Sanremo 2019: La conferenza stampa di presentazione della prima serata

1549377028160_Ospiti-prima-serata-ART.jpg

Una standing ovation ed un lungo applauso in ricordo di Fabrizio Frizzi, che oggi avrebbe compiuto 61 anni ha aperto, al Teatro Ariston di Sanremo, la conferenza stampa che dà ufficialmente il via alla 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana.

In sala stampa, oltre al direttore e vicedirettore di Rai 1 Teresa De Santis e Claudio Fasulo, i conduttori del Dopofestival Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto e i due conduttori di Prima Festival, Simone Montedoro e Anna Ferzetti che hanno svelato alcune delle sorprese che ci aspetteranno. A loro si è unita la scenografa del Festival, Francesca Montinaro.

«Ringrazio tutta la Rai per lo straordinario sforzo aziendale finalizzato alla riuscita del Festival» ha detto il direttore di Rai 1 Teresa De Santis, che ha anche ricordato l’arte di Giampiero Artegiani, autore di ‘Perdere l’amore’ e di altri grandi successi, morto a Roma ieri.

GLI ARTISTI IN GARA: Prima serata 5.2.2019 – Tutti sul palco!

«Alle 20.45 ci troveremo tutti davanti il televisore – ha spiegato il vicedirettore di Rai 1 Claudio Fasulo in conferenza stampa. Stasera cantano i 24 campioni: già le prove di ieri mi hanno dato un sentore di quante siano belle le performance. La serata terminerà intorno all’una e un quarto». Per la seconda volta al timone della kermesse musicale ci sarà Claudio Baglioni, affiancato da Claudio Bisio e Virginia Raffaele.

All’apertura del sipario sul palco del Teatro Ariston dunque, tutti e 24 gli artisti canteranno per la prima volta il proprio brano; a giudicarli sarà il pubblico attraverso il Televoto (40%), la giuria della Sala Stampa (30%) e la giuria Demoscopica (30%).

Ecco i 24 artisti che si esibiranno – IN ORDINE RIGOROSAMENTE ALFABETICO (ma l’ordine non è stato ancora comunicato. L’ordine sarà scelto con un criterio artistico, ma nel corso delle serate i turni di esibizione saranno a rotazione. Ogni cantante avrà una sua sessione di voto, con uno start e uno stop, per mantenere un senso di regolarità. I tuni sono scelti confrontandoci con le case discografiche e i rappresentanti degli artisti) – : 

  • Arisa – Mi sento bene
  • Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me
  • BoomDaBash – Per un milione
  • Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta
  • Simone Cristicchi – Abbi cura di me
  • Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce
  • Einar – Parole nuove
  • Ex-Otago – Solo una canzone
  • Ghemon – Rose viola
  • Il Volo – Musica che resta
  • Irama – La ragazza con il cuore di latta
  • Achille Lauro – Rolls Royce
  • Mahmood – Soldi
  • Motta – Dov’è l’Italia
  • Negrita – I ragazzi stanno bene
  • Nek – Mi farò trovare pronto
  • Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood
  • Patty Pravo con Briga – Un po’ come la vita
  • Francesco Renga – Aspetto che torni
  • Daniele Silvestri – Argentovivo
  • Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte
  • The Zen Circus – L’amore è una dittatura
  • Paola Turci – L’ultimo ostacolo
  • Ultimo – I tuoi particolari

«Rai Italia trasmetterà in diretta il festival in tutto il mondo. È una novità – ha aggiunto il vicedirettore di Rai 1 Claudio Fasulo – perché normalmente veniva adattato in base ai fusi orari». 

GLI OSPITI: Andrea Bocelli con il figlio Matteo Bocelli, Giorgia, Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria e Rocco Papaleo

A salire sul palcoscenico del Teatro Ariston in questa prima serata due super ospiti musicali: Andrea Bocelli che duetterà con il figlio Matteo Bocelli e con Claudio Baglioni riproponendo con quest’ultimo “Il mare calmo della sera” a 25 anni dalla vittoria tra le Nuove Proposte. Ed ancora, Giorgia  (si esibirà nella seconda parte della serata) che festeggerà i 25 anni di ‘E poi’, con cui esordì al Sanremo Giovani di quell’anno e si esibirà anche lei in un duetto con il Direttore Artistico.

