ESC 2019 – Italia: Risultato della prima serata di Sanremo 2019 – Aggiornato

1280x720_1547026417990_logo sanremo 2019

Si è appena conclusa la prima serata dell’edizione numero 69 del Festival di Sanremo, che ha visto esibirsi i 24 in gara quest’anno al Teatro Ariston ed è stata rivelata la Classifica parziale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel corso della serata si sono esibiti tutti i 24 cantanti in gara: sono stati votati dal pubblico attraverso il televoto, dalla giuria demoscopica e dai giornalisti della sala stampa. I tre sistemi di votazione hanno avuto un peso percentuale così distribuito: televoto 40%; demoscopica 30%; sala stampa 30%. La classifica mostrata al termine della prima serata si riferisce solamente ai voti della giuria demoscopica con i 24 Campioni divisi in tre fasce: alta, la più premiata; media e quindi bassa (non in quest’ordine, l’ordine è quello annunciato dai presentatori a fine serata, completamente casuale):

  • Zona blu – nella fascia alta ci sono Ultimo – “I tuoi particolari”, Loredana Berté – “Cosa ti aspetti da me”, Daniele Silvestri – “Argento vivo”, Irama – “La ragazza con il cuore di latta”, Simone Cristicchi – “Abbi cura di me”, Francesco Renga – “Aspetto che torni”, Il Volo – “Musica che resta”, Nek – “Mi farò trovare pronto”.
  • Zona gialla – nella fascia media ci sono Enrico Nigiotti – “Nonno Hollywood”, Federica Carta & Shade – “Senza farlo apposta”, Boomdabash – “Per un milione”, Negrita – “I ragazzi stanno bene”, Paola Turci – “L’ultimo ostacolo”, Anna Tatangelo – “Le nostre anime di notte”, Patty Pravo con Briga – “Un po’ come la vita”, Arisa – “Mi sento bene”.
  • Zona rossa – nella fascia più bassa ci sono Mahmood – “Soldi”, Achille Lauro – “Rolls Royce”, Nino D’Angelo e Livio Cori – “Un’altra luce”, Einar – “Parole nuove”, Ghemon – “Rose viola”, Motta – “Dov’è l’Italia”, Ex Otago – “Solo una canzone”, Zen Circus – “L’amore è una dittatura”.

Rivedi la lettura della classifica della serata d’apertura >>

È ovviamente un verdetto molto parziale che può essere ribaltato o comunque mutato con il voto della sala stampa e il televoto e quello, solo sabato, della giuria di esperti. Quindi ancora tutto da decidere tra i Campioni, anche se la collocazione in una fascia o in un’altra può essere già un segnale.

La 69esima edizione del Festival di Sanremo sarà trasmessa in diretta su su Rai1 dal Teatro Ariston, dal 5 al 9 febbraio 2019. Il direttore artistico è Claudio Baglioni. I conduttori sono Claudio Bisio e Virginia Raffaele. Quest’anno si sono esibiti tutti e 24 i Big, senza più nessuna distinzione con le Nuove Proposte, bensì tutti insieme in un un’unica gara. Durante la prima serata sono stati presentati tutti e 24 i Big in gara, nella seconda e terza serata: ascolteremo 12 canzoni dei campioni per ogni sera. La quarta serata sentiremo tutte le 24 canzoni dei Big in gara che verranno presentate con uno o più ospiti o in una versione riarrangiata. La serata della finale riascolteremo i 24 Big e i primi tre della classifica si scontreranno ancora prima di conoscere il vincitore di questa edizione.

0c.png

Ecco il riassunto e le emozioni della prima serata del Festival: Dopo tanta attesa finalmente si è alzato il sipario sull’edizione 2019 del Festival di Sanremo. La strada che dal Festival di Sanremo porta a Tel Aviv comincia oggi, martedì 5 febbraio, al Teatro Ariston. 24 artisti, da questa sera fino a sabato, si daranno battaglia per vincere la 69a edizione del Festival della Canzone Italiana e per avere il diritto di rappresentare l’Italia alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest  che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY”. Chi conquisterà il biglietto per Tel Aviv succederà a Erma Meta e Fabrizio Moro, in gara lo scorso anno con “Non mi avete fatto niente”, con cui ha raggiunto il 1° posto a Sanremo e il quinto a Lisbona. Chi sventolerà il tricolore azzurro, dunque, quest’anno? Da stasera lo si comincia a scoprire.

