ESC 2019: Disponibile da oggi la compilation di tutte le canzoni di “Eurovision Song Contest 2019”

Da oggi su tutte le piattaforme musicali è disponibile per il download la compilation ufficiale dell’Eurovision Song Contest Tel Aviv 2019. Ancora esclusivamente online e quindi su tutti gli store digitali e sulle piattaforme di ascolto in streaming. Anche la versione con le basi karaoke.

È disponibile da oggi in formato digitale, in download su iTunes, la compilation della 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest, che si terrà per la  terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) di Tel Aviv, il 14, 16 e 18 maggio 2019, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY”, contenente tutte le 41 canzoni partecipanti. 

Con l’uscita ufficiale odierna della compilation ufficiale dell’Eurovision Song Contest 2019, contenente i 41 brani in gara, disponibile su tutte le piattaforme musicali per il download, finalmente è stata pubblicata la versione ufficiale ridotta a 3 minuti di “Soldi”, il brano con cui Mahmood, rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest 2019 e “Truth” del cantante azero Chingiz (Çingiz Mustafayev) che rappresenterà l’Azerbaigian.

La compilation, disponibile al prezzo di 17,99 euro contiene le versioni che saranno eseguite sul palco di Tel Aviv, per cui anche “Soldi” di Mahmood è disponibile nella versione ‘tagliata’ a 3 minuti. La compilation è acquistabile a questo link.

Ricordiamo che a breve la compilation sarà disponibile anche in versione cd fisico, che è già possibile preordinare passando dal sito ufficiale. Il doppio cd verrà pubblicato il 26 Aprile e sarà distribuito in tutti i negozi.

Nel frattempo, per coloro che volessero cominciare il ‘ripasso’ in vista dell’edizione, la compilation è disponibile anche all’ascolto sulla piattaforma di Spotify  e sulle altre piattaforme come Deezer, Google Play e Tidar. Le trovate a questo link.

Ed ecco la tracklist di entrambi CD:

  1. Jonida Maliqi – Ktheju Tokës (Albania)
  2. Srbuk – Walking Out (Armenia)
  3. PAENDA – Limits (Austria)
  4. Kate Miller-Heidke – Zero Gravity (Australia)
  5. Chingiz – Truth (Azerbaijan)
  6. Eliot – Wake Up (Belgium)
  7. Zena – Like It (Belarus)
  8. Luca Hänni – She Got Me (Switzerland)
  9. Tamta – Replay (Cyprus)
  10. Lake Malawi – Friend of a Friend (Czech Republic)
  11. S!sters – Sister (Germany)
  12. Leonora – Love Is Forever (Denmark)
  13. Victor Crone – Storm (Estonia)
  14. Miki Núñez – La Venda (Spain)
  15. Darude – Look Away (feat. Sebastian Rejman) [Finland]
  16. Bilal Hassani – Roi (France)
  17. Michael Rice – Bigger Than Us (United Kingdom)
  18. Oto Nemsadze – Keep On Going (Georgia)
  19. Katerine Duska – Better Love (Greece)
  20. Roko – The Dream (Croatia)
  21. Joci Pápai – Az én apám (Hungary)
  22. Sarah McTernan – 22 (Ireland)
  23. Kobi Marimi – Home (Israel)
  24. HATARI – Hatrið mun sigra (Iceland)
  25. Mahmood – Soldi (Italy)
  26. Jurij Veklenko – Run With The Lions (Lithuania)
  27. Carousel – That Night (Latvia)
  28. Anna Odobescu – Stay (Moldova)
  29. Dmol – Heaven (Montenegro)
  30. Tamara Todevska – Proud (North Macedonia)
  31. Michela Pace – Chameleon (Malta)
  32. Duncan Laurence – Arcade (Netherlands)
  33. KEiiNO – Spirit In The Sky (Norway)
  34. Tulia – Fire Of Love (Pali Sie) [Poland]
  35. Conan Osíris – Telemóveis (Portugal)
  36. Ester Peony – On A Sunday (Romania)
  37. Nevena Božović – Kruna (Serbia)
  38. Sergey Lazarev – Scream (Russia)
  39. John Lundvik – Too Late For Love (Sweden)
  40. Zala Kralj & Gašper Šantl – Sebi (Slovenia)
  41. Serhat – Say Na Na Na (San Marino)

“Soldi” scritta dallo stesso Mahmood con Dario “Dardust” Faini e Charlie Charles, “Soldi” sta per raggiungere 70 milioni di visualizzazioni su YouTube, dopo aver ottenuto il doppio disco di platino per le oltre 100.000 copie.

Come da Regolamento le canzoni in gara devono avere tutte la durata di 3 minuti. “Soldi”, come tutti ben sappiamo, aveva una durata 3:15 e di conseguenza doveva essere accorciata.

All’ascolto, la canzone conserva la sua integrità e naturalezza dall’inizio alla fine, ma ci sono tre piccoli tagli effettuati rispetto alla versione album della canzone. È stato reso più breve l’intro, ed eliminata la frase “Sai già come va, come va, come va” sia nella prima che nella seconda strofa. In totale “Soldi” con questo taglio non sembra subire particolari scossoni, ma anzi conserva la fluidità e il dinamismo della versione originale. Ricordiamo che il brano sta portando molta fortuna al cantautore, grazie al doppio disco di platino raggiunto in Italia, il disco d’oro in Svizzera, e i numeri importanti raggiunti sulle piattaforme di streaming.

Nel frattempo Mahmood, che in questi giorni ha registrato la cartolina eurovisiva che verrà trasmessa prima della sua esibizione a Tel Aviv.

Inoltre, sarà possibile assistere alla prima prova live di Mahmood sulla nuova versione di “Soldi” tra due giorni, quando il cantante si esibirà al London Eurovision Party.

Oltre a registrare la postcard / cartolina che introdurrà la sua esibizione all’Eurovision Song Contest, lo scorso 9 aprile Mahmood è stato intervistato dai microfoni del tg della rete israeliana KAN 11 / כאן חדשות.

L’emittente pubblica israeliana che si occupa della kermesse, ha trasmesso il segmento dedicato al rappresentante italiano durante l’edizione serale del proprio telegiornale.

Mahmood ha risposto alle domande della giornalista Shani Nachshon, facendo conoscere agli spettatori qualche aneddoto sulla sua esperienza sanremese e in particolare su “Soldi”, il brano con il quale rappresenterà l’Italia a Tel Aviv.

L’artista ha spiegato in breve il significato del pezzo, come ormai noto un racconto della propria esperienza familiare, ricco di metafore.

Alessandro ha avuto modo di esprimere il proprio parere sul tweet lanciato da Matteo Salvini pochi secondi dopo la sua vittoria, spiegando che un semplice parere di gusto del politico, è stato a suo dire travisato e strumentalizzato dalla stampa.

Il cantante milanese ha anche raccontato il perché abbia scelto di inserire una frase in arabo (“Waladi waladi habibi ta’aleena“) all’interno del testo, nonostante non parli la lingua. Trattasi di un ricordo dell’infanzia, una delle frasi pronunciate dal padre egiziano.

Come già riportato su queste pagine, “Soldi” sarà il quarto brano in gara all’Eurovision a portare sul palco la lingua araba, dal suo debutto nel 1980 con “Bitakat hob” della marocchina Samira Said.

Per concludere l’intervista, Mahmood si è detto speranzoso di esibirsi in un concerto in Israele nel prossimo futuro, esprimendo il proprio apprezzamento su Tel Aviv, nella quale ritrova un mix di New York e Il Cairo.

Questo slideshow richiede JavaScript.