Tra i super ospiti non canori torna, dopo il successo come conduttore dello scorso anno, Pierfrancesco Favino, che sarà protagonista di un numero con Virginia Raffaele. Claudio Santamaria sarà invece il quarto componente del ‘Quartetto Cetra’ con Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele. 

AL DEBUTTO STASERA: Dopofestival – The Dark Side of Sanremo 

Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto, da stasera in onda con il Dopofestival, promettono un ‘after show’ dal ritmo incalzante e ‘rock ‘n roll’.«Al Dopofestival saremo noi stessi e chiederemo agli artisti di lasciarsi andare. Stanotte succederanno cose strepitose» ha annunciato Rocco Papaleo.

La musica sarà il filo conduttore del programma: gli artisti in gara, oltre a raccontare le emozioni sanremesi dentro e fuori dal palcoscenico, ci regaleranno performance completamente inedite dei loro brani, grazie alla presenza in studio di una “Superband”!

Guarda l’intervista esclusiva di RaiPlay a Claudio Santamaria >>
Guarda l’intervista esclusiva di RaiPlay ad Anna Foglietta >>
Guarda l’intervista esclusiva di RaiPlay a Rocco Papaleo >>
Rivedi la conferenza stampa >>

Di seguito pubblichiamo un comunicato diffuso dall’Ufficio Stampa Rai in occasione della sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo:

TIM, per il terzo anno sponsor unico del Festival della Canzone Italiana, torna a Sanremo insieme a “la voce” di Mina che reinterpreta in italiano “Kiss the sky” di Jason Derulo. 

Il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna e del primo collegamento Internet TIM sono i temi centrali delle telepromozioni che accompagneranno gli spettatori durante le cinque serate del Festival della Canzone Italiana. 
 
Immagini delle memorabili imprese di personaggi audaci, appassionati e visionari come Neil Armostrong. Charles Lindberg e Amelia Earhart faranno ripercorrere i grandi momenti della storia alla conquista dello spazio. Lo spot si conclude allo Spaceport America in New Mexico da dove TIM inizierà una nuova avventura oltre i confini lanciando il contest alla ricerca di straordinari sognatori pronti a intraprendere un viaggio suborbitale per vedere la terra da una prospettiva unica.

Il racconto vedrà anche un importante capitolo sul palco del Teatro Ariston, con la voce di Mina e la presenza di Sven Otten.
 
La direzione creativa della campagna è di Luca Josi, Responsabile Brand Strategy, Media & Multimedia Entertainment di TIM, ed è realizzata con la collaborazione di ArmosiA. 

Di seguito pubblichiamo un comunicato diffuso dall’Ufficio Stampa Rai in occasione della sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo: Inglese, spagnolo, francese, tedesco, ma anche russo, sloveno, croato, rumeno e bulgaro: sono le lingue in cui viene declinata l’edizione 2019 del Festival di Sanremo, raccontato ben oltre i confini italiani dagli inviati della Stampa Estera accreditata. In tutto, al 69° Festival della Canzone Italiana, sono presenti – tra radio, tv, web e carta stampata – 84 inviati per 48 testate. Le tv sono presenti con 3 testate di Lussemburgo, Romania, Svizzera con 8 inviati.

Le radio estere, invece, sono a Sanremo con 53 inviati in rappresentanza di 28 emittenti di Australia, Austria, Bulgaria, Canada, Croazia, Francia, Germania, Inghilterra, Moldova, Principato di Monaco, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti e Svizzera.

Carta stampata e siti web stranieri, infine, portano a Sanremo 23 inviati per 17 testate da Argentina, Cile, Germania, Inghilterra, Lussemburgo, Principato di Monaco, Slovenia, Stati Uniti e Svizzera. 

Il Festival, le sue canzoni e le sue storie: le raccontano tutti i media accreditati alla sessantanovesima edizione, che fa registrare un nuovo record di giornalisti, fotografi e operatori dell’informazione presenti a Sanremo 2019: 1443 persone tra la Sala Stampa dell’Ariston Roof e la Sala “Lucio Dalla” al Palafiori. Una platea che porta il Festival anche molto lontano, attraverso media australiani e canadesi, statunitensi e argentini, cileni e altri di molti Paesi europei.  