Cala il sipario sulla prima puntata dell’edizione numero 69 del Festival di Sanremo, che vede quest’anno sul palco Claudio Baglioni, per la seconda volta nella doppia veste di conduttore e Direttore Artistico, insieme a Claudio Bisio e Virginia Raffafele. 

La serata è stata introdotta dalla oramai classica sfilata dei cantanti sul “red carpet” posto all’ingresso del teatro Ariston. Gli artisti sono stati accolti da una pioggia di coriandoli e dai flash della stampa.
Guarda il backstage della sfilata >>

1549415845089_15493973076215.jpg

Sulle note di “Via”, uno dei suoi brani di maggior successo, ha inizio il secondo Festival della canzone italiana targato Claudio Baglioni. Il brano anticipa l’ingresso del direttore artistico e dei due “co-piloti” Virginia Raffaele e Claudio Bisio. I tre scendono da un trampolino, che li catapulta al centro del palco dell’Ariston. Sia Bisio sia Baglioni optano per un abito scuro e papillon, ma l’attore osa con una giacca damascata dorata e luccicante. In Armani Virginia Raffaele: abito lungo senza spalline nero con spacco sul davanti su stoffa bianca. Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio aprono la prima serata >>

È subito siparietto, poi un elogio alla musica di Baglioni, quest’anno subito a suo agio: “Ci dirigiamo verso la meta dell’armonia – dice, dando il benvenuto al pubblico-, l’armonia è il senso di questo evento, è il principio fondamentale della musica.

Un ripasso al regolamento, con la Raffaele- veterana dell’Ariston, ma al debutto da conduttrice- che esorcizza il fantasma degli errori con la prima papera, salutata con simpatia da Baglioni e Bisio. 

51503769_2257681974277291_8398490036848295936_n.png

Durante la prima serata, si danno i risultati parziali della classifica ottenuti dalla prima votazione di una delle giurie, per il 5 febbraio designata in quella demoscopica. La prima classifica parziale del 69° Festival di Sanremo della giuria demoscopica che vale il 30% del voto totale di questa serata.

La gara entra subito nel vivo con le esibizioni dei 24 Campioni in gara, in ordine di uscita dei Campioni previsto (01. Francesco Renga, 02. Nino D’Angelo e Livio Cori, 03. Nek, 04. The Zen Circus, 05. Il Volo, 06. Loredana Berté, 07. Daniele Silvestri, 08. Federica Carta e Shade, 09. Ultimo, 10. Paola Turci, 11. Motta, 12. Boomdabash, 13. Patty Pravo con Briga, 14. Simone Cristicchi, 15. Achille Lauro, 16. Arisa, 17. Negrita, 18. Ghemon, 19. Einar, 20. Ex-Otago, 21. Anna Tatangelo, 22. Irama, 23. Enrico Nigiotti, 24. Mahmood). A metà serata, Claudio Bisio ha nominato l’Eurovision Song Contest, ricordando che chi vince il Festival andrà a Tel Aviv. Si tratta della prima volta in cui l’Eurovision Song Contest viene nominato già nella prima serata all’Ariston.

