Sanremo 2020: Spunta l’ipotesi Alessandro Cattelan conduttore del Festival di Sanremo 2020

alessandro-cattelan-conduttore-del-festival-di-sanremo-740x350.jpg

Arriva l’ipotesi Alessandro Cattelan conduttore del Festival di Sanremo 2020. Il nome del presentatore di Sky entra quindi a far parte del toto-nomi per la prossima edizione della manifestazione che taglia il traguardo dei primi 70 anni dopo la fortunata doppietta di Claudio Baglioni che sembra essere definitivamente fuori dalle possibilità sia sul fronte conduzione sia su quello della direzione artistica.

Stando a quanto riporta Il Secolo XIX, Alessandro Cattelan avrebbe già incontrato i vertici Rai nella persona dell’ad Fabrizio Salini. Dal canto suo, il conduttore Sky ha sempre dichiarato di essere onorato solamente per essere accostato a Sanremo: “Credo che il mio nome venga fuori perché è un nome un pò di mezzo tra la vecchia scuola affermata di personaggi che fanno la tv da tanto tempo e quella parte nuova che manca. Ho sempre lavorato a progetti grandi ma con un ruolo piccolo o a progetti piccoli, come EPCC e X Factor che sono su una rete (Sky Uno, ndr) che ha un bacino tutto sommato ristretto, che non tutti vedono, quindi una fetta di pubblico mi vede ancora come qualcosa da scoprire. Per me sarebbe un onore, anche solo essere accostato a Sanremo, sarebbe come l’Oscar: lo vince uno, ma essere in nomination già significa che sei capace di fare il tuo lavoro”, ha commentato Cattelan in un’intervista con Fanpage

A non essere proprio in linea con questa eventualità è Fiorello, che ha espresso il suo disappunto per quanto appreso, senza però scagliarsi contro Alessandro Cattelan ma contro la possibilità di scegliere un nome esterno all’azienda: “Repubblica scrive che Carlo Conti sarebbe indispettito per le voci di un pressing dell’ad Salini su Alessandro Cattelan”, ha commentato Fiorello, che da diverse settimane sta facendo un endorsement spudorato all’amico Amadeus. “Conoscendo Conti, non è così. Forse dovrebbe essere più indispettito Amadeus perché se prendono Cattelan per fare Sanremo Amadeus ci rimarrebbe mooolto male. Uno dà il sangue per l’azienda, poi prendono Alessandro che lavora a Sky. Io fossi in Amadeus ci rimarrei male. Nulla togliendo a Cattelan, che è bravissimo”.

In queste settimane si è anche molto parlato di un possibile ingaggio di Mina come direttore artistico, eventualità che sembra già essere naufragata, come il ritorno di Carlo Conti alla direzione artistica della kermesse che sarà completamente prodotta da Rai, sia sotto il profilo organizzativo sia da quello degli ingaggi artistici.

La conduzione di Amadeus sembra comunque resistere tra quelle più accreditate, anche se non esistono conferme ufficiali in merito. Rai aveva comunque fatto notare di avere intenzione di tenere per sé tutta la produzione dell’evento che sarà un’edizione corale per festeggiare i primi 70 anni del Festival di Sanremo.

Mentre la candidatura spontanea di Al Bano per il momento non sembra essere stata presa molto sul serio.

Inoltre, Gigi D’Alessio appoggiato da Morgan, lancia una proposta durante i Knock Out e chiede che il vincitore di The Voice of Italy 2019 possa accedere direttamente al Festival di Sanremo 2020.

Come noto, tra il mondo talent e la kermesse non corre buon sangue, e The Voice sembra saperlo. È infatti dal 2010 che un vincitore televisivo non viene ammesso al Festival: nel 2009 e nel 2010 i vincitori di X Factor, Marco Mengoni e Nathalie Giannitrapani, gareggiarono alla kermesse tra i campioni. I giudici intendono sovvertire questa regola, e assicurare al futuro vincitore del talent la partecipazione a Sanremo. La proposta è partita da D’Alessio e Morgan, con quest’ultimo addirittura entusiasta. “L’azienda di stato può farlo”, ha spiegato in  diretta a Simona Ventura. “Abbiamo libero arbitrio, e siamo tutti d’accordo”. Come è stato fatto notare, il regolamento del nuovo Sanremo non è ancora ufficiale. Potrebbe effettivamente esserci spazio per il nuovo artista.

Nel frattempo, The Voice 2019 conoscerà il suo nuovo vincitore il prossimo 4 giugno. In finale sono arrivati in quattro, un concorrente per squadra: Diablo per Morgan, Brenda Lawrence per Guè, Miriam Ayaba per Elettra, Carmen Pierri D’Alessio. Il vincitore assoluto sarà annunciato in chiusura dell’ultima serata. Per sapere se ciò comporterà l’accesso a Sanremo 2020 bisognerà aspettare.