All’Ariston Roof sono accreditate, in tutto, 259 testate con 525 giornalisti di agenzie, quotidiani, periodici e gli inviati di web, giornali radio, Tg e rubriche di Rai, Mediaset e Sky, insieme alla stampa estera che si fa sempre più attenta al Festival e quest’anno tocca quota 48 testate stampa, tv e radio con 84 inviati. Presso la stessa Sala Stampa sono accreditati anche 120 fotografi, ai quali si aggiungono gli addetti stampa delle case discografiche di artisti in gara o ospiti al 69° Festival della Canzone Italiana. 

Giornalisti, conduttori e tecnici dell’emittenza radiotelevisiva italiana e del web sono, invece, ospitati nella Sala Stampa “Lucio Dalla” allestita al Palafiori, non lontano dall’Ariston. Qui lavorano 750 accreditati di 352 radio, tv e web, sempre collegati in diretta audio\video durante le conferenze stampa “ufficiali” all’Ariston Roof. Nella stessa Sala Stampa si svolgono, quotidianamente, gli incontri con gli artisti in gara e i protagonisti del Festival.

La comunicazione è curata dall’Ufficio Stampa della Rai anche grazie al centro stampa allestito a Sanremo. 

Per la 69esima edizione del Festival di Sanremo, la Rai presenta un’offerta Digitale e Social sempre più ricca e articolata. Dopo i successi della passata stagione al Forte Santa Tecla, sede delle attività social di Rai Uno e della Digital Room in collaborazione con RaiPlay, anche per il 2019 l’offerta digital si sviluppa su tutte le piattaforme non lineari: da RaiPlay, nella versione App e browser, al sito ufficiale, ai social network.
Il Forte Santa Tecla anche quest’ anno è punto nevralgico della settimana sanremese e ospita, tra le altre iniziative, la Digital Room della Rai per un’esperienza immediata, autentica e interattiva del Festival. 
Da un lato il “racconto social” in tempo reale dell’evento (serate, ospiti, backstage) su Twitter, Instagram, Facebook a cura della redazione di Rai Uno; dall’altro gli esclusivi appuntamenti live con gli artisti in gara sui profili social di Sanremo.

La pagina Facebook di Sanremo è dedicata alla community, uno spazio di incontro e condivisione di commenti, da parte degli utenti e dei fan degli artisti in gara, in Italia e all’estero. Il profilo Twitter, invece, è dedicato a un racconto costante e sempre aggiornato dell’evento, mentre Instagram arricchisce il racconto social con le sue storie leggere e ironiche sui protagonisti e il dietro le quinte del Festival.

Le interviste live agli artisti in gara a Sanremo 2019 sono condotte dalla digital entertainer Annie Mazzola nella Digital Room della Rai. 

Ogni giorno cinque incontri live con gli artisti che, grazie alla mediazione di Annie, possono interagire con i propri fan sugli account ufficiali del Festival e di Rai Uno. Un’occasione unica per gli utenti di entrare in contatto diretto con gli artisti, gli ospiti e il cast dell’evento musicale più amato d’Italia. 

Le interviste vengono lanciate giorno per giorno da una call to action e gli utenti sono invitati a commentare con le proprie domande prima e durante il Facebook Live. 

Prima delle interviste, sui social saranno lanciate delle note introduttive, “spigolature” a cura di Eddy Anselmi, un esperto del Festival, in diretta su Facebook, sulle Instagram stories e pubblicate sul canale Youtube della Rai.

Per la prima volta in occasione della 69esima edizione la Rai realizza GIF animate e un pacchetto di sticker brandizzati Sanremo.

Come ogni anno, il racconto del festival sui Social è un racconto corale: guidato dai profili di Sanremo e coadiuvato dai profili social di Rai Uno, Radio Due, RaiPlay e RaiOfficial News. 

RAIPLAY segue il Festival di Sanremo con un’offerta ricca, esclusiva e tempestiva, su pc, tablet, smartphone, smart e app tv.