Ecco di seguito i 24 cantanti e le canzoni in gara al Festival di Sanremo per la categoria “Campioni”, che si disputeranno il rappresentare l’Italia al prossimo Eurovision Song Contest:

Si entra nel vivo della gara. Apre Francesco Renga con il brano “Aspetto che torni” >>, poi è la volta di Nino D’Angelo e Livio Cori con “Un’altra luce” >>. Terzo big è Nek, che  torna sul palco con  “Mi farò trovare pronto” >>.  Tocca quindi al primo gruppo della serata,  The Zen Circus cantano “L’amore è una dittatura” >>. Le prime file dell’Ariston quest’anno sono semoventi: si allargano, creando nuovo spazio  per la scena. Lo sfruttano gli artisti, che scendono a cantare davanti al pubblico, ma anche gli ‘sbandieratori’ che accompagnano l’esibizione degli Zen Circus: quattro uomini in casco e abito militare, due con le bandiere nere su cui spiccano degli emoticon, e due con i tamburi. Ed è “Musica che resta” >> il brano portato in gara da Il Volo. “Cosa ti aspetti da me” >>  è invece la canzone di Loredana Bertè, in super minigonna color carbone e capelli blu elettrico. 

1.Francesco Renga – “Aspetto che torni” (I wait for you to come back) (Antonio Calò (Bungaro), Francesco Renga, Cesare Chiodo, Carla Parlato (Rakele) – Bungaro, Cesare Chiodo, Giacomo Runco), 3.47% (3.74% + 8 + 20) – 11º

2.Nino D’Angelo e Livio Cori – “Un’altra luce” (Another light) (Livio Cori, Nino D’Angelo – Livio Cori, Francesco Fogliano, Massimiliano Dagani (Big Fish), Mario Marco, Gianclaudio Fracchiolla). 

3.Nek – “Mi farò trovare pronto” (I will make myself ready) (Paolo Antonacci, Luca Chiaravalli, Filippo Neviani (Nek) – Paolo Antonacci, Luca Chiaravalli, Filippo Neviani (Nek)). 

4.The Zen Circus – L’amore è una dittatura” (Love is a dictatorship) (Andrea Appino – Andrea Appino, Gian Paolo Cuccuru, Massimiliano Schiavelli). 

5.Il Volo – Musica che resta” (Music that remains) (Gianna Nannini, Emilio Munda, Piero Romitelli, Pasquale Mammaro, Antonio Carozza – Gianna Nannini, Emilio Munda, Piero Romitelli, Pasquale Mammaro).

6.Loredana Bertè – “Cosa ti aspetti da me” (What do you expect from me) (Gerardo Pulli, Piero Romitelli – Gaetano Curreri). 

51090919_2163687203670318_2831394453300707328_n.png

Gara in pausa per il momento, ecco il primo ospite di questa edizione, Andrea Bocelli.  Una standing ovation lo premia come 25 anni fa, quando vinse Sanremo Giovani con “Il mare calmo della sera”. E stasera emoziona l’Ariston riproponendo il pezzo – che esalta anche l’orchestra – in duetto con Claudio Baglioni. Andrea Bocelli e Claudio Baglioni cantano “Il mare calmo della sera” >> Al piano, il chiodo nero che indossava allora e che poi cede al figlio Matteo: “Non è un passaggio di testimone – dice Bocelli al figlio – ma è un augurio. Sono sicuro che ti porterà fortuna sempre che la aiuti con la serietà, la volontà, lo spirito di sacrificio che spero di averti insegnato”. Poi il duetto con Matteo sulle note di “Fall on Me”, toccante brano sul legame tra padre e figlio co-scritto con lo stesso Matteo e tratto dall’album “Si”, entra suo figlio Matteo Bocelli. Andrea e Matteo Bocelli cantano “Fall on me” >>

Un monologo di Claudio Bisio sospende la gara per qualche minuto. Baglioni? “Da sempre un sobillatore, un anarchico, un rivoluzionario!”. L’attore ironizza sulle polemiche che hanno preceduto il festival, legate alle dichiarazioni del direttore artistico sul tema dei migranti, e prende a prestito i versi delle sue canzoni per dimostrarne la ‘pericolosità’. “Nel 1974 cantava ‘passerotto non andare via’, ma era una posizione chiarissima, era un’esortazione agli immigrati: restate qui. E quello che è più grave è che lo ha scritto trent’anni prima che arrivassero, li ha sobillati”. Baglioni, continua Bisio, “è ossessionato dai migranti: ha scritto ‘migravamo come due gabbiani’ e ‘100 ponti da passare’ e ‘sirene di navi che urlavano al vento’,  ‘se avessi un’auto da caricarne 100 mi piacerebbe un giorno portarli al mare’.  Allora te le sei cercate?”. Poi, più serio, l’appello ai giornalisti ‘seri’, “smettiamola!”, e al “mondo Rai”: “Quest’uomo ha un grande cuore, una grande testa oltre che una grande voce, se vi fidate di lui, di noi, lavoreremo benissimo”.

