2022 che si svolgerà in Italia, in seguito alla vittoria dei Måneskin con “Zitti e buoni” nell’edizione precedente; sarà la terza edizione della manifestazione musicale a svolgersi in Italia, dopo le edizioni del 1965 e del 1991.

Tomi Rahula ha rivelato questa sera nel corso del programma “Ringvaates” che il format dell’Eesti Laul nella prossima edizione subirà dei cambiamenti. 

Il più grande cambiamento che l’Eesti Laul subirà quest’anno è che sono stati introdotti i Quarti di Finale: “Avremo altri quattro programmi, in cui dieci canzoni competeranno in ogni programma”, ha detto Tomi Rahula, aggiungendo che questa innovazione darà alle persone l’opportunità di ascoltare canzoni che altrimenti rimarrebbero fuori dalla selezione.

Se finora un totale di 24 canzoni sono state rese note al pubblico, dalla prossima edizione il pubblico potrà conoscere fino a 40 canzoni, che saranno presentate al pubblico in quattro turni preliminari, i Quarti di Finale: “La giuria effettuerà la preselezione nello stesso modo di prima, alla cieca”, ha spiegato, aggiungendo che da ciascuno dei Quarti di Finale, saranno selezionate cinque canzoni per qualificarsi per le Semifinali. Nei Quarti di Finale, le canzoni in gara verranno presentate con un video creato dagli artisti. Nelle Semifinali, dieci canzoni si sfideranno, con cinque canzoni che si qualificheranno per il Grand Finale di ogni spettacolo. Gli artisti si esibiranno nelle Semifinali e nella Finale dal vivo.: “Daremmo la possibilità di votare sia alla giuria di esperti sia al pubblico, quindi i cinque brani finalisti saranno scelti con decisione congiunta”.

Ulteriori informazione insieme alle regole per Eesti Laul 2022 saranno rivelate domani quando sarà apero il termine per l’invio delle canzoni.

ERR

Nell’ultima edizione il cantautore estone Uku Suviste ha rappresentato l’Estonia all’Eurovision Song Contest 2021 con il brano “The Lucky One”, pubblicato il 7 dicembre 2020 su etichetta discografica DTC Music. Con la sua vittoria a Eesti Laul 2020, il processo di selezione eurovisiva estone, Uku Suviste era stato inizialmente selezionato per rappresentare il suo paese all’Eurovision Song Contest 2020 con la canzone “What Love Is”, prima della cancellazione dell’evento a causa della pandemia di COVID-19. L’emittente televisiva ERR ha successivamente confermato la scelta di non riselezionare il cantante internamente, ma di invitarlo alla successiva edizione dell’annuale Eesti Laul 2021. Il cantante per l’occasione ha presentato “The Lucky One”, con cui ha trionfato nella finale, diventando di diritto il brano estone per l’Eurovision Song Contest 2021. Nel maggio successivo, Uku Suviste si è esibito nella Seconda Semi-Finale eurovisiva, piazzandosi al 13º posto su 17 partecipanti con 58 punti totalizzati e non qualificandosi per la Finale.

L’Estonia ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1994 con Silvi Vrait e il suo brano “Nagu Merelaine” (Like a seawave). In un totale di 26 partecipazioni (16 finali) ha vinto la manifestazione una volta nel 2001 con Tanel Padar, Dave Benton & 2XL e il suo brano “Everybody”.

Nel 1993 l’Estonia, assieme ad altre sei nazioni che desideravano partecipare all’ESC per la prima volta, dovette partecipare ad una semifinale che si svolse a Lubiana: si classificò solo al 5° posto e non poté partecipare all’Eurovision Song Contest 1993. Sul sito ufficiale dell’Eurovision questa partecipazione non viene calcolata. Solo 1 la edizione a cui non ha partecipato (relegata) nel 1995.

Con l’introduzione delle Semifinali, ha raggiunto la finale nel 2009, 2011, 2012, 2013, 2015, 2018 e 2019, che l’ha visto entrare nella top ten 3 volte: nel 2009 con Urban Symphony e la canzone “Rändajad” (Nomads, Travellers) posizionandosi al 6° posto, con Ott Lepland e il brano “Kuula” (Listen) posizionandosi ancora una volta al 6° posto e con Elina Born & Stig Rästa e il brano “Goodbye to Yesterday” posizionandosi al 7° posto nel 2015.