Già a partire da venerdì 1 febbraio in home page vengono pubblicate, in esclusiva RaiPlay in una fascia dedicata, le 24 interviste di presentazione ai cantanti in gara. Per tutto la settimana del Festival, inoltre, la fascia ospita le impressioni a caldo degli artisti e dei protagonisti, interviste, conferenze stampa ed altri contenuti realizzati esclusivamente per RaiPlay.

Da martedì 5 febbraio e per tutta la settimana il focus di RaiPlay lancia le dirette delle serate, le conferenze stampa, il DopoFestival; e – il giorno seguente – il ‘rivedi’ dei video integrali della serata precedente, oltre ai contenuti più rilevanti selezionati dalla redazione di RaiPlay.

Sempre da martedì 5 febbraio in home page vengono pubblicate altre tre fasce dedicate, rispettivamente alle canzoni in gara, immediatamente disponibili subito dopo l’esibizione, ai momenti salienti dello spettacolo (gag, ospiti, ecc.), al DopoFestival con clip estratte dal programma.

Agli utenti del canale Rai YouTube vengono offerte tutte le canzoni del Festival e una selezione dei momenti di spettacolo più accattivanti, oltre agli estratti delle interviste realizzate ogni giorno nella Digital Room da Annie Mazzola, mentre gli utenti del portale di MSN hanno a disposizione tutte le canzoni ed i contenuti non integrali del Festival.

Tra i contenuti ricorrenti dell’offerta RaiPlay, sulla propria piattaforma e sul canale You Tube, due sono realizzati ad hoc per la settimana del Festival: “Happy Birthday Tu” e “Timeline Focus”.

“Happy Birthday Sanremo” è il commento scanzonato e musicale delle serate sanremesi, fatto dai “TU – la band troppo duo” che ha già prodotto, in collaborazione con Rai3, la web serie “Happy Birthday TU” dedicata alle grandi interpreti della musica leggera italiana omaggiati nel giorno del loro compleanno. Per l’evento sanremese i TU propongono un ironico video di buon compleanno al Festival con tutti i record della sua storia e poi – anche tramite le Instagram stories e live sul profilo di Rai Tre – il commento musicale delle canzoni dei big (e dei vincitori), risuonate, ricantate, “coverizzate” quasi in diretta sui social e Raiplay.

L’attualità sanremese viene seguita, soprattutto per quanto riguarda i suoi risvolti social, da “Timeline – una storia al giorno dal primo all’ultimo social”, primo programma in streaming multicanale su Raiplay, Youtube, Facebook, e Twitter, online ogni giorno alle 7.45 condotto da Marco Carrara in collaborazione con Rai3. Cinque puntate più l’approfondimento del sabato per raccontare come e cosa si è detto sui social dell’evento sanremese, vero evento anche digital.

Infine la redazione di RaiPlay aggiorna costantemente il sito http://www.Sanremo.Rai.it con tutti i contenuti audio video del Festival e con news dedicate alle ultime novità ufficiali e dal ‘dietro le quinte’ dell’Ariston.

Il Festival di Sanremo, come ogni anno, ha anche una “voce” ufficiale, quella di Radio 2. Tutto l’evento, naturalmente, è anche racconto digitale sulle piattaforme della radio attraverso foto, video in diretta e clip sul sito raiplayradio.it e sui social di @RaiRadio2: Facebook, Twitter e Instagram. 

Tra gli appuntamenti da non perdere, le dirette video streaming su RaiPlay Radio e sul canale You Tube della RAI di “Radio2 Social Club”, in onda dalle 10:35 alle 12:00, e dello Speciale dal Teatro Ariston durante la messa in onda del Festival, con Ema Stockolma e Gino Castaldo dalla Blue Room, in onda dalle 21:00 a 00:30. Entrambi i programmi vengono seguiti anche dai profili social di Radio2.

Una sola categoria e ventiquattro sfidanti per l’edizione numero 69 del Festival di Sanremo: è la principale innovazione fortemente voluta dal Direttore Artistico Claudio Baglioni per la gara che appassionerà gli italiani dal 5 al 9 febbraio su Rai1 e Radio2. Sul palco del Teatro Ariston – già sold out da giorni – ci saranno infatti i 22 Artisti scelti dalla Commissione musicale oltre ai 2 vincitori di Sanremo Giovani, che nelle serate del 20 e 21 dicembre hanno conquistato il passaporto per il concorso di febbraio.