La gara riprende con Daniele Silvestri, che interpreta la canzone “Argentovivo” >>. Tocca poi a Federica Carta e Shade con “Senza farlo apposta” >>

7.Daniele Silvestri – Argento vivo” (Shiny silver) (Daniele Silvestri – Daniele Silvestri). 

8.Federica Carta Shade – Senza farlo apposta” (Without doing it on purpose) (Vito Paparella, Jacopo Ettore – Giacomo Roggia). 

51371553_2163692163669822_8937149072582639616_n.png

Nuova pausa nella gara: Primo cambio di abito per Virginia Raffaele. Dall’elegantissimo lungo in velluto nero e bianco, la conduttrice passa a un abito al ginocchio, con sottogonna in tulle e tempestato di brillanti color argento e rosso. E con Pierfrancesco Favino, secondo ospite della serata, gioca a fare Michelle Hunziker.  Dall’abito al ginocchio a quello di Mary Poppins lei, dal tait alla famosa giacca gialla di Freddy Mercury lui, ecco un medley di canzoni tratte dal film della Disney e dal docufilm sui Queen “Bohemian Rhapsody”.  Complice il maestro Filardo, che propone piuttosto Sister Act, e una schiera di suore ballerine, i due attori giocano nei panni della tata più famosa del mondo e di Freddie Mercury (“ma co ‘sto giubbotto giallo mi sembri Gabbani, lo apostrofa lei), si scambiano i ruoli e confermano doti canore e padronanza del palco. E alla fine sono le suore a cantare “We are the champions”. Pierfrancesco Favino e Virginia Raffaele, un tuffo nei musical >>

Segue il duetto con Claudio Baglioni, insieme cantano “Ci sono due coccodrilli”.Pierfrancesco Favino e Claudio Baglioni in “Ci son due coccodrilli” >>

Di nuovo la gara con Ultimo e il brano “I tuoi particolari” >>; quindi Paola Turci che canta “L’ultimo ostacolo” >> ; Motta con “Dov’è l’Italia” >>; i Boomdabash, all’Ariston con “Per un milione” >> . 

9.Ultimo – “I tuoi particolari” (Your particularities) (Niccolò Moriconi (Ultimo) – Niccolò Moriconi (Ultimo)). 

10.Paola Turci – L’ultimo ostacolo” (The last obstacle) (Luca Chiaravalli, Stefano Marletta, Paola Turci – Edwyn Roberts, Luca Chiaravalli). 

11.Motta – Dov’è l’Italia” (Where is Italy) (Francesco Motta – Francesco Motta). 

12.Boomdabash – Per un milione” (For a million) (Rocco Pagliarulo (Rocco Hunt), Federica Abbate, Alfredo Rapetti Mogol (Cheope), Angelo Cisternino – Alessandro Merli, Fabio Clemente, Federica Abbate, Rocco Pagliarulo, Alfredo Rapetti Mogol). 

Il web si era divertito a prenderli in giro, immortalandoli come la Famiglia Addams. Così, Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio stanno al gioco e sul palco dell’Ariston si calano nei panni di Lerch, Morticia e Zio Fester, intonando una versione rivisitata della canzone simbolo della famiglia più horror della tv. Virginia Raffaele, Claudio Bisio e Claudio Baglioni ne La Famiglia Addams >>

Si torna quindi in gara con Patty Pravo e Briga, che interpretano “Un po’ come la vita” >>. Al momento della loro entrata in scena, la musica non parte. “Sono venuta a fare un passeggiata o a cantare?”, scherza la cantante, che sfoggia un’acconciatura rasta. Dopo qualche attimo arriva il pianista e i due riescono a esibirsi. Li segue Simone Cristicchi con “Abbi cura di me” >>

13.Patty Pravo con Briga – Un pò come la vita” (A bit like life) (Marco Rettani, Diego Calvetti, Sergio Vallarino (Zibba) e Mattia Bellegrandi (Briga) – Marco Rettani, Diego Calvetti, Sergio Vallarino e Luca Leonori). 

