ESC 2022: “A presto!” La delegazione italiana in visita alla sede dell’EBU-UER

Si è svolta stamattina a Ginevra, la prima riunione del Reference Group insieme alla delegazione italiana della Rai, in vista dell’Eurovision Song Contest 2022.

Il Reference Group è composto da capi delegazione eletti, da produttori esecutivi delle precedenti emittenti ospitanti e dal Supervisore Esecutivo dell’Eurovision Song Contest a nome dell’European Broadcasting Union (EBU-UER), Martin Österdahl. Uno dei compiti del Gruppo di Riferimento è quello di guidare il Concorso da un’emittente ospitante all’altra.

Gruppo di Riferimento dell’Eurovision Song Contest – Da sinistra a destra: Claudio Fasulo, vice direttore di RAI Uno, Simona Martorelli (RAI), Felix Bergsson (RÚV), David Tserunyan (AMPTV), Martin Österdahl (EBU), Carla Bugalho (RTP), Yuval Cohen (KAN), Sietse Bakker (NPO), Astrid Dutrenit (NPO), Frank-Dieter Freiling (ZDF). (Nota: Claudio Fasulo non fa parte del Gruppo di Riferimento e Alexandra Redde (FTV) che lo è, è assente dalla foto.)

La capo delegazione italiana, Simona Martorelli ed il vicedirettore di Rai 1 con delega su intrattenimento ed eventi sono andati in visita alla sede a Ginevra, in Svizzera dell’EBU-UER. 

Simona Martorelli che ha condiviso la sua emozione per la possibilità, da parte dell’Italia, di ospitare il più grande evento musicale del mondo: “C’è molto entusiasmo intorno all’Eurovision Song Contest in Italia. A questa vittoria si unisce un sentimento di rinascita di cui l’Italia ha davvero bisogno. Non vediamo l’ora di lavorare con il Reference Group per produrre un incredibile ESC in Italia nel 2022. Nella storia dell’Eurovision Song Contest, la mia canzone preferita è “Waterloo” degli ABBA e la mia entry italiana preferita è, ovviamente, “Zitti E Buoni” dei Måneskin!’”.

Smentendo il vecchio proverbio ‘tutte le strade portano a Roma’, Simona Martorelli ha, poi aggiunto: “Il nostro primo compito è ovviamente quello di trovare una grande città ospitante durante l’estate per lo spettacolo del prossimo anno.”

Martin Österdahl, ha dato il benvenuto al Reference Group presso la sede dell’EBU-UER a Ginevra, in Svizzera: “È fantastico poter finalmente accogliere il Reference Group a Ginevra e incontrarsi di persona per la prima volta in oltre 18 mesi. Il passaggio di consegne tra l’emittente ospitante dell’anno precedente e quello successivo è sempre un momento speciale e quest’anno lo è ancora di più. Abbiamo riflettuto su tre show spettacolari a Rotterdam e siamo entusiasti di accogliere a bordo il team della Rai e non vediamo l’ora di scoprire cosa ci regaleranno nel 2022.”

Il conto alla rovescia per Italia 2022 inizia!.

Sono diverse le città che hanno manifestato interesse ad organizzare l‘Eurovision Song Contest 2022, fra tutte Torino è quella che sta dimostrando un forte interesse ad ospitarlo.