Saranno la vis comica di Claudio Bisio e il talento multiforme di Virginia Raffaele, a formare – insieme a Claudio Baglioni, per la seconda volta al timone della più importante rassegna musicale italiana – il terzetto dei conduttori delle cinque prime serate di Rai1.

Definito da Claudio Baglioni un “evento musicale e spettacolare raccontato dalla televisione”, il Sanremo di quest’anno propone un cast di Campioni scelto privilegiando i candidati che avessero un’identità artistica e un percorso professionale riconosciuti e riconoscibili come interpreti musicali.

Per il Direttore Artistico e la Commissione selezionatrice la scelta di quest’anno è stata particolarmente impegnativa perché le 1550 proposte iscritte a Sanremo Giovani e le 300 presentate al Festival della Canzone Italiana di Sanremo esprimono, nella maggioranza dei casi, grande personalità e originalità.

Si è svolta oggi a Sanremo presso il Forte Santa Tecla la conferenza stampa della mostra “Genova per Sanremo. Dischi, etichette e copertine del Festival dal 1957 al 1997” a cura del Polo museale della Liguria e l’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi (ICBSA) con la collaborazione di Rai Teche. La mostra, che si inserisce all’interno delle attività “fuori Sanremo” di Rai Pubblicità, è un tributo alla cosiddetta “Scuola dei cantautori genovesi” e ripercorre il ruolo che musicisti, compositori e interpreti liguri hanno avuto al Festival di Sanremo, interpretando i cambiamenti non solo musicali, ma anche culturali, sociali e di costume di quegli anni. 

“Nessun luogo è più indicato per ospitare questa mostra del Forte Santa Tecla”, afferma Elisabetta Piccioni, Direttore del Polo museale della Liguria, “una scelta che coniuga la valorizzazione della propria identità con la missione dei musei di essere anche momento di sintesi e stimolo assieme agli altri attori della società civile. Non dimentichiamo che la tradizione italiana è fatta soprattutto da una molteplicità di musei e aree archeologiche disseminati e questi sono stati riuniti in 17 Poli museali, uffici di coordinamento ed insieme propulsivi per la costruzione di una rete che coinvolga e armonizzi l’offerta culturale su base territoriale da qualunque soggetto privato o istituzionale espressa”.

Per Rossella Scunza – Direttore del Forte Santa Tecla di Sanremo – “l’idea della mostra, che mette in rilievo l’apporto dei musicisti genovesi al Festival di Sanremo nasce dall’esigenza di valorizzare il territorio ligure e il forte legame della musica cantautorale con il Festival e con la città di Sanremo”. 

Partendo dagli appartenenti alla “Scuola dei cantautori genovesi, “abbiamo voluto allargare lo sguardo sugli interpreti, i parolieri e i musicisti meno noti al grande pubblico o dei quali si ignora la provenienza ligure ma che sono stati altrettanto importanti per i brani presentati al Festival”, conclude la Scunza.

Le registrazioni corrispondenti alle copertine presenti sui pannelli espositivi della mostra, insieme a tutto il patrimonio sonoro relativo ad oltre un secolo di canzone italiana, potranno essere ascoltate da tutti attraverso il portale della canzone http://www.canzoneitaliana.it, che sarà consultabile attraverso una postazione presente in Casa SIAE situata in piazza Colombo. “Il portale CANZONE ITALIANA è la testimonianza più completa del patrimonio musicale italiano e l’entusiastica adesione a questa mostra rafforza il grande impegno dell’ICBSA nella valorizzazione delle proprie raccolte”, afferma Sabina Magrini, Direttore ICBSA. L’ICBSA, erede della Discoteca di Stato fondata nel 1928, si qualifica oggi come la più grande collezione pubblica italiana del settore in grado di documentare la produzione fonografica e discografica dalla fine dell’800 ai nostri giorni.