14.Simone Cristicchi – “Abbi cura di me” (Take care of me) (Simone Cristicchi, Nicola Brunialti – Simone Cristicchi, Gabriele Ortenzi). 

Per il cambio d’abito ha scelto uno smoking, ma è la prima giacca indossata da Claudio Bisio sul palco dell’Ariston, con ricami verde, nero e oro e inserti lurex, ad accendere l’attenzione dei social. Lo sa anche l’attore, che ironizza: “La mia costumista ha lavorato coi Casamonica”. Virginia Raffaele ride accanto a lui e si lascia andare a una battuta: “Salutiamo i Casamonica”. Poi si rende conto della gaffe e chiede subito scusa. Bisio la soccorre: “Non preoccuparti, siamo registrati poi la tagliano”.

51273463_2163991130306592_3249775644329902080_n.png

Una standing ovation per un sentito e commosso applauso ha accompagnato poi l’omaggio del Direttore Artistico Claudio Baglioni a Fabrizio Frizzi. Tutto il pubblico dell’Ariston in piedi per ricordare Fabrizio Frizzi, che oggi avrebbe compiuto 61 anni. “È il 5 febbraio – dice commosso Claudio Baglioni – e per la prima volta lui non c’è. Per me era un grande, curioso, bizzarro, ingenuo sorriso, per questo abbiamo voluto ricordarlo così – ha detto Baglioni – con questo sorriso e le braccia aperte, proprio come Modugno quando cantava Volare”. E sullo sfondo l’immagine del conduttore scomparso, con l’ampio e accogliente sorriso che noi tutti ricordiamo. Dal palco dell’Ariston Baglioni omaggia Fabrizio Frizzi >>

51729469_552486905162171_3482822940632809472_n.png

Ed è la volta del terzo ospite della serata: Giorgia, che celebra il 25esimo anniversario del suo debutto al Festival, incassando l’affetto e l’apprezzamento del pubblico. Un medley di brani: le due cover contenute nel suo ultimo album, “Pop hearts”: “Le tasche piene di sassi” e “Una storia importante” Il medley di Giorgia incanta l’Ariston >>; poi Whitney Houston e non poteva mancare un duetto con Baglioni: lui al pianoforte, cantano “Come saprei”.Giorgia duetta con Claudio Baglioni sulle note di “Come saprei” >>

Riprende la gara, di nuovo la gara con Achille Lauro in “Rolls Royce” >>. E Arisa- che qui all’Ariston vinse tra le nuove proposte e che torna per la quinta volta- con “Mi sento bene” >> . Si va avanti con i Negrita e il brano “I ragazzi stanno bene” >>.

15.Achille Lauro – “Rolls Royce” (Lauro De Marinis (Achille Lauro), Davide Petrella – Daniele Dezi, Daniele Mungai (Frenetik & Orang3), Edoardo Manozzi (Boss Doms)). 

16.Arisa – “Mi sento bene” (I feel good) (Matteo Buzzanca, Lorenzo Vizzini, Rosalba Pippa (Arisa) – Matteo Buzzanca, Lorenzo Vizzini, Alessandra Flora). 

17.Negrita – “I ragazzi stanno bene” (The kids are alright) (Paolo Bruni, Cesare Petricich, Enrico Salvi, Francesco Barbacci, Lorenzo Cilembrini (Il Cile) – Paolo Bruni, Cesare Petricich, Enrico Salvi, Francesco Barbacci, Guglielmo Gagliano). 

51475111_2163754886996883_6978851806189191168_n.png

È la volta dell’ultimo ospite di questa prima serata, Claudio Santamaria. Nuovo cambio d’abito per Virginia Raffaele, sempre in Armani.  Al Festival della Canzone Italiana non poteva mancare un tributo ad uno storico quartetto della musica italiana: a farlo Claudio Santamaria, che ospite all’Ariston, con la collaborazione di Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele, esegue alcuni dei brani più celebri del Quartetto Cetra. “Siamo in quattro, facciamo un pokerino?”. No, si cantano i successi del Quartetto Cetra in chiave swing, tema conduttore “Nella vecchia fattoria”, “Musetto” e “Vecchia America”. Fra il pubblico dell’Ariston la moglie e la figlia di Tata Giacobetti, componente del Quartetto: Valeria Fabrizzi e Giorgia Giacometti.Claudio Santamaria omaggia il Quartetto Cetra >>

Torna la gara con Ghemon che canta “Rose viola” >>, poi è la volta di Einar in “Parole nuove” >> e di Ex-otago con “Solo una canzone” >>. Anna Tatangelo canta “Le nostre anime di notte” >>, segue Irama con “La ragazza con il cuore di latta” >> , Enrico Nigiotti con “Nonno Hollywood” >> Mahmood con “Soldi” >>.

18.Ghemon – Rose viola” (Purple roses) (Giovanni Luca Picariello (Ghemon) – Giovanni Luca Picariello, Stefano Tognini). 

19.Einar Ortiz – Parole nuove” (New words) (Antonio Maiello – Antonio Maiello, Enrico Palmosi, Nicola Marotta). 

20.Ex-Otago – Solo una canzone” (Just a song) (Maurizio Carucci, Simone Bertuccini, Francesco Bacci, Olmo Martellacci – Maurizio Carucci, Simone Bertuccini, Francesco Bacci, Olmo Martellacci, Rachid Bouchabla).

21.Anna Tatangelo – “Le nostre anime di notte” (Our souls at night) (Lorenzo Vizzini – Lorenzo Vizzini).

22.Irama – “La ragazza con il cuore di latta” (The girl with a heart of tin) (Filippo Maria Fanti (Irama), Giuseppe Colonnelli – Filippo Maria Fanti, Andrea Debernardi, Giulio Nenna).

23.Enrico Nigiotti – “Nonno Hollywood” (Grandpa Hollywood) (Enrico Nigiotti – Enrico Nigiotti).

24.Mahmood – “Soldi” (Money) (Alessandro Mahmoud -Alessandro Mahmoud, Dario Faini, Paolo Alberto Monachetti (Charlie Charles)).

La serata sta giungendo al termine, ma prima è d’obbligo un collegamento con i “dirimpettai” del Dopofestival ed il suo conduttore Rocco Papaleo… O forse, un attimo ma Rocco Papaleo sta scendendo le scale del… Teatro Ariston!

La prima serata si chiude con una classifica provvisoria sulla base delle indicazioni giunte dal televoto, dalla giuria Demoscopica e dai componenti della Sala Stampa. Al pubblico da casa è riservato un peso maggiore: il 40% del totale, mentre le altre categorie si dividono in parti uguali il restante 60%. A seconda del gradimento riscosso, i cantanti in gara si posizionano in una lista azzurra, gialla o rossa.

Terminate le esibizioni degli artisti in gara, è il momento di sapere quali sono stati i pareri espressi questa sera dalla Giuria Demoscopica e scoprire la prima classifica parziale del 69° Festival di Sanremo. Guarda la classifica parziale della prima serata >>

Cala così il sipario sulla prima serata del Festival 2019. Appuntamento a domani sera sulla siglia finale! Tutti cantano Poppoppoppò >>

Appuntamento a domani sera!

RIVEDI LA PRIMA SERATA DI SANREMO 2019 >>

https://open.spotify.com/playlist/37i9dQZF1DWVQfeA9N7Q0g

1549461690465_Tag-Cloud-prima-serata-ART.jpg

Aggiornamento: Grandi ascolti per il Festival di Sanremo 2019: 10 milioni 86 mila spettatori – con uno share del 49.5 per cento. La prima parte, in onda dalle 21.16 alle 23.56, ha avuto 12 milioni 282 mila spettatori e uno share del 49.4 per cento; la seconda parte – dalle 00.01 all’1.14 – è stata seguita da 5 milioni 120 mila telespettatori con il 50.1 per cento di share. “Sanremo Start”, dalle 20.47 alle 21.13, ha avuto un pubblico di 10 milioni 956 mila spettatori, share del 38.7 per cento.

Il picco di ascolto in termini di spettatori è stato registrato alle 21.46 con 15 milioni 662 mila per l’esibizione di Andrea e Matteo Bocelli, quello di share alle 23.30 con il 54 per cento per Giorgia.

Per quanto riguarda i social #Sanremo2019 sfiora 3 milioni di interazioni risultando l’evento televisivo più commentato da settembre 2018. Crescono le interazioni su Instagram, il social dei giovanissimi (+100 mila) e Facebook (+50 mila).

Buon esordio del “Dopofestival” (1 milione 663 mila spettatori, share del 36 per cento), mentre la striscia quotidiana “Prima Festival”, in onda dopo il Tg1, ha ottenuto 8 milioni 12 mila telespettatori, per uno share del 29.9 per cento di share, miglior dato dell’edizione 2019.

Nel prime time Rai1 è stata la rete più seguita con 12 milioni 444 mila telespettatori e uno share del 43.8 per cento.

Ascolti rilevanti anche per le trasmissioni di Rai1 dedicate al Festival: “Unomattina” ha avuto un ascolto medio di 888 mila spettatori e uno share del 16.5. Cresce “La vita in diretta” – in onda da Sanremo – che nella seconda parte raggiunge 1 milione 847 mila spettatori e uno share del 14.2 per cento. Su Rai2, “Tg2 Costume e Società”, dedicato al Festival, ha avuto 1 milione 294 mila spettatori con l’8.3 per cento di share.

Da segnalare anche il preserale di Rai1 con “L’eredità” (5 milioni 406 mila spettatori, share del 25.7 per cento). Ascolto record per il Tg1 delle 20.00 con 6 milioni 386 mila spettatori, share del 26.3 per cento.

Per quanto riguarda il prime time delle altre reti Rai, Rai2 il film “Pericle il Nero” hanno fatto registrare rispettivamente 527 mila spettatori (share del 1.9 per cento). Su Rai3 l’appuntamento con il programma di informazione “#Cartabianca” è stato visto da 966 mila persone (4 per cento di share).

Netto successo Rai in prima serata, in seconda serata e nell’intera giornata. Nel prime time 15 milioni 992 mila spettatori (56.3 di share). In seconda serata 8 milioni 113 mila ascoltatori (58.8 per cento). Nell’intera giornata 5 milioni 79 mila telespettatori (45.7 per cento).

Oltre 10 milioni (10.086.000) di spettatori e il 49,5% di share, #Sanremo2019 è il Festival più giovane di sempre: sui giovani dai 15 ai 24 anni registra il 58,4% share (+3,8% rispetto allo scorso anno). Record degli ultimi 17 anni sul pubblico maschile dai 15 ai 24 anni (share 54,3%).

Il picco di share è stato registrato alle 23:30 con il duetto di Giorgia e Claudio Baglioni (54%). Il picco di spettatori registrato alle 21:46 l’esibizione di Andrea Bocelli Matteo Bocelli.

Grande successo anche su RaiPlay: oltre 560mila media views (+14% rispetto a #Sanremo2018) e oltre 240mila browser unici (+14%).

Sui social si tratta dell’evento tv più commentato da settembre 2018: quasi 3milioni le interazioni totali, in crescita su Instagram, il social dei giovanissimi (+100 mila) e su Facebook (+50 mila).

Nel dettaglio, tutti gli spaccati della serata sanremese: Sanremo Start è stato visto da 10.956.000 telespettatori (38,66%), la prima parte ha registrato 12.282.000 di spettatori (49,4%) e la seconda parte, dopo la mezzanotte, 5.120.000 (50,11%).

Il picco di ascolti è stato registrato alle 21:46 con 15.662.000 per l’esibizione di Andrea e Matteo Bocelli, quello di share alle 23:30 con il 54% per Giorgia.

Social: #Sanremo2019 sfiora i 3 milioni di interazioni risultando l’evento televisivo più commentato da settembre 2018.

Crescono le interazioni su Instagram, il social dei giovanissimi (+100 mila) e Facebook (+50 mila).

La prima serata della 69^ edizione del Festival di Sanremo è l’evento televisivo più rilevante sui Social in Italia della stagione televisiva in corso (da settembre 2018, esclusi eventi sportivi).

Con 2,8 milioni di interazioni totali nella giornata di ieri, registra una crescita vs la prima serata dell’edizione 2018 sia su Instagram (+8%) sia su Facebook (+33%). 

Instagram è il social che ha generato la percentuale più alta di interazioni (50%) seguito da Twitter (36%), Facebook (14%). 

L’hashtag ufficiale della kermesse su Twitter è stato menzionato 140 mila volte.

Complessivamente, durante tutta la giornata, gli account ufficiali del Festival sulle tre piattaforme hanno generato un engagement pari a 650 mila interazioni.

Il picco delle Interazioni Twitter è stato registrato alle 23:08 in occasione del meme della famiglia Addams. A seguire molto coinvolgenti il momento dell’esibizione di Loredana Bertè, e il duetto Giorgia – Baglioni.

Successo ha riscosso anche la diretta  streaming della prima serata su RaiPlay: 567 mila visualizzazioni (+14% vs prima serata 2018).

Come ogni anno l’obbiettivo è mantenere (o far crescere) i dati di ascolto della prima serata.

Sanremo – Prima puntata – Gli ascolti delle ultime edizioni. Si conferma una tendenza degli ultimi anni per tutti i presentatori all’Ariston, il primo anno ottiene risultati migliori del secondo.

Carlo Conti dal 2015 al 2017, in discesa dopo il primo anno ed in ripresa nel terzo. 

Fabio Fazio perse quasi 2 milioni di spettatori dal 2013 al 2014.

Gianni Morandi perse quasi 500mila dal 2011 al 2012.

Pippo Baudo perse più di due milioni dal 2007 al 2008.

  • 2019: Spettatori: 10.086.000 – Share 49,50%
  • 2018: Spettatori: 11.603.000 – Share 52,01%
  • 2017: Spettatori: 11.382.000 – Share 50,37%
  • 2016: Spettatori: 10.612.000 – Share 50,73%
  • 2015: Spettatori: 11.849.000 – Share 50,51%
  • 2014: Spettatori: 10.073.000 – Share 45,93%
  • 2013: Spettatori: 12.171.000 – Share 48,20%
  • 2012: Spettatori: 11.415.000 – Share 49,69%
  • 2011: Spettatori: 11.992.000 – Share 46,32%
  • 2010: Spettatori: 10.718.000 – Share 45,29%
  • 2009: Spettatori: 10.114.000 – Share 47,93%
  • 2008: Spettatori: 7.168.000 – Share 36,46%
  • 2007: Spettatori: 9.606.000 – Share 45,44%
  • 2006: Spettatori: 9.141.000 – Share 44,45%
  • 2005: Spettatori: 12.218.000 – Share 54,78%
  • 2004: Spettatori: 10.104.000 – Share 42,48%
  • 2003: Spettatori: 9.257.000 – Share 42,55%
  • 2002: Spettatori: 12.461.000 – Share 56,22%
  • 2001: Spettatori: 12.353.000 – Share 51,98%
  • 2000: Spettatori: 15.039.000 – Share 57,92%
  • 1999: Spettatori: 16.234.000 – Share 56,75%

1549462818659_Curva Prima serata.png