La mostra sarà inoltre arricchita dal contributo di Rai Teche che ha messo a disposizione i video relativi ai brani oggetto della mostra, visibili a casa SIAE. Carla Consalvi, rappresentante di Rai Teche ha sottolineato che “Se conservare la memoria del nostro futuro è la missione di Rai Teche, la collaborazione a progetti culturali come questo ne rappresenta certamente una piena espressione. Quello della Rai con il Comune di Sanremo e con il Festival della Canzone Italiana è da sempre un sodalizio indissolubile e poter riproporre al pubblico, fuori dall’Ariston, le voci, i volti, le emozioni dei protagonisti liguri che hanno reso grande la canzone italiana non può che arricchire l’esperienza immersiva dell’evento musicale e di costume più atteso ed amato”.
Roberta Lucca Direttore Marketing e Commerciale Rai Pubblicità ha illustrato come questa mostra rappresenti un elemento importante del Santa Tecla, che da quest’anno rientra in un progetto più ampio, il “fuori Sanremo”, reso possibile dal fatto che Rai Pubblicità è diventata la concessionaria del comune durante la settimana del Festival per quanto riguarda le piazze attigue all’Ariston oltre al Forte Santa Tecla. Il Forte è il luogo dove Rai Pubblicità svolgerà le sue attività di PR con i suoi clienti e vedrà, tra l’altro, anche l’importante iniziativa di Rai Porte Aperte, a cura della Direzione Comunicazione Rai.

A questo proposito Fabrizio Casinelli, della Direzione Comunicazione Rai ha sottolineato come anche quest’’anno il Forte rimarrà aperto al pubblico ed alle scuole con il progetto Rai Porte Aperte, pensato dalla Direzione Comunicazione Rai per accogliere gli studenti con uno spazio dedicato in cui bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie di Sanremo potranno provare a “fare radio e televisione”.

Ecco i favoriti per la vittoria a Sanremo. Secondo le agenzie di scommesse i favoriti sono Ultimo e Irama, ma anche Daniele Silvestri e Il Volo non sono messi male. 

Stasera inizia il Festival di Sanremo, giunto alla sua 69esima edizione. Come ogni anno, ci sarà chi lo guarderà per l’evento televisivo, chi perché davvero interessato alle canzoni, e chi solamente perché vuole provare a pronosticare chi sarà il vincitore. Questi ultimi, aspettando di ascoltare le canzoni, possono già farsi un’idea dell’aria che tira guardando le quotazioni fatte dalle agenzie di scommesse. Il favorito è un pò per tutti Ultimo, che lo scorso anno aveva vinto nella categoria Nuove Proposte (che quest’anno non c’è più), seguito da Irama, vincitore nel 2018 del talent show Amici.

Le quote di Snai per il Festival di Sanremo: Ultimo: 2,25 Irama: 4,50 Il Volo: 8,00 Daniele Silvestri: 8,00 Nek: 8,00 Arisa: 10,00 Loredana Berté: 12,00 Simone Cristichhi: 15,00 Francesco Renga: 18,00 Federica Carta e Shade: 18,00

Tutti gli altri hanno quotazioni più alte, tra il 20 e il 60. Quelli quotati peggio, per Snai, sono gli Ex-Otago e Anna Tatangelo.

Le quote di Sisal Matchpoint per il Festival di Sanremo: Ultimo: 2,50 Irama: 3,50 Daniele Silvestri: 8,00 Il Volo: 6,00 Arisa: 7,50 Nek: 9,00 Loredana Berté: 16,00 Simone Cristichhi: 16,00 Enrico Nigiotti: 16,00 Francesco Renga: 16,00

Anche qui tutti gli altri cantanti hanno quote più alte, ma gli “sfavoriti” sono quotati solo a 33,00.

Le quote di Eurobet per il Festival di Sanremo: Irama: 2,75 Ultimo: 2,75 Il Volo: 5,00 Nek: 6,00 Simone Cristichhi: 8,00 Francesco Renga: 11,00 Daniele Silvestri: 15,00 Federica Carta e Shade: 15,00 Mahmood: 15,00 Arisa: 16,00 

Tutti gli altri cantanti hanno quote che vanno dal 21,00 in su: la quota più bassa è per Anna Tatangelo, che è data a